Approfondimenti

Jessica Jones, la supereroina dalla parte dei più deboli

Il genere supereroico, detto anche “cinecomix”, è da un decennio il prediletto dal cinema blockbuster: segna incassi stratosferici, attira star di grosso calibro, porta in sala tutta la famiglia. Fare una serie supereroica, però, è un po’ più complicato, soprattutto perché il budget televisivo è inferiore a quello del grande schermo e deve reggere per molte più ore di racconto: i risultati sono altalenanti.

Uno dei migliori esempi recenti è sicuramente Jessica Jones, co-produzione Marvel-Netflix inserita nel macro-progetto sui Difensori (che comprende anche Daredevil, Luke Cage, Iron Fist e il Punitore). Nell’intero universo cinetelevisivo Marvel, per ora, Jessica Jones è l’unica supereroina con un titolo a proprio nome, ed è probabilmente per questo che la seconda stagione approda su Netflix proprio l’8 marzo, in occasione della Giornata internazionale della donna.

Che i responsabili marketing se ne siano accorti o meno, la scelta è sensata non solo per una questione di rappresentazione femminile, ma anche per i temi che la serie tratta, almeno a giudicare dalla prima stagione: Jessica, interpretata dalla brava Krysten Ritter, è un’investigatrice privata nel quartiere newyorkese di Hell’s Kitchen; dotata di forza sovrumana, ma anche d’intelligenza e ironia sarcastica, ha un caratteraccio che deriva da un trauma affondato nel suo passato: per molto tempo è stata prigioniera di Kilgrave, un supercattivo dotato anche lui di un superpotere, quello di obbligare chiunque a fare qualunque cosa, semplicemente pronunciando ordini ad alta voce.

Ricalcando tutte le caratteristiche del noir – la detective disillusa, l’uso della voce fuori campo, il tentativo di dare un senso a un universo urbano spezzato e indecifrabile – Jessica Jones è un buon esempio di cinecomix adulto (molto più adulto di quelli che vediamo al cinema: ha anche momenti inevitabilmente violenti) che riesce a utilizzare il genere supereroico come efficace metafora di questioni vere e tangibili, che toccano molti spettatori da vicino.

La prima stagione di Jessica Jones è stata una disamina, anche dolorosa, su cosa significhi essere vittime di un abuso, di una prigione psicologica, di una situazione che non permette l’esercizio del consenso; oltre a Jessica, la serie ha messo in campo altri personaggi femminili sfaccettati, come la migliore amica della protagonista, Trish, o la sua datrice di lavoro, l’ambigua Jeri interpretata da Carrie Ann Moss. E se il momento di svolta della prima annata era il piccolo ma significativo istante in cui Jessica riusciva a liberarsi del potere di Kilgrave, la seconda stagione promette di raccontare in che modo la supereroina riuscirà a re-impossessarsi del proprio, di potere, e a metterlo a servizio del mondo, del bene comune, della cosa giusta, della difesa dei più deboli. Per questo 8 marzo, probabilmente, non c’è speranza migliore.

  • Autore articolo
    Alice Cucchetti
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mar 24/11/20

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 25/11/2020

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mar 24/11/20 delle 19:49

    Metroregione di mar 24/11/20 delle 19:49

    Rassegna Stampa - 25/11/2020

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Stile Libero di mer 25/11/20

    Stile Libero di mer 25/11/20

    Stile Libero - 25/11/2020

  • PlayStop

    Rockonti di mar 24/11/20

    Rockonti di mar 24/11/20

    Rockonti - 25/11/2020

  • PlayStop

    A casa con voi di mar 24/11/20

    A casa con voi di mar 24/11/20

    A casa con voi - 25/11/2020

  • PlayStop

    Esteri di mar 24/11/20

    Esteri di mar 24/11/20

    Esteri - 25/11/2020

  • PlayStop

    Ora di punta di mar 24/11/20

    Ora di punta di mar 24/11/20

    Ora di punta – I fatti del giorno - 25/11/2020

  • PlayStop

    Sunday Blues di mar 24/11/20

    Sunday Blues di mar 24/11/20

    Sunday Blues - 25/11/2020

  • PlayStop

    Uno di Due di mar 24/11/20

    Uno di Due di mar 24/11/20

    1D2 - 25/11/2020

  • PlayStop

    Considera l'armadillo mar 24/11/20

    Considera l'armadillo mar 24/11/20

    Considera l’armadillo - 25/11/2020

  • PlayStop

    Omaggio a Basilio Sulis

    Dalla metà degli anni ottanta anima di "Ai confini tra Sardegna e Jazz", l'11 novembre scorso è mancato improvvisamente a…

    Jazz Anthology - 24/11/2020

  • PlayStop

    Jack di mar 24/11/20

    Jack di mar 24/11/20

    Jack - 25/11/2020

  • PlayStop

    Stay Human di mar 24/11/20

    Stay Human di mar 24/11/20

    Stay human - 25/11/2020

  • PlayStop

    Memos di mar 24/11/20

    Memos di mar 24/11/20

    Memos - 25/11/2020

  • PlayStop

    Claudio Jampaglia e Giuseppe Mazza, La pandemia siamo noi

    CLAUDIO JAMPAGLIA E GIUSEPPE MAZZA - LA PANDEMIA SIAMO NOI - presentato da IRA RUBINI

    Note dell’autore - 25/11/2020

  • PlayStop

    Cult di mar 24/11/20

    ira rubini, cult, giona nazzaro, nuovo direttore festival cinema locarno, barbara sorrentini, andrea artusi, disegnatore kid il ragazzo che voleva…

    Cult - 25/11/2020

  • PlayStop

    A come America del mar 24/11/20

    A come America del mar 24/11/20

    A come America - 25/11/2020

  • PlayStop

    Prisma di mar 24/11/20

    Prima parte: le regole per il Natale, con la sottosegretaria alla salute Sandra Zampa. - Seconda parte: scuola, come riaprire…

    Prisma - 25/11/2020

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di mar 24/11/20

    Rassegna stampa internazionale di mar 24/11/20

    Rassegna stampa internazionale - 25/11/2020

  • PlayStop

    Il demone del tardi - copertina di mar 24/11/20

    Il demone del tardi - copertina di mar 24/11/20

    Il demone del tardi - 25/11/2020

Adesso in diretta