Approfondimenti

La Grosse Koalition vista dai giornali

La nuova coalizione c’è, Angela Merkel resta cancelliera. Tutto quindi come quattro anni fa? Non proprio.

Così scrive lo Spiegel Online. Che dice: Un ministero delle Finanze in mano alla SPD e Martin Schulz ministro degli Esteri possono dare una nuova direzione al governo. Schulz, dice lo Spiegel Online, darà un’accelerata alla politica europea tedesca, con tutta la passione che manca ad Angela Merkel.

Il leader socialdemocratico ha annunciato di voler lasciare la guida del partito dopo il voto della base sull’accordo di coalizione. Al suo posto, l’attuale capogruppo Andrea Nahles. La quale, scrive Spiegel Online, è la prima donna al vertice della SPD in 153 anni. Assieme al probabile vicecancelliere (e sindaco di Amburgo) Olaf Scholz dovrà portare la SPD fuori dalla crisi. Non tutti i “compagni” (come vengono chiamati i socialdemocratici) però sono contenti, dice l’articolo.

La SPD ha ottenuto sei ministeri nel nuovo governo, tra cui appunto gli importanti Esteri, Finanze, Lavoro e Affari sociali.

Finanze ed Interni erano in mano alla CDU, che ha dovuto lasciarli. “Cosa rimane alla CDU? Angela Merkel” scrive la Frankfurter Allgemeine Zeitung, di orientamento conservatore liberale. Ai cristiano-democratici, continua l’articolo, resta ciò che per loro è sempre stata la cosa più importante: la cancelleria. Dove siede Angela Merkel, alla quale nella CDU ancora non c’è alternativa. La cancelliera, continua la FAZ, in due decenni ha rimodellato il partito talmente secondo la sua forma e metodo, che ci si chiede, cosa resterà della CDU quando la Merkel si ritirerà. IL partito, dice la Frankfurter Allgemeine Zeitung, non è preparato.

Meglio non governare che governare male, aveva detto il leader dei Liberali, Christian Lindner, annunciando il fallimento della coalizione Jamaika con Unione e Verdi. Su questa frase gioca il giornale di sinistra Taz, che titola: Meglio governare male che non farlo proprio. “La Grosse Koalition può giustamente non piacere. Al momento è tuttavia la migliore di tutte le cattive opzioni”. Il nuovo governo, continua il giornale, non sarà incosciente, non troppo populista – per questo gli manca la forza – ma professionale. E si, presumibilmente piuttosto noioso. A un Paese, conclude la Taz, può succedere di peggio.

  • Autore articolo
    Flavia Mosca Goretta
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mar 22/06/21

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 23/06/2021

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mar 22/06/21 delle 19:49

    Metroregione di mar 22/06/21 delle 19:49

    Rassegna Stampa - 23/06/2021

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Music Revolution di mar 22/06/21

    Music Revolution di mar 22/06/21

    Music Revolution - 23/06/2021

  • PlayStop

    News Della Notte di mar 22/06/21

    News Della Notte di mar 22/06/21

    News della notte - 23/06/2021

  • PlayStop

    A casa con voi di mar 22/06/21

    A casa con voi di mar 22/06/21

    A casa con voi - 23/06/2021

  • PlayStop

    Ora di punta di mar 22/06/21

    Ora di punta di mar 22/06/21

    Ora di punta – I fatti del giorno - 23/06/2021

  • PlayStop

    Esteri di mar 22/06/21

    1-Nazioni più povere a corto di vaccini. L’allarme dell’Oms...Ma in Uganda, alle prese con un drammatico aumento di contagi, il…

    Esteri - 23/06/2021

  • PlayStop

    Sunday Blues di mar 22/06/21

    Sunday Blues di mar 22/06/21

    Sunday Blues - 23/06/2021

  • PlayStop

    Uno di Due di mar 22/06/21

    Uno di Due di mar 22/06/21

    1D2 - 23/06/2021

  • PlayStop

    Considera l'armadillo mar 22/06/21

    Considera l'armadillo mar 22/06/21

    Considera l’armadillo - 23/06/2021

  • PlayStop

    Jack di mar 22/06/21

    Jack di mar 22/06/21

    Jack - 23/06/2021

  • PlayStop

    Stay Human di mar 22/06/21

    Stay Human di mar 22/06/21

    Stay human - 23/06/2021

  • PlayStop

    Memos di mar 22/06/21

    I profughi nel mondo sono più di 82 milioni, quasi quanto la popolazione di un paese come la Germania. Lo…

    Memos - 23/06/2021

  • PlayStop

    Raul Montanari, Il vizio della solitudine

    RAUL MONTANARI - IL VIZIO DELLA SOLITUDINE - presentato da IRA RUBINI

    Note dell’autore - 23/06/2021

  • PlayStop

    Cult di mar 22/06/21

    ira rubini, cult, pesaro film festival 2021, barbara sorrentini, giulietta fara, il giardino delle esperidi 21, lorenza brambilla, campsirago, restate…

    Cult - 23/06/2021

  • PlayStop

    A come America del mar 22/06/21

    A come America del mar 22/06/21

    A come America - 23/06/2021

  • PlayStop

    Sabato Libri di sab 19/06/21

    Sabato Libri di sab 19/06/21

    Sabato libri - 23/06/2021

  • PlayStop

    From Genesis to Revelation di mar 22/06/21

    From Genesis to Revelation di mar 22/06/21

    From Genesis To Revelation - 23/06/2021

  • PlayStop

    Fino alle otto di mar 22/06/21

    Fino alle otto di mar 22/06/21

    Fino alle otto - 23/06/2021

  • PlayStop

    Prisma di mar 22/06/21

    Proseguono le lotte nel settore della logistica dopo l'omicidio del sindacalista Adil Belakdim, collegamento con i presidi di Origgio (VA)…

    Prisma - 23/06/2021

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di mar 22/06/21

    Rassegna stampa internazionale di mar 22/06/21

    Rassegna stampa internazionale - 23/06/2021

Adesso in diretta