Approfondimenti

La bufala dell’invasione degli stranieri

Matteo Salvini

In Italia e in Europa non c’è alcuna invasione da parte degli immigrati. Anzi, gli stranieri sono troppo pochi. Per le esigenze della nostra economia, dovrebbero essere di più. La destra radicale, da Trump negli Stati Uniti a Orban in Ungheria a Salvini in Italia, campa su una serie di bugie. Tra queste, l’idea che gli immigrati stiano invadendo i nostri Paesi.

Salvini usa una terminologia mutuata direttamente dalla destra neofascista, quando afferma che saremmo di fronte a una ‘sostituzione etnica’. Nulla di più falso. Come sostiene Alessandra Ghisleri di Euromedia Reserach, intervistata da Radio Popolare, la narrazione dell’immigrazione coincide con quello che le persone vedono:

“Il fenomeno dell’immigrazione viene interpretato dagli italiani come ‘quello che vedono’, ciò che è visibile ai nostri occhi. È il bivaccare alle stazioni, sono le notizie dei furti, le notizie di cronaca nera come il caso di Macerata con la ragazzina uccisa. Non vediamo il resto, non vediamo l’integrazione perché l’integrazione non viene raccontata. C’è una narrativa che coincide con ciò che di negativo si vede, ecco perché viene fatto il connubio immigrati uguale aumento di insicurezza e criminalità”.

Oggi è la giornata mondiale del rifugiato e abbiamo intervistato la responsabile per i servizi all’immigrazione della Comunità di Sant’Egidio, Daniela Pompei.

Le prime bozze dell’accordo sull’immigrazione in vista del vertice europeo di fine mese ipotizzano la creazione di campi di oltremare per la selezione dei richiedenti asilo e dei rifugiati. Come valuta questa possibilità?

“Se equivalessero a condizioni più dignitose si potrebbe ipotizzare, manca però un tratto significativo: non si parla mai di modalità di ingresso legali nei Paesi dell’Unione Europea. Se non si danno possibilità di ingressi regolari vuol dire che c’è la volontà di non farli entrare e non possiamo essere d’accordo”.

Si sta ipotizzando una soluzione che tenga lontane le persone dall’Europa?

“Sì. In ogni caso c’è un problema serissimo che riguarda l’Italia e molti Paesi europei, il problema demografico. Siamo in diminuzione di popolazione e di popolazione giovane, di lavoratori, da ormai 5 o 6 anni. Abbiamo bisogno di lavoratori. Serve la possibilità di strutturare gli ingressi regolari di chi viene per motivi economici. E si tratta di dare possibilità di ingressi regolari a coloro che scappano dalle guerre. I più numerosi sono i siriani. Bisogna trovare modalità di ingresso legali per tutti, per i richiedenti asilo, noi lo abbiamo fatto con i corridoi umanitari e speriamo di poterlo continuare a fare, e poi bisogna farlo per i rifugiati e per i migranti economici”.

L’Europa che guarda a destra, invece, va nella direzione opposta. Oggi l’Ungheria di Orban mette in Costituzione il divieto di immigrazione per motivi economici.

“In Europa a partire dal 2016 c’è stata una diminuzione di richieste di asilo del 45 per cento. Nel 2017 hanno fatto domanda di asilo politico 700mila persone in tutti i 27 Paesi della Ue che hanno 500 milioni di abitanti. In Italia abbiamo una diminuzione consistente degli sbarchi e delle richiesta di asilo politico”.

Insomma non c’è alcuna invasione…

“Assolutamente no, è un fenomeno governabile dagli Stati, io spero che anche nel vertice a 4 di domenica prossima (tra Germania, Francia, Italia e Spagna-ndr) si possa arrivare a una gestione adulta di un fenomeno da controllare nella maniera migliore. I corridoi umanitari che abbiamo creato dimostrano che si possono creare vie legali all’ingresso che garantiscano sicurezza ai migranti e ai cittadini europei. E’ possibile fare in un altro modo”.

