Approfondimenti

La Civica Scuola di Cinema Luchino Visconti ai tempi del COVID-19

Civica Scuola di Cinema Luchino Visconti

La didattica a distanza è diventata velocemente l’unica possibilità per scuole e università per portare avanti l’attività nonostante le difficoltà. Anche la Civica Scuola di Cinema Luchino Visconti si è dovuta adattare in pochi giorni, lo scorso febbraio, per continuare la didattica non potendo più contare sulla presenza fisica.

Per una scuola di cinema, però, la didattica a distanza si è dovuta scontrare con le difficoltà di poter uscire a fare riprese, soprattutto per gli studenti prossimi al diploma. Come ci si è organizzati e come ci si sta preparando alla ripresa delle attività a settembre? Ne abbiamo parlato con la direttrice Minnie Ferrara.

Ecco un estratto dall’intervista di Barbara Sorrentini a Chassis.

I vostri corsi sono ripartiti subito con le videolezioni. Come è stato affrontare la didattica in questo modo?

La scuola di cinema è una scuola di cinema e quindi ci siamo riattrezzati con grande energia e collaborazione di tutti i docenti e gli studenti, che sono stati molto flessibili e capaci di adeguarsi a una modalità digitale molto diversa per loro. Sono abituati a vivere la scuola dalla mattina alla sera, sempre insieme e sempre in scambi che vanno anche al di là delle ore di didattica. Di colpo si sono trovati isolati, ognuno a casa sua e ognuno davanti al suo computer con una modalità di didattica e di scambio completamente diversa.
Anche per i docenti, o lo dico anche io che faccio delle lezioni da remoto, non è scontato adattarsi fin da subito. Bisogna trovare altri tempi e altri modi. Poi per la nostra scuola c’è il grosso problema dei laboratori. Noi siamo una scuola di cinema e abbiamo tantissimo approccio pratico e operativo in tutti i nostri corsi. Una parte non può che essere fatta in presenza.

C’è anche quell’aspetto pratico dell’uscire e di andare a riprendere. Come avete affrontato questo problema?

Considerata la grande difficoltà in cui ci siamo trovati abbiamo cercato, per non bloccare in alcun modo il percorso didattico e il percorso di diploma degli studenti del terzo anno che realizzano i loro film, abbiamo risolto il più possibile da remoto per le riunioni, la pre-produzione e tutto quello che si poteva fare, riservandoci di rinviare all’ultima parte dell’anno, cioè adesso, la parte strettamente pratica che riguarda la creazione del set e le riprese. Però, per non restare fermi, gli studenti del terzo anno del corso di Tonino Curagi si sono inventati una modalità di ripresa e di documentazione della loro vita e di quella delle loro famiglie utilizzando gli strumenti che hanno a disposizione. La regola era usare tutto quello che si ha in casa, da una microcamera ad un cellulare. Hanno fatto tutto con le attrezzature e i sistemi alternativi che hanno trovato in casa. Non ho ancora visto le immagini, ma so che i docenti sono molto contenti.
È vero che in questo momento l’Italia è piena di progetti alternativi di documentazione, ma loro sono degli studenti di cinema e, pur avendo in mente di affrontare il loro saggio di diploma in altro modo, sono stati molto bravi nel trovare un modo per aggirare questo problema.
Si stanno anche facendo dei laboratori di emergenza che vengono fatti dagli studenti di ripresa insieme agli studenti di animazione: abbiamo messo in campo tanti progetti alternativi che ci hanno permesso di continuare la didattica, ma anche di esplorare delle ricerche e delle modalità diverse. Questo ha tanto valore per noi che siamo una scuola. Devo devo dire che questa cosa della didattica in remoto, che non è la didattica dei miei sogni, potrà essere sfruttata in futuro: ci siamo già preparati in qualche modo al futuro, perché non possiamo escludere che ci saranno altri momenti come questi o altre situazioni in cui saremo costretti a rivedere le nostre abitudini e il nostro modo di approcciarci alla vita. Nel giro di 15 giorni ci siamo ritrovati in un mondo che non avremmo mai immaginato di vivere.
Questo ci ha dato una preparazione di base per il futuro nel caso in cui dovessero ripresentarsi necessità di affrontare la didattica in remoto. Però, siccome sappiamo già che il prossimo anno la didattica dovrà ripartire in remoto almeno per una prima fase, stiamo già programmando il tutto traendo degli insegnamenti dall’esperienza che abbiamo fatto.
Se c’è una cosa che un mese fa non avrei mai pensato è che in questo momento in cui la nostra città e la nostra Regione sono vissute con un livello di incertezza sul fronte della sicurezza, ripartendo con la didattica in remoto veniamo incontro ad un’esigenza di tranquillità dal punto di vista sanitario e anche di risparmio che tante famiglie hanno e avranno. Iniziando in remoto anche i costi di affitto potranno essere contenuti.

