Approfondimenti

La cestista statunitense Brittney Griner è ancora detenuta in Russia

Brittney Griner ANSA

La nuova stagione di pallacanestro femminile negli Stati Uniti è cominciata con un logo su tutti i parquet del campionato: BG42. 42 come il suo numero di maglia. BG sono le iniziali di Brittney Griner. È una delle cestiste più conosciute del mondo e dal 17 febbraio è in carcere in Russia. L’accusa è possesso di olio di hashish, un derivato della cannabis, utilizzato per i vaporizzatori. In Russia è considerato uno stupefacente e si rischia una condanna fino a dieci anni di prigione.

Dopo mesi di silenzio, pochi giorni fa il Dipartimento di Stato americano ha dichiarato in via ufficiale che Griner è “detenuta ingiustamente”. Dopo il basso profilo avuto finora, gli USA proveranno quindi a negoziare il suo rilascio con più decisione, in un momento in cui definire delicati i rapporti con la Russia è un eufemismo.

Brittney Griner si trovava in Russia dallo scorso autunno, come sempre negli ultimi anni. Quando la stagione della WNBA si conclude negli Stati Uniti, va a giocare a Ekaterinburg, nella regione degli Urali, in una delle squadre più forti dell’Eurolega femminile. Qui Griner ha più di un milione di dollari d’ingaggio, quasi cinque volte quello che percepisce con le Phoenix Mercury, negli Stati Uniti, dove lo stipendio più alto di una giocatrice professionista non avvicina quello che per un collega maschio della NBA è fissato come il minimo.

Anche se la carriera di Griner è ricca, famosa e vincente, le difficoltà non sono una parte marginale della sua vita. In un’intervista di qualche anno fa alla tv sportiva Espn, Griner ha raccontato di essere stata vittima di bullismo da adolescente per il suo aspetto, per la sua voce profonda. È arrivata a compiere atti di autolesionismo e a pensare al suicidio. Il basket le ha offerto una via di realizzazione, ma non un riconoscimento economico paragonabile a quello delle migliori atlete del suo sport. Da qui la decisione di giocare anche in Cina e in Russia. Non i contesti più semplici per una come Griner: una donna nera, alta più di due metri con i capelli dread, omosessuale al suo secondo matrimonio e attivista LGBT. Difficile passare inosservata, così come avere il diritto di essere sé stessa.

Negli USA alcuni non l’apprezzano per essere stata tra le giocatrici più in vista nel sostegno della WNBA al movimento Black Lives Matter. Nel giugno 2020, in una partita amichevole, Brittney Griner e le Phoenix Mercury, insieme alle avversarie Los Angeles Sparks, uscirono dal campo prima che risuonasse l’inno nazionale. Un gesto di protesta per la morte di Breonna Taylor e contro le violenze della polizia negli Stati Uniti. Griner disse che per tutta la stagione non sarebbe mai rimasta sul parquet durante l’inno. Parole che fecero discutere, così come tanti altri episodi legati alla sua vita sportiva e personale. Il rumore di allora, il silenzio di adesso che si trova in carcere, in Russia, rotto solo in parte in questi giorni con l’inizio del campionato negli Stati Uniti e solo in parte.

Dopo mesi, ancora non si sa dove sia detenuta né in quali condizioni. Soprattutto ancora non si sa fino a quando.

di Luca Parena

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di martedì 24/05/2022 delle 7:15

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 24/05/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di martedì 24/05/2022

    Notizie, opinioni, punti di vista tratti da un'ampia gamma di fonti - stampa cartacea, social media, Rete, radio e televisioni…

    Rassegna stampa internazionale - 24/05/2022

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di martedì 24/05/2022

    Notizie, opinioni, punti di vista tratti da un'ampia gamma di fonti - stampa cartacea, social media, Rete, radio e televisioni…

    Esteri – La rassegna stampa dei giornali internazionali - 24/05/2022

  • PlayStop

    Caffè nero bollente di martedì 24/05/2022

    Ogni mattina dalle 6 alle 7 insieme a Florencia Di Stefano-Abichain sfogliamo i giornali, ascoltiamo bella musica e ci beviamo…

    Caffè Nero Bollente - 24/05/2022

  • PlayStop

    From Genesis To Revelation di martedì 24/05/2022

    From Genesis to Revelation è una trasmissione dedicata al rock-progressive: sebbene sporadicamente attiva già da molti anni, a partire dall’estate…

    From Genesis To Revelation - 24/05/2022

  • PlayStop

    News della notte di lunedì 23/05/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 24/05/2022

  • PlayStop

    Gli speciali di lunedì 23/05/2022

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 24/05/2022

  • PlayStop

    Esteri di lunedì 23/05/2022

    Il giro del mondo in 24 ore. Ideato da Chawki Senouci Data di nascita: 6 ottobre 2003 (magazine domenicale di…

    Esteri - 24/05/2022

  • PlayStop

    The Game di lunedì 23/05/2022

    Soldi, lavoro, avidità, disoccupazioni: il grande gioco dell’economia smontato ogni giorno da Raffaele Liguori.

    The Game - 24/05/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di lunedì 23/05/2022

    Dove si ricorda il giudice Giovanni Falcone, la moglie Francesca Morvillo e gli agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo…

    Muoviti muoviti - 24/05/2022

  • PlayStop

    Coralli e crocchette

    Con Zeina Ayache e Andrea Bellati

    Di tutto un boh - 24/05/2022

  • PlayStop

    Nando Dalla Chiesa, Ostinati e contrari. La sfida alla mafia nelle parole di due grandi protagonisti

    NANDO DALLA CHIESA - OSTINATI E CONTRARI. LA SFIDA ALLA MAFIA NELLE PAROLE DI DUE GRANDI PROTAGONISTI – presentato da…

    Note dell’autore - 24/05/2022

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di lunedì 23/05/2022

    Si parla con Andrea Mustoni del suo libro Un uomo tra gli orsi, il racconto di un'avventura sulle Alpi, ediciclo…

    Considera l’armadillo - 24/05/2022

  • PlayStop

    Jack di lunedì 23/05/2022

    Intervista a Louise Bartle dei Bloc Party

    Jack - 24/05/2022

  • PlayStop

    Trentanni fa l'assasinio del Giudice Falcone

    Questa mattina a Prisma abbiamo ascoltato le voci di allora, l'intervista di Lele Liguori a Giuseppe Costanza, l'autista di Falcone…

    Clip - 23/05/2022

  • PlayStop

    Puntata di lunedì 23/05/2022

    Un percorso attraverso la stratificazione sociale italiana, un viaggio nell’ascensore sociale del Belpaese, spesso rotto da anni e in attesa…

    Poveri ma belli - 24/05/2022

  • PlayStop

    Cult di lunedì 23/05/2022

    Oggi a Cult, il quotidiano culturale di Radio Popolare in onda alle 11.30: il festival del cinema di Cannes, Emilio…

    Cult - 24/05/2022

  • PlayStop

    Cult di lunedì 23/05/2022

    Oggi a Cult, il quotidiano culturale di Radio Popolare in onda alle 11.30: il festival del cinema di Cannes, Emilio…

    Cult - 24/05/2022

  • PlayStop

    Il veleno di Punta Catalina

    Non è solo l'ennesimo progetto killer del clima. La centrale a carbone di Punta Catalina, nel paradiso naturale della Repubblica…

    Omissis - 23/05/2022

Adesso in diretta