Approfondimenti

It’s a Sin, la nuova serie di Russell T Davies

It's a sin - Russell T Davies

Russell T Davies è un’istituzione della televisione britannica – e non solo. Nato nel 1963, ha studiato a Oxford e subito dopo la laurea ha lavorato, tra fine anni 80 e inizio anni 90, nella divisione per bambini e ragazzi della BBC (dove ha lanciato la carriera di un’adolescente Kate Winslet in Dark Seasons). Ma è il passaggio alla sceneggiatura di serie tv per adulti ad aver segnato una rivoluzione: dopo aver scampato per un soffio la morte per overdose, Davies inizia a fine anni 90 a sviluppare Queer as Folk, una serie autobiografica incentrata sulla comunità gay londinese.

Gli spettatori italiani ne conoscono l’omonima versione americana, un remake realizzato da Showtime qualche anno dopo; ma ad abbattere per primo certe barriere del piccolo schermo, aprendo lo spazio per una rappresentazione inclusiva non solo realistica ma anche fiera e celebrativa di persone fino ad allora marginalizzate, è stato proprio Russell T Davies.

Non solo: l’autore inglese è anche responsabile del revival di Doctor Who, simbolo della tv britannica, avventurosa serie fantascientifica in onda a fasi alterne fin dagli anni 60. Quando Davies se ne fa carico, nel 2005, il Dottore non appariva sullo schermo da quasi dieci anni, e tutti lo davano, questa volta, definitivamente per spacciato: oggi il revival è alla tredicesima stagione, non accenna a fermarsi e, nel frattempo, ha guadagnato milioni di nuovi fan in tutto il mondo. Nel frattempo, Davies non ha smesso di produrre nuovi lavori, anzi, è prolifico e qualitativamente costante come pochi altri sceneggiatori.

Non smetteremo mai di consigliare la sua Years and Years, prodotta per la BBC e in Italia disponibile sulla piattaforma streaming StarzPlay, storia di un’ordinaria famiglia di Manchester alle prese con il futuro prossimo dell’umanità, più realistico che mai, tra cambiamento climatico, crisi economiche e migratorie, evoluzioni della tecnologia. O la miniserie A Very English Scandal, su un fatto veramente accaduto e con uno Hugh Grant in stato di grazia.

In questi giorni in Regno Unito, su Channel 4, è stata resa disponibile la sua ultima serie, It’s a Sin, ed è già considerata una delle migliori novità dell’anno e uno dei migliori lavori di Russell T Davies; in un certo senso, è un ritorno alle origini, cioè a Queer as Folk: protagonisti della serie sono alcuni amici queer che, giovanissimi, approdano a Londra dalle rispettive città di provincia, dove finora hanno dovuto nascondersi a chiunque, alla famiglia, talvolta perfino a se stessi.

Londra è il luogo di una gioiosa liberazione, la terra in cui è possibile costruirsi una famiglia alternativa, trovare un rifugio sicuro, finalmente conoscersi, scoprirsi, diventare se stessi. Ma It’s a Sin è ambientata negli anni 80 – con una ricostruzione del periodo precisa ed evocativa, dai costumi ai set alla musica – e dagli Stati Uniti cominciano ad arrivare voci di una strana malattia, che qualcuno chiama sottovoce “il cancro dei gay”.

It’s a Sin attraversa tutto il decennio, intrecciando la storia di una progressiva liberazione con quella di una tragedia sanitaria alimentata da disinformazione, pregiudizi, omofobia; andando in onda mentre l’Europa è ancora stretta nella morsa del COVID-19, il carico di empatia si fa ancora più potente e commovente: nell’incertezza di un’epidemia allora sconosciuta non è difficile riconoscere le paure, le reazioni irrazionali, i sentimenti contrastanti che ci accompagnano tutti quotidianamente ormai da un anno a questa parte. Ma It’s a Sin non è una serie solamente tragica o angosciante: il ritratto d’epoca e dell’amicizia tra i protagonisti è vitalissimo ed entusiasmante; soprattutto, It’s a Sin restituisce, oltre al dramma, la gioia della resistenza e della lotta. Regalandoci una visione imperdibile.

