Approfondimenti

La lotta sindacale dei dipendenti di Amazon

amazon

L’intervista di Davide Mamone a Stuart Appelbaum, uno dei promotori del referendum sull’ingresso nell’azienda di una rappresentanza dei lavoratori

Ha avuto tutto inizio lo scorso giugno a Bessemer, 27mila abitanti a nord dell’Alabama. Mentre in America si scendeva in piazza per George Floyd, in questo fazzoletto di terra non distante dalla Georgia una manciata di lavoratori di Amazon si appellavano alla Retail, Wholesale and Department Store Union, uno dei sindacati più grandi degli Stati Uniti. Con una richiesta: “E’ possibile farvi entrare in azienda?”. “Quando ci hanno chiamati erano una manciata appena, si lamentavano che li trattassero come robot”  racconta al telefono Stuart Appelbaum, che del sindacato è presidente.

“Amazon invia ai dipendenti, via smartphone, avvertimenti come “Non stai producendo abbastanza”. Licenziano con SMS. I dipendenti hanno paura di andare in bagno e lavorano senza le adeguate protezioni anti-Covid. Non si può andare avanti cosi”. Qualcosa è cambiato. Fino al 29 Marzo, i quasi 5800 dipendenti dello stabile Amazon potranno dire SI a un referendum per la formazione di una rappresentanza sindacale in azienda. Sarebbe la prima volta nella storia di Amazon. Un precedente in tutto il Paese.“La maggior parte dei lavoratori dello stabile a Bessemer è afroamericano, circa l’80-85%. Sono loro a portare avanti questa lotta sindacale” spiega Appelbaum. “Un tempo erano gli immigrati italiani che chiedevano più rispetto nelle fabbriche, oggi possiamo dire che gli equilibri siano cambiati. Adesso sono le minoranze d’America a chiedere quei diritti negati”.

Il voto, però, è tutt’altro che scontato. Perché Amazon offre già ai suoi dipendenti bonus, copertura sanitaria e 15 dollari all’ora, in linea con il minimo salariale per cui i Dem stanno combattendo in Senato, più del doppio di quanto stabilito nello stato dell’Alabama oggi. E in una cittadina che per decenni ha vissuto una carestia occupazionale senza precedenti, quando le chiusure dei colossi industriali dell’acciacio fecero schizzare la disoccupazione al 35%. Oggi oscilla sul 7%. E se oscilla sul 7% molto lo deve proprio ad Amazon, che ha avviato il suo stabile nel marzo 2020, investendo su Bessemer nonostante il coronavirus. l referendum ha attirato gli occhi del Paese.

Joe Biden domenica lo ha difeso in un inusuale messaggio dalla Casa Bianca. Oggi è in arrivo una delegazione del Congresso ed eventi sono previsti per tutto il mese. Un SI a Bessemer in Alabama cambierebbe il peso dei sindacati in tutto il Paese e gli equilibri del mercato del lavoro post-pandemia.“Se Jeff Bezos, proprietario di Amazon, regalasse un bonus da 105,000 dollari ai suoi dipendenti, sarebbe ricco esattamente come prima del coronavirus” attacca Appelbaum. “Qui chiediamo rispetto e dignità”.

Foto | Uno stabilimento di Amazon a Waukegan, Illinois

 

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mercoledì 25/05/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 25/05/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mercoledì 25/05/2022 delle 7:15

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 25/05/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Il demone del tardi di mercoledì 25/05/2022

    a cura di Gianmarco Bachi

    Il demone del tardi - 25/05/2022

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di mercoledì 25/05/2022

    Notizie, opinioni, punti di vista tratti da un'ampia gamma di fonti - stampa cartacea, social media, Rete, radio e televisioni…

    Esteri – La rassegna stampa dei giornali internazionali - 25/05/2022

  • PlayStop

    Caffè nero bollente di mercoledì 25/05/2022

    Ogni mattina dalle 6 alle 7 insieme a Florencia Di Stefano-Abichain sfogliamo i giornali, ascoltiamo bella musica e ci beviamo…