Matteo Salvini
Foto dal profilo FB di Matteo Salvini https://www.facebook.com/salviniofficial/
  • Autore articolo
    Luigi Ambrosio
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di giovedì 30/06/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 30/06/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di giovedì 30/06/2022 delle 7:15

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 30/06/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Snippet di sabato 25/06/2022

    Un viaggio musicale, a cura di missinred, attraverso remix, campioni, sample, cover, edit, mash up. Sabato dalle 22:45 alle 23.45…

    Snippet - 25/06/2022

  • PlayStop

    Jazz Ahead di mercoledì 29/06/2022

    Jazz Ahead 179 - Playlist: 1. Earthlings, Anteloper, Pink Dolphins, International Anthem, 2022 2. Delfin Rosado, Anteloper, Pink Dolphins, International…

    Jazz Ahead - 29/06/2022

  • PlayStop

    Raul Montanari, Il Cristo zen

    RAUL MONTANARI – IL CRISTO ZEN – presentato da SANDRO GILIOLI

    Note dell’autore - 30/06/2022

  • PlayStop

    Poveri ma belli di giovedì 30/06/2022

    Un percorso attraverso la stratificazione sociale italiana, un viaggio nell’ascensore sociale del Belpaese, spesso rotto da anni e in attesa…

    Poveri ma belli - 30/06/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di giovedì 30/06/2022 delle 12:50

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 30/06/2022

  • PlayStop

    Cult di giovedì 30/06/2022

    A Bari “Lungomare di libri” in collaborazione col Salone del Libro di Torino, “Timpani”il laboratorio di ascolto musicale di “Welcome…

    Cult Estate - 30/06/2022

  • PlayStop

    Tutto scorre di giovedì 30/06/2022

    Sguardi, opinioni, vite, dialoghi ai microfoni di Radio Popolare.

    Tutto scorre - 30/06/2022

  • PlayStop

    Prisma di giovedì 30/06/2022

    IL VERTICE NATO SACRIFICA I CURDI. Orietta Moscatelli analista della rivista di geopolitica Limes, Eddi Marcucci attivista e combattente con…

    Prisma - 30/06/2022

  • PlayStop

    La NATO abbandona gli alleati curdi nelle mani di Erdogan

    La data del 29 giugno 2022 ha come filo conduttore l’ISIS, perché a Parigi è arrivata la sentenza del processo…

    Clip - 30/06/2022

  • PlayStop

    Il demone del tardi di giovedì 30/06/2022

    a cura di Gianmarco Bachi

    Il demone del tardi - 30/06/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di giovedì 30/06/2022 delle 7:47

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 30/06/2022

  • PlayStop

    Caffè nero bollente di giovedì 30/06/2022

    Il Caffè Nero Bollente del giovedì con musica, sfoglio dei giornali e i libri della settimana consigliati da Arianna Montanari…

    Caffè Nero Bollente - 30/06/2022

  • PlayStop

    The Weekly Report #28 - 30 giugno 2022

    Tra memorie mods e spettri post-capistlistici, tra Led Zeppelin e R.E.M. passando per Glastonbury 2022, l'ultima puntata di questa prima…

    The Weekly Report - 30/06/2022

  • PlayStop

    Gimme Shelter di mercoledì 29/06/2022

    Puntata 82 - Un programma molto complesso, con percorsi indipendenti che si incrociano nello spazio e nel tempo. Lo spirito…

    Gimme Shelter - 29/06/2022

  • PlayStop

    News della notte di mercoledì 29/06/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 30/06/2022

  • PlayStop

    Il giusto clima di mercoledì 29/06/2022

    Ultima puntata della stagione: facciamo bilanci con Giulia Giordano di ECCO, presentiamoun bel progetto di cooperazione internazionale in Camerun, parliamo…

    Il giusto clima - 30/06/2022

  • PlayStop

    What's going on? 29/06/2022

    a cura di Luigi Ambrosio

    Gli speciali - 29/06/2022

Adesso in diretta