  • Autore articolo
    Alice Cucchetti
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di venerdì 01/07/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 07/01/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 01/07/2022 delle 19:51

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 07/01/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    News della notte di venerdì 01/07/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 07/01/2022

  • PlayStop

    Esteri di venerdì 01/07/2022

    1-La lezione di Odessa. L’Ucraina è diventata il teatro della nuova guerra fredda e alla fine muoiono i civili. L’attacco…

    Esteri - 07/01/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di venerdì 01/07/2022

    Dove non si saluta solo l'ultima puntata di "Muoviti, muoviti" ma anche un po' tutte le ultime puntate di oggi…

    Muoviti muoviti - 07/01/2022

  • PlayStop

    Di tutto un boh di venerdì 01/07/2022

    l’Italia è una repubblica fondata sul sentito dire. Tra cliché e cose spiegate male, è un attimo perdersi un pezzo…

    Di tutto un boh - 07/01/2022

  • PlayStop

    L'Europa in casa nostra di venerdì 01/07/2022

    Una delle principali sfide che l’Unione europea sta affrontando oggi è legata a questa domanda: come portare lo spirito e…

    L’Europa in casa nostra - 07/01/2022

  • PlayStop

    Jack di venerdì 01/07/2022

    Lo spinotto musicale di Radio Popolare si prende cura del vostro primo pomeriggio e della vostra passione per la musica,…

    Jack - 07/01/2022

  • PlayStop

    Gianluca Alzati, Volevo fare la corridora. La vita, la passione, le battaglie della campionessa di ciclismo Morena Tartagni

    GIANLUCA ALZATI – VOLEVO FARE LA CORRIDORA. LA VITA, LA PASSIONE, LE BATTAGLIE DELLA CAMPIONESSA DI CICLISMO MORENA TARTAGLI –…

    Note dell’autore - 07/01/2022

  • PlayStop

    I risparmi de Maria Cazzetta

    quando chiediamo agli ascoltatori dei loro vani tentativi di risparmiare piccole cifre per poi finire a spenderne di maggiori, tra…

    Poveri ma belli - 07/01/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di venerdì 01/07/2022 delle 12:46

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 07/01/2022

  • PlayStop

    Cult di venerdì 01/07/2022

    a Welcome to Socotra i Cantieri Teatrali Koreja propongono „Alessandro „, La mostra „Luna Park dell‘anima, Coney Island“ di Maurizio…

    Cult - 07/01/2022

  • PlayStop

    37e2 di venerdì 01/07/2022

    I conflitti d’interesse in medicina; la vita di una persona disabile a Sesto S. Giovanni; cosa sta accadendo nelle RSA;…

    37 e 2 - 07/01/2022

  • PlayStop

    Prisma di venerdì 01/07/2022

    Notizie, voci e storie nel mattino di Radio Popolare, da lunedì a giovedì dalle 9.00 alle 10.30. Il venerdì dalle…

    Prisma - 01/07/2022

  • PlayStop

    Prisma di venerdì 01/07/2022

    Notizie, voci e storie nel mattino di Radio Popolare, da lunedì a giovedì dalle 9.00 alle 10.30. Il venerdì dalle…

    Prisma - 07/01/2022

  • PlayStop

    Il giorno delle locuste di venerdì 01/07/2022

    Le locuste arrivano come orde, mangiano tutto quello che trovano sul loro cammino e lasciano solo desertificazione e povertà. Gianmarco…

    Il giorno delle locuste - 07/01/2022

  • PlayStop

    Il demone del tardi di venerdì 01/07/2022

    a cura di Gianmarco Bachi

    Il demone del tardi - 07/01/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di venerdì 01/07/2022 delle 7:47

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 07/01/2022

Adesso in diretta