Foto dalla pagina Facebook della Civica Scuola di Cinema Luchino Visconti

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di lun 18/01/21

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 18/01/2021

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di lun 18/01/21 delle 19:48

    Metroregione di lun 18/01/21 delle 19:48

    Rassegna Stampa - 18/01/2021

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Ora di punta di lun 18/01/21

    Ora di punta di lun 18/01/21

    Ora di punta – I fatti del giorno - 18/01/2021

  • PlayStop

    Esteri di lun 18/01/21

    ..1- Conto alla rovescia per l’uscita di scena di Donald Trump...Intanto oggi Gli stati Uniti celebrano il Martin Luther king…

    Esteri - 18/01/2021

  • PlayStop

    Considera l'armadillo lun 18/01/21

    Considera l'armadillo lun 18/01/21

    Considera l’armadillo - 18/01/2021

  • PlayStop

    Gimme Shelter di lun 18/01/21

    Puntata 22 - Un meraviglioso mondo a colori inondato di luce. Peter Behrens, Taj Mahal, The Beatles. E Albert Hofmann...1.…

    Gimme Shelter - 18/01/2021

  • PlayStop

    Record Store di lun 18/01/21

    Il 17 gennaio, il pugile Muhammad Ali avrebbe compiuto 79 anni. Questa puntata racconta lo stretto rapporto fra la musica…

    Record Store - 18/01/2021

  • PlayStop

    Jack di lun 18/01/21

    Jack di lun 18/01/21

    Jack - 18/01/2021

  • PlayStop

    Senti un po' di lun 18/01/21

    Senti un po' di lun 18/01/21

    Senti un po’ - 18/01/2021

  • PlayStop

    Cult di lun 18/01/21

    ira rubini, cult, alec ross, advisor innovation, barack obama, il nostro futuro

    Cult - 18/01/2021

  • PlayStop

    Sui Generis di lun 18/01/21

    Con Lea Melandri, femminista, giornalista, saggista e insegnante, parliamo di laboratori di idee e prassi, di linguaggi, di femminismi; Tina…

    Sui Generis - 18/01/2021

  • PlayStop

    Prisma di lun 18/01/21

    Prisma di lun 18/01/21

    Prisma - 18/01/2021

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di lun 18/01/21

    Rassegna stampa internazionale di lun 18/01/21

    Rassegna stampa internazionale - 18/01/2021

  • PlayStop

    Di Lunedi di lun 18/01/21

    Oggi a DiLunedì con Claudio Jampaglia e Giuseppe Mazza, la campagna della Presidenza del Consiglio sui vaccini anti-Covid (firmata da…

    DiLunedì - 18/01/2021

  • PlayStop

    Fino alle otto di lun 18/01/21

    Fino alle otto di lun 18/01/21

    Fino alle otto - 18/01/2021

  • PlayStop

    Reggae Radio Station di dom 17/01/21

    Reggae Radio Station di dom 17/01/21

    Reggae Radio Station - 18/01/2021

  • PlayStop

    Prospettive Musicali di dom 17/01/21

    a cura di Fabio Barbieri. Con musiche di di Mari Endo, Johann Sebastian Bach, Terry Riley, David Bowie, Terje Rypdal,…

    Prospettive Musicali - 18/01/2021

  • PlayStop

    Sunday Blues di dom 17/01/21

    Sunday Blues di dom 17/01/21

    Sunday Blues - 18/01/2021

Adesso in diretta