    Caffè Nero Bollente - 25/05/2022

  • PlayStop

    Hexagone di mercoledì 25/05/2022

    Un viaggio alla scoperta della musica francofona con Alberto Visconti. Alberto Visconti, già voce e leader del gruppo L’Orage, propone…

    Hexagone - 25/05/2022

  • PlayStop

    Jailhouse Rock di martedì 24/05/2022

    Suoni, suonatori e suonati dal mondo delle prigioni Jailhouse Rock è una trasmissione radiofonica in onda su Radio Popolare e…

    Jailhouse Rock - 25/05/2022

  • PlayStop

    News della notte di martedì 24/05/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 25/05/2022

  • PlayStop

    L'altro martedì di martedì 24/05/2022

    Dal 14 settembre dalle ore 22.00 alle 22.30 alla sua quarantunesima edizione L’Altro Martedì, la trasmissione LGBT+ di Radio Popolare…

    L’Altro Martedì - 25/05/2022

  • PlayStop

    Doppio Click di martedì 24/05/2022

    Doppio Click è la trasmissione di Radio Popolare dedicata ai temi di attualità legati al mondo di Internet e delle…

    Doppio Click - 25/05/2022

  • PlayStop

    Gli speciali di martedì 24/05/2022

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 25/05/2022

  • PlayStop

    Esteri di martedì 24/05/2022

    Il giro del mondo in 24 ore. Ideato da Chawki Senouci Data di nascita: 6 ottobre 2003 (magazine domenicale di…

    Esteri - 25/05/2022

  • PlayStop

    The Game di martedì 24/05/2022

    1) “La pandemia ha avuto effetti di rilevanza storica, che vanno al di là di quelli sanitari, ovviamente importanti”. Parla…

    The Game - 25/05/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di martedì 24/05/2022

    Dove ci si getta sull'attualità raccontando, con ascoltatori e ascoltatrici, la grandinata che sta colpendo il nord di Milano. Poi…

    Muoviti muoviti - 25/05/2022

  • PlayStop

    Intervista a Emilio Isgrò di Tiziana Ricci

    Ricordiamoci cosa significa la cancellatura per Emilio Isgrò: non significa annullare, nascondere, togliere di mezzo, bensì esaltare un testo, proteggerlo,…

    Clip - 24/05/2022

  • PlayStop

    Di tutto un boh di martedì 24/05/2022

    l’Italia è una repubblica fondata sul sentito dire. Tra cliché e cose spiegate male, è un attimo perdersi un pezzo…

    Di tutto un boh - 25/05/2022

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di martedì 24/05/2022

    Si parla con Chiara Caprio di Animal Equality Italia delle novità in Europa su benessere animale, ma anche di Regione…

    Considera l’armadillo - 25/05/2022

  • PlayStop

    Jack di martedì 24/05/2022

    Ospite telefonico la Bandakadabra per parlare di Musicamobile Monza

    Jack - 25/05/2022

  • PlayStop

    Marco Colombo, Il bosco delle maschere. La vita segreta del tasso

    MARCO COLOMBO - IL BOSCO DELLE MASCHERE. LA VITA SEGRETA DEL TASSO – presentato da CECILIA DI LIETO

    Note dell’autore - 25/05/2022

  • PlayStop

    Lea Ypi - Libera. Diventare grandi alla fine della storia

    Negli studi di Radio Popolare, la docente, saggista, filosofa e scrittrice Lea Ypi, racconta a Cult di Ira Rubini, la…

    Clip - 24/05/2022

  • PlayStop

    La Pillola va giù di lunedì 23/05/2022

    Questa puntata è realizzata con bambine e bambini dell'IC Confalonieri nell'ambito del progetto Be Resilient Be Sustainable realizzato in collaborazione…

    La Pillola va giù - 25/05/2022

Adesso in diretta