Approfondimenti

“Israele sta commettendo crimini contro l’umanità di apartheid e persecuzione”: la denuncia di Human Rights Watch

Israele - Human Rights Watch ANSA

La parola “Apartheid”, nella mente della maggior parte delle persone, si collega subito al Sudafrica e alla politica di segregazione razziale istituita dal governo bianco del paese alla fine degli anni ’40. Il suo significato, però, è più ampio e si riferisce ad una grave oppressione discriminatoria di un gruppo etnico rispetto ad un altro ed è considerato un crimine contro l’umanità. Aver chiaro il significato della parola è fondamentale per capire l’entità dell’accusa che l’organizzazione statunitense per i diritti umani Human Rights Watch ha mosso alle autorità israeliane. Con un rapporto intitolato “Un limite superato”, l’associazione ha accusato Israele di aver portato avanti dinamiche persecutorie e di essersi macchiato del crimine dell’Apartheid nei confronti della popolazione palestinese. Secondo il rapporto la politica del governo israeliano è di “mantenere la dominazione degli ebrei israeliani sui palestinesi commettendo gravi abusi”.

Tra il Mar Mediterraneo e il fiume Giordano, nell’area che comprende Israele e i territori occupati palestinesi, vivono circa 6,8 milioni di israeliani e 6,8 milioni di palestinesi. Un’equità numerica che, però, non si rispecchia in un’equità sostanziale. “In quasi tutti gli aspetti della vita”, si legge nel report, “le autorità israeliane privilegiano metodologicamente gli ebrei israeliani mentre reprimono i palestinesi”