Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR di gio 12/12 delle ore 13:30

    GR di gio 12/12 delle ore 13:30

    Giornale Radio - 12/12/2019

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di gio 12/12

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 12/12/2019

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di gio 12/12 delle 07:19

    Metroregione di gio 12/12 delle 07:19

    Rassegna Stampa - 12/12/2019

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Radio Session di gio 12/12

    Radio Session di gio 12/12

    Radio Session - 12/12/2019

  • PlayStop

    Memos di gio 12/12

    Memos di gio 12/12

    Memos - 12/12/2019

  • PlayStop

    Tazebao di gio 12/12

    Tazebao di gio 12/12

    Tazebao - 12/12/2019

  • PlayStop

    Cult di gio 12/12 (seconda parte)

    Cult di gio 12/12 (seconda parte)

    Cult - 12/12/2019

  • PlayStop

    Cult di gio 12/12 (prima parte)

    Cult di gio 12/12 (prima parte)

    Cult - 12/12/2019

  • PlayStop

    Note dell'autore di gio 12/12

    Note dell'autore di gio 12/12

    Note dell’autore - 12/12/2019

  • PlayStop

    Cult di gio 12/12

    Cult di gio 12/12

    Cult - 12/12/2019

  • PlayStop

    37 e 2 di gio 12/12

    37 e 2 di gio 12/12

    37 e 2 - 12/12/2019

  • PlayStop

    L'ultima notte di Giuseppe Pinelli parte 1

    #pinelli #anarchia #piazzaFontana #1969 #stage #12dicembre #milano #servizisegreti #stragedistato #calabresi #questura #50anni #anniversari

    Radiografia Nera - 12/12/2019

  • PlayStop

    Prisma di gio 12/12 (terza parte)

    Prisma di gio 12/12 (terza parte)

    Prisma - 12/12/2019

  • PlayStop

    Prisma di gio 12/12 (seconda parte)

    Prisma di gio 12/12 (seconda parte)

    Prisma - 12/12/2019

  • PlayStop

    Prisma di gio 12/12 (prima parte)

    Prisma di gio 12/12 (prima parte)

    Prisma - 12/12/2019

  • PlayStop

    Il demone del tardi - copertina di gio 12/12

    Il demone del tardi - copertina di gio 12/12

    Il demone del tardi - 12/12/2019

  • PlayStop

    Fino alle otto di gio 12/12 (terza parte)

    Fino alle otto di gio 12/12 (terza parte)

    Fino alle otto - 12/12/2019

  • PlayStop

    Fino alle otto di gio 12/12 (seconda parte)

    Fino alle otto di gio 12/12 (seconda parte)

    Fino alle otto - 12/12/2019

  • PlayStop

    Fino alle otto di gio 12/12 (prima parte)

    Fino alle otto di gio 12/12 (prima parte)

    Fino alle otto - 12/12/2019

  • PlayStop

    Fino alle otto di gio 12/12

    Fino alle otto di gio 12/12

    Fino alle otto - 12/12/2019

  • PlayStop

    Prisma di mer 11/12 (prima parte)

    Prisma di mer 11/12 (prima parte)

    Prisma - 11/12/2019

  • PlayStop

    Malos di mer 11/12

    Malos di mer 11/12

    MALOS - 11/12/2019

  • PlayStop

    Prisma di mer 11/12 (seconda parte)

    Prisma di mer 11/12 (seconda parte)

    Prisma - 11/12/2019

Adesso in diretta

Approfondimenti

“Italia dei diritti: ieri lenta, oggi anche miope”

“L’Italia fatica ad accettare il principio di uguaglianza e di libertà, tanto più quando riguarda delle minoranze. Senza rendersi conto che, potenzialmente, siamo tutti delle minoranze”.

Chiara Saraceno, sociologa della famiglia, è perplessa. A suo avviso l’azione del parlamento sul ddl Cirinnà, dall’inizio al probabile epilogo, presenta più di un limite: di comprensione, di metodo e di prospettiva.

Il paragone con la stagione del divorzio – gli anni Settanta – aiuta a cogliere alcune differenze e analogie, nell’Italia dei diritti. Quasi mai, in entrambi i casi, positive.

La prima differenza è di percezione. “Sicuramente il divorzio veniva sentito come riguardante potenzialmente tutti”, spiega Saraceno durante il Microfono aperto. “Tutti, o quasi, sapevano che poteva capitare anche a loro che il matrimonio fallisse”.

La seconda differenza è di sguardo. “A favore dell’Italia di allora dobbiamo dire che, quando finalmente fu introdotto il divorzio, fu introdotto nel modo più avanzato possibile. Fu introdotto il divorzio consensuale e non per colpa, come fecero invece all’inizio gli altri Paesi. In questo caso, invece, siamo al minimo sindacale”.

L’insieme delle due differenze, secondo la sociologa, ha determinato che “sulle unioni civili l’Italia stia ripercorrendo, anche faticosamente e con molte controversie, la strada già percorsa da altri. Stiamo introducendo, in forma addirittura ridotta, quello che in Germania fu introdotto anni fa. Come se in mezzo non ci fosse stata storia, come se non imparassimo nulla da queste esperienze”.

Il paragone con la stagione del divorzio porta anche ad alcune analogie, neppure in questo caso positive: “Quello che colpisce è che, sui diritti, l’Italia arriva sempre in ritardo rispetto agli altri Paesi. Dobbiamo ricordarci che ci mise 110 anni ad arrivare alla legge sul divorzio, dalla prima volta che una proposta di legge sul tema venne presentata”.

Il paragone con la stagione del divorzio, tuttavia, non è l’unico tema toccato durante la conversazione.

Ascolta tutta l’intervista con Chiara Saraceno

chiara saraceno

  • Autore articolo
    Massimo Bacchetta
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni