Approfondimenti

In Austria vince la paura

“Oggi è una giornata storica, è la nostra chance di assumere il comando in questo Paese per portare in Austria un vero cambiamento”. Così Sebastian Kurz alla festa dei suoi sostenitori, ieri sera, a Vienna. Per il 31enne leader dei Popolari (OeVP) si apre ora la strada verso l’incarico a Primo ministro.

Secondo i risultati provvisori del Ministero dell’Interno la OeVP ha ottenuto il 31,7% dei voti, seguita dalla FPOe, il partito di destra populista e xenofoba con il 27,4%. Terzi i Socialdemocratici (SPOe) del cancelliere uscente Christian Kern, al 26,7%. Sono dati provvisori perché mancano i voti postali, sono oltre 750 mila quelli che devono ancora essere contati. Resta quindi aperta la partita per il secondo e terzo posto, una partita importante in vista delle possibili alleanze per il nuovo governo.

A guadagnare sono stati i partiti a destra del centro. La FPOe di Heinz Christian Strache, che alle scorse elezioni aveva ottenuto poco più del 20%, ora potrebbe diventare decisiva per la formazione del nuovo esecutivo – a meno di un ritorno della Grande coalizione tra Popolari e SPOe. Per ora tutti i tre maggiori partiti sono stati cauti sulle future alleanze. Ma il possibile ingresso della FPOe nell’esecutivo preoccupa, lo abbiamo raccontato in questi giorni. E già ieri sera centinaia di persone hanno dato vita ad un corteo nel centro di Vienna proprio contro un eventuale governo dei Popolari con l’estrema destra.

Perché l’Austria ha virato a destra? Il tema principale è stato quello dell‘immigrazione e delle questioni aperte che riguardano l’integrazione. E il non voler ripetere ciò che successe due anni fa, le migliaia di profughi che arrivarono qui dalla rotta balcanica. Sebastian Kurz ha spinto molto, verso destra, sui migranti, sullo stop agli irregolari. Mentre la Fpoe ha cavalcato le paure e le frustrazioni degli austriaci: “I profughi ricevono casa ed aiuti, mentre la nostra gente non riesce ad arrivare alla fine del mese”,  si è sentito più di una volta. E c’è poi l’insoddisfazione di parecchie persone nei confronti del governo uscente – di cui Kurz era ministro degli Esteri – a guida socialdemocratica. Su questo è stata punita la SPOe. Kurz si è presentato come l’uomo del cambiamento e questo alle urne ha pagato.

  • Autore articolo
    Flavia Mosca Goretta
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di giovedì 26/05/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 26/05/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di giovedì 26/05/2022 delle 7:15

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 26/05/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Gli speciali di giovedì 26/05/2022

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 26/05/2022

  • PlayStop

    Esteri di giovedì 26/05/2022

    1 – Ucraina, nel Donbass la battaglia è al punto di intensità massima. La Russia, in vantaggio nella regione di…

    Esteri - 26/05/2022

  • PlayStop

    The Game di giovedì 26/05/2022

    1) Scuola, sciopero il prossimo 30 maggio. Oltre un milione di lavoratori e lavoratrici senza contratto dal 2018. Come per…

    The Game - 26/05/2022

  • PlayStop

    La mitica compagnia degli eroi S 01 E 09

    Le oscure arti magiche del mago Sbruffenkel avevano soggiogato tutti gli esseri viventi del continente di Alador, c'era ancora solo…

    Poveri ma belli - 26/05/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di giovedì 26/05/2022

    Dove si chiacchiera di cose trovate in auto dopo molto tempo, del problema dello spopolamento della città di Venezia che…

    Muoviti muoviti - 26/05/2022

  • PlayStop

    Sbadigli contagiosi e mappe di genere

    Con Andrea Bellati e Clarice.

    Di tutto un boh - 26/05/2022

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di giovedì 26/05/2022

    Si parla con Piero Amodio, ricercatore della Stazione Zoologica Anton Dohrn, di polpi e della loro complessità, ma anche di…

    Considera l’armadillo - 26/05/2022

  • PlayStop

    Jack di giovedì 26/05/2022

    Intervista a Venerus sul suo primo live del nuovo tour, all'interno del Mi Ami 2022

    Jack - 26/05/2022

  • PlayStop

    Robo advisor

    quando percorriamo il red carpet di Cannes insieme a Barbarella Spritz, discettiamo su quale sia il superpotere più ambito e…

    Poveri ma belli - 26/05/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di giovedì 26/05/2022 delle 12:46

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 26/05/2022

  • PlayStop

    Cult di giovedì 26/05/2022

    Oggi a Cult, il quotidiano culturale di Radio Popolare in onda alle 11.30: il consueto collegamento con il Festival di…

    Cult - 26/05/2022

  • PlayStop

    Tutto scorre di giovedì 26/05/2022

    Sguardi, opinioni, vite, dialoghi ai microfoni di Radio Popolare.

    Tutto scorre - 26/05/2022

  • PlayStop

    Prisma di giovedì 26/05/2022

    GUERRA IN UCRAINA ANALISI E AGGIORNAMENTI. Con il giornalista Alberto e Andrea Segrè Professore di Politica agraria internazionale e comparata.…

    Prisma - 26/05/2022

  • PlayStop

    Il demone del tardi di giovedì 26/05/2022

    a cura di Gianmarco Bachi

    Il demone del tardi - 26/05/2022

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di giovedì 26/05/2022

    Notizie, opinioni, punti di vista tratti da un'ampia gamma di fonti - stampa cartacea, social media, Rete, radio e televisioni…

    Esteri – La rassegna stampa dei giornali internazionali - 26/05/2022

  • PlayStop

    Caffè nero bollente di giovedì 26/05/2022

    Il Caffè Nero Bollente del giovedì con musica, sfoglio dei giornali e i libri della settimana consigliati da Arianna Montanari…

    Caffè Nero Bollente - 26/05/2022

  • PlayStop

    The Weekly Report di giovedì 26/05/2022

    Ogni settimana un viaggio musica tra presente e passato all’insegna dei suoni di chitarra e la ricerca di grandi melodie.…

    The Weekly Report - 26/05/2022

Adesso in diretta