Approfondimenti

Italia chiusa. O quasi

italia chiusa giuseppe conte

Italia chiusa. O quasi. Da giovedì è tutta Italia e non solo la Lombardia che si sveglia con le saracinesche dei negozi abbassate, a parte gli esercizi considerati essenziali, e con i reparti aziendali non indispensabili alla produzione chiusi.

Una mossa radicale del governo, anche se non mancano le critiche di chi pensa che la lista delle eccezioni sia troppo lunga e avrebbe voluto un giro di vite ancora maggiore.

Una mossa radicale decisa per tre ragioni.

La prima, per evitare il balletto che abbiamo visto nel fine settimana: prima una zona rossa solo in alcune aree del Nord e poi, 24 ore dopo, l’estensione del decreto a tutto il Paese. Una scelta che aveva dato l’idea di un governo diviso, indeciso e quindi, in ultima istanza, debole. Cosa che non ci si può assolutamente permettere in questa fase. Quindi, si decida quello che si deve decidere una volta per tutte, è stato il ragionamento.

La seconda, per mettere a tacere il presidente della Lombardia Fontana e il suo partito, la Lega, che per due giorni hanno speculato politicamente sulla serrata. Non che mancassero le ragioni nel chiedere di chiudere il più possibile. Ma la Lega ha cercato di mettere Conte in difficoltà, coi proclami televisivi al posto di una richiesta formale: “Vai avanti tu che a me vien da ridere”. La risposta è stata un decreto che riguarda tutta Italia con cui Conte spera di spiazzare la Lega.

E poi c’è la terza ragione, che rimane la più importante, al di là dei limiti della politica: l’allarme dei medici e degli scienziati per il propagarsi dell’infezione. Non a caso il nuovo commissario Arcuri avrà ampi poteri in materia di produzione e distribuzione delle attrezzature sanitarie che fin qui sono state carenti. Addirittura “potrà impiantare nuovi stabilimenti”. Si deve correre, oppure il sistema sanitario non reggerà l’urto. Anche perché servirà tempo per vedere gli effetti delle restrizioni. Non meno di due settimane, ha detto Conte, ripetendo l’esortazione agli italiani a non uscire di casa se non è strettamente necessario. Appena finito il suo discorso, in diverse città si sono viste le code davanti ai tabaccai, per comprare le sigarette

  • Autore articolo
    Luigi Ambrosio
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di sab 05/12/20

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 12/05/2020

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di ven 04/12/20 delle 19:50

    Metroregione di ven 04/12/20 delle 19:50

    Rassegna Stampa - 12/04/2020

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Guida nella Jungla di sab 05/12/20

    Guida nella Jungla di sab 05/12/20

    Guida nella Jungla - 12/05/2020

  • PlayStop

    Conduzione Musicale di sab 05/12/20

    Conduzione Musicale di sab 05/12/20

    Conduzione musicale - 12/05/2020

  • PlayStop

    On Stage di sab 05/12/20

    ira rubini, on stage, davide livermore, serata concerto scala 7 dicembre 2020, teatro delle selve, san maurizio d'opaglio, franco acquaviva,…

    On Stage - 12/05/2020

  • PlayStop

    Passatel di sab 05/12/20

    Passatel di sab 05/12/20

    Passatel - 12/05/2020

  • PlayStop

    Pop Up di sab 05/12/20

    Pop Up di sab 05/12/20

    Pop Up Live - 12/05/2020

  • PlayStop

    Sidecar di sab 05/12/20

    Sidecar di sab 05/12/20

    Sidecar - 12/05/2020

  • PlayStop

    I Girasoli di sab 05/12/20

    I Girasoli di sab 05/12/20

    I girasoli - 12/05/2020

  • PlayStop

    Sabato Libri di sab 05/12/20

    Sabato Libri di sab 05/12/20

    Sabato libri - 12/05/2020

  • PlayStop

    Itaca di sab 05/12/20

    Itaca di sab 05/12/20

    Itaca - 12/05/2020

  • PlayStop

    Itaca Rassegna di sab 05/12/20

    Itaca Rassegna di sab 05/12/20

    Itaca – Rassegna Stampa - 12/05/2020

  • PlayStop

    Mash-Up di sab 05/12/20

    Mash-Up di sab 05/12/20

    Mash-Up - 12/05/2020

  • PlayStop

    Doppia Acca di ven 04/12/20

    Doppia Acca di ven 04/12/20

    Doppia Acca - 12/05/2020

  • PlayStop

    A casa con voi di ven 04/12/20

    con Andrea Cegna. - punto metro..- Roberto Codazzi, appena tornato da Santo Domingo, ci racconta la situazione da quelle parti..-…

    A casa con voi - 12/04/2020

  • PlayStop

    Esteri di ven 04/12/20

    Esteri di ven 04/12/20

    Esteri - 12/04/2020

  • PlayStop

    Ora di punta di ven 04/12/20

    Ora di punta di ven 04/12/20

    Ora di punta – I fatti del giorno - 12/04/2020

  • PlayStop

    Follow Friday - La grande fuga

    lunga rassegna dei trending topic, tra cui spicca la sgridata di Augias a Salvini. Pip pop challenge estesa sulle più…

    Follow Friday - 12/04/2020

Adesso in diretta