Approfondimenti

La fusione “amorosa” distopica (e spaventosa) della dark comedy Made for Love

Dieci anni fa, nel 2011, andava in onda la prima puntata di Black Mirror: una serie antologica per episodio che nessuno davvero riusciva a catalogare. La parola più usata era “fantascienza”, perché quasi ogni puntata metteva al centro di un racconto disturbante l’evoluzione di una tecnologia, ma le storie di Black Mirror sembravano anche molto più vicine allo spettatore rispetto alla generica proiezione nel futuro che appartiene al genere fantascientifico. Le prime due stagioni, di soli tre episodi l’una più uno speciale natalizio, andarono in onda sul canale britannico Channel 4, poi lo show fu comprato da Netflix, che decise di produrre più puntate: eppure, col passare del tempo, Black Mirror è diventato sempre meno efficace, sempre meno inquietante, sempre meno brillante. Forse la colpa è davvero il passaggio a Netflix, che ha sì aumentato il budget (coinvolgendo anche registi e attori celebri) ma ha anche annacquato certi temi. Un’altra ipotesi, però, è che Black Mirror sia stata raggiunta e superata dalla realtà: oggi, dieci anni dopo, ci viviamo davvero in una distopia, e sempre su Netflix spopolano titoli come The Social Dilemma, che sembrano puntate di Black Mirror e invece sono documentari. Nel frattempo, però, come ogni opera influente, Black Mirror ha aperto un nuovo sottogenere, e negli ultimi anni si sono moltiplicati gli esperimenti seriali che si muovono nei suoi stessi territori, tra ispirazioni inquietanti in stile Ai confini della realtà e critiche preoccupate al nostro presente. Da cult come Mr. Robot alla satirica Weird City di Jordan Peele passando per la splendida miniserie di Russell T Davies Years and Years.

L’ultima arrivata, dal 13 dicembre su Sky Serie, s’intitola Made for Love, è prodotta da HBO e inizia con una donna che sbuca, scarmigliata e scalza, da un misterioso tombino in mezzo al deserto di Joshua Tree. Scopriamo presto che il suo nome è Hazel e che negli ultimi dieci anni non è mai uscita dalla splendida villa ipertecnologica in cui il marito, magnate di una multinazionale high tech chiamata Gogol, l’ha tenuta rinchiusa. La casa stessa, dotata di miriadi d’occhi tecnologici in grado di misurare qualsiasi reazione o variazione nei segni vitali degli occupanti, è una sorta di Grande fratello familiare. Ma quando finalmente tenta la fuga, Hazel scopre una verità ancor più terrificante: il marito Byron le ha impiantato nel cervello, a sua insaputa, un chip che non solo è in grado di localizzarla ovunque, di sentire quello che dice, di ascoltare quel che sente e vedere quel che vede, ma anche di leggere i suoi “dati emotivi”: Hazel è la cavia di un esperimento di “fusione” amorosa, l’evoluzione dei servizi che promettono di trovare l’anima gemella con cui costruire un amore eterno. Protagonista di Made for Love è Cristin Milioti, ottima attrice dagli occhi enormi e dall’espressività unica, che curiosamente era già stata protagonista di un episodio di Black Mirror che con questa nuova serie presenta diverse analogie: s’intitolava USS Callister e raccontava di un programmatore frustrato che riproduceva la coscienza dei suoi dipendenti per poi imprigionarli in una realtà virtuale a misura della sua serie tv preferita, molto simile a Star Trek. In entrambi i casi, è evidente, le serie usano l’espediente fantascientifico per raccontare alcuni aspetti dell’oppressione di genere, la volontà di possedere una donna fino a controllarne ogni singolo movimento, interazione, pensiero. In Made for Love, che comunque ha un tono di dark comedy, a tratti meno angosciante delle puntate più nere di Black Mirror, si aggiunge anche una denuncia all’ansia di iperconnessione e condivisione dei dati della nostra contemporaneità: non possiamo più fare a meno dei nostri telefoni, delle case smart e degli algoritmi che ci “leggono nel pensiero”, ma in cambio di quest’innegabile comodità a cosa abbiamo rinunciato?

