Approfondimenti

La guerra nel Tigray e la crisi umanitaria in Etiopia

etiopia

Abraha Kinfe ha 40 anni, e 3 figli: un bambino di 5 anni e due gemelle di appena 3 mesi, nate lo scorso 10 novembre. Vive a pochi km dalla città di Mai Kadra, nel Tigray, regione settentrionale dell’Etiopia. Lo scoppio del conflitto tra l’esercito federale di Addis Abeba e le truppe tigrine, a inizio novembre, ha radicalmente cambiato la sua vita. Quel 10 novembre le truppe federali stanno proprio avanzando verso il suo villaggio, ma fortunatamente Abraha riesce a nascondersi nella vicina foresta con la sua famiglia. Proprio in quelle ore, Per sua moglie Letai, arrriva il momento del parto, e pur senza nessun aiuto medica, nascono due bambine. La donna non riesce a riprendersi dal parto gemellare, e purtroppo non è possibile cercare soccorso medico: la vicina città è deserta, ricorda Abraha, l’esodo dei tigrini verso il Sudan è già iniziato.

In quei giorni in Etiopia il conflitto è al culmine della sua violenza. Proprio vicino a Mai kadra 600 civili verranno massacrati a colpi di machete. Senza le adeguate cure mediche, Letai muore 10 giorni dopo il parto. Abraha si convince a partire, con il figlio ancora piccolo e le due neonate sistemate in una cesta. Viaggiano cercando di nascondersi nella foresta, ma prendersi cura delle gemelle da solo è davvero difficile: le nutre con gocce d’acqua, zucchero, offrendo loro il dito da succhiare dopo averlo intinto nella zuppa. Riescono a resistere 20 giorni, poi finalmente raggiungono il campo rifugiati di Hamdayait,
in Sudan. A prendersi cure delle bambine, ci sono ora i medici della Croce Rossa. Stanno aumentando di peso, racconta il padre, stanno bene. E al campo profughi di Hamdayait che abraha si trova ancora, e qui che i giornalisti della Bbc lo hanno incontrato raccogliendo la sua testimonianza, assieme a quella di molti altri profughi scappati dal Tigray.

È di questa settimana l’ultimo appello della Croce Rossa Internazionale, la quale stima che circa tre milioni di persone su sei milioni di abitanti nel Tigray abbiano infatti perso casa, cibo, accesso ai servizi sanitari e alla scuola. La Croce Rossa etiope afferma di aver rilevato numerosi casi di malnutrizione severa tra i bambini, e denuncia di non poter raggiungere l’80% della popolazione, che resta quindi tagliata fuori dagli aiuti umanitari. C’è carenza di acqua potabile, mancano medicine e i danni alle strutture ospedaliere rendono impossibile curare i malati. Il governo etiope ha finora risposto alle critiche internazionali sui ritardi nell’ingresso degli aiuti promettendo l’imminente distribuzione di una tonnellata a mezza di generi di prima necessità, ma è evidente che vietare l’accesso agli operatori umanitari serve a cercare di nascondere cosa sta realmente succedendo nella regione.

Nel Tigray infatti i combattimenti starebbero continuando, nonostante il primo ministro etiope Abyi Ahmed a fine novembre abbia dichiarato la fine degli scontri. Proprio pochi giorni fa il leader del Fronte di Liberazione del popolo tigrino in Etiopia ha mandato un messaggio ad Addis Abeba, annunciando una guerra ad oltranza contro quelli che definisce invasori, mentre si moltiplicano le testimonianze di massacri di civili, saccheggi e deportazioni di rifugiati eritrei che sarebbero stati commessi dalle truppe eritree alleate dei soldati etiopi, e ancora presenti nella regione.

Addis Abeba, capitale dell’Etiopia, chiaramente smentisce ogni addebito, ma dopo gli allarmi delle agenzie dell’Onu e delle poche Ong sul campo per la crisi umanitaria in corso, la pressione internazionale sul governo etiope aumenta; l’ultimo in ordine di tempo a chiamare il primo ministro abye Ahmed è stato il neo segretario di stato americano Antony Blinken, che se da un lato ha sottolineato l’importanza delle relazioni bilaterali tra i due stati, dall’altro ha chiesto un accesso immediato, completo e senza ostacoli agli aiuti umanitari, in modo da prevenire ulteriori perdite di vite umane.

Foto | Un’immagine dell’Health Center di Turmi (Etiopia)

  • Autore articolo
    Sara Milanese
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di venerdì 01/07/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 07/01/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 01/07/2022 delle 19:51

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 07/01/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    News della notte di venerdì 01/07/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 07/01/2022

  • PlayStop

    Esteri di venerdì 01/07/2022

    1-La lezione di Odessa. L’Ucraina è diventata il teatro della nuova guerra fredda e alla fine muoiono i civili. L’attacco…

    Esteri - 07/01/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di venerdì 01/07/2022

    Dove non si saluta solo l'ultima puntata di "Muoviti, muoviti" ma anche un po' tutte le ultime puntate di oggi…

    Muoviti muoviti - 07/01/2022

  • PlayStop

    Di tutto un boh di venerdì 01/07/2022

    l’Italia è una repubblica fondata sul sentito dire. Tra cliché e cose spiegate male, è un attimo perdersi un pezzo…

    Di tutto un boh - 07/01/2022

  • PlayStop

    L'Europa in casa nostra di venerdì 01/07/2022

    Una delle principali sfide che l’Unione europea sta affrontando oggi è legata a questa domanda: come portare lo spirito e…

    L’Europa in casa nostra - 07/01/2022

  • PlayStop

    Jack di venerdì 01/07/2022

    Lo spinotto musicale di Radio Popolare si prende cura del vostro primo pomeriggio e della vostra passione per la musica,…

    Jack - 07/01/2022

  • PlayStop

    Gianluca Alzati, Volevo fare la corridora. La vita, la passione, le battaglie della campionessa di ciclismo Morena Tartagni

    GIANLUCA ALZATI – VOLEVO FARE LA CORRIDORA. LA VITA, LA PASSIONE, LE BATTAGLIE DELLA CAMPIONESSA DI CICLISMO MORENA TARTAGLI –…

    Note dell’autore - 07/01/2022

  • PlayStop

    I risparmi de Maria Cazzetta

    quando chiediamo agli ascoltatori dei loro vani tentativi di risparmiare piccole cifre per poi finire a spenderne di maggiori, tra…

    Poveri ma belli - 07/01/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di venerdì 01/07/2022 delle 12:46

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 07/01/2022

  • PlayStop

    Cult di venerdì 01/07/2022

    a Welcome to Socotra i Cantieri Teatrali Koreja propongono „Alessandro „, La mostra „Luna Park dell‘anima, Coney Island“ di Maurizio…

    Cult - 07/01/2022

  • PlayStop

    37e2 di venerdì 01/07/2022

    I conflitti d’interesse in medicina; la vita di una persona disabile a Sesto S. Giovanni; cosa sta accadendo nelle RSA;…

    37 e 2 - 07/01/2022

  • PlayStop

    Prisma di venerdì 01/07/2022

    Notizie, voci e storie nel mattino di Radio Popolare, da lunedì a giovedì dalle 9.00 alle 10.30. Il venerdì dalle…

    Prisma - 01/07/2022

  • PlayStop

    Prisma di venerdì 01/07/2022

    Notizie, voci e storie nel mattino di Radio Popolare, da lunedì a giovedì dalle 9.00 alle 10.30. Il venerdì dalle…

    Prisma - 07/01/2022

  • PlayStop

    Il giorno delle locuste di venerdì 01/07/2022

    Le locuste arrivano come orde, mangiano tutto quello che trovano sul loro cammino e lasciano solo desertificazione e povertà. Gianmarco…

    Il giorno delle locuste - 07/01/2022

  • PlayStop

    Il demone del tardi di venerdì 01/07/2022

    a cura di Gianmarco Bachi

    Il demone del tardi - 07/01/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di venerdì 01/07/2022 delle 7:47

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 07/01/2022

Adesso in diretta