  • Autore articolo
    Alice Cucchetti
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di lunedì 06/02/2023

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 02/06/2023

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di lunedì 06/02/2023 delle 7:15

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 02/06/2023

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Mash-Up di lunedì 06/02/2023

    Mash Up è un dj set di musiche e parole diverse, anzi diversissime, che ogni lunedì si confondono fra loro…

    Mash-Up - 02/06/2023

  • PlayStop

    Jack di lunedì 06/02/2023

    Per raccontare tutto quello che di interessante accade oggi nella musica e in ciò che la circonda. Anticipazioni e playlist…

    Jack - 02/06/2023

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di lunedì 06/02/2023

    Noi e altri animali È la trasmissione che da settembre del 2014 si interroga su i mille intrecci di una…

    Considera l’armadillo - 02/06/2023

  • PlayStop

    Poveri ma belli di lunedì 06/02/2023

    Un percorso attraverso la stratificazione sociale italiana, un viaggio nell’ascensore sociale del Belpaese, spesso rotto da anni e in attesa…

    Poveri ma belli - 02/06/2023

  • PlayStop

    Storie di Giusti: Raphael Lemkin

    Nella seconda puntata del ciclo di Fondazione Gariwo raccontiamo la figura di Raphael Lemkin, il giurista ebreo polacco che ha…

    Clip - 02/06/2023

  • PlayStop

    Storie di Giusti: Raphael Lemkin

    Nella seconda puntata del ciclo di Fondazione Gariwo raccontiamo la figura di Raphael Lemkin, il giurista ebreo polacco che ha…

    Clip - 02/06/2023

  • PlayStop

    Cult di lunedì 06/02/2023

    Oggi a Cult: Rosario Lisma firma una nuova versione di "Il giardino dei ciliegi" di Anton Cechov al Teatro Menotti…

    Cult - 02/06/2023

  • PlayStop

    Sui Generis di venerdì 03/02/2023

    Insieme al giornalista Francesco Lepore ascoltiamo e commentiamo alcune dichiarazioni di Papa Bergoglio sulle persone gay; Davide Podavini, di Coming…

    Sui Generis - 03/02/2023

  • PlayStop

    Pubblica di lunedì 06/02/2023

    I numeri della deriva “privatistica” nella sanità in Lombardia e nel Lazio. Un articolo su Lavoce.info di due ricercatori Istat,…

    Pubblica - 02/06/2023

  • PlayStop

    Tutto scorre di lunedì 06/02/2023

    Sguardi, opinioni, vite, dialoghi ai microfoni di Radio Popolare.

    Tutto scorre - 02/06/2023

  • PlayStop

    ROSELLA POSTORINO - MI LIMITAVO AD AMARE TE

    ROSELLA POSTORINO - MI LIMITAVO AD AMARE TE - int. Ira Rubini

    Note dell’autore - 02/06/2023

  • PlayStop

    Prisma di lunedì 06/02/2023

    IL PUNTO POLITICO DOPO UNA SETTIMANA DI SCONTRO TRA DESTRA E PARTITO DEMOCRATICO, E UNO SGUARDO SUL CONGRESSO PD con…

    Prisma - 02/06/2023

  • PlayStop

    Rights now di lunedì 06/02/2023

    Una delle più grandi violazioni dei diritti umani: i bambini soldati nella Repubblica Democratica del Congo nel racconto di Antonella…

    Rights now – Il settimanale della Fondazione Diritti Umani - 02/06/2023

  • PlayStop

    Caffè nero bollente di lunedì 06/02/2023

    Ogni mattina dalle 6 alle 7 insieme a Florencia Di Stefano-Abichain sfogliamo i giornali, ascoltiamo bella musica e ci beviamo…

    Caffè Nero Bollente - 02/06/2023

  • PlayStop

    Reggae Radio Station di domenica 05/02/2023

    A ritmo di Reggae Reggae Radio Station accompagna discretamente l’ascoltatore in un viaggio attraverso le svariate sonorità della Reggae Music…

    Reggae Radio Station - 02/05/2023

  • PlayStop

    Prospettive Musicali di domenica 05/02/2023

    A cura di Gigi Longo. Musiche: Gianluca Petrella Cosmic Renaissance, Samara Alofa, DJ IV, Maggie Tra, Congotronics International, Gil Scott-Heron,…

    Prospettive Musicali - 05/02/2023

  • PlayStop

    News della notte di domenica 05/02/2023

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 02/05/2023

  • PlayStop

    La sacca del diavolo di domenica 05/02/2023

    “La sacca del diavolo. Settimanale radiodiffuso di musica, musica acustica, musica etnica, musica tradizionale popolare, di cultura popolare, dai paesi…

    La sacca del diavolo - 02/05/2023

Adesso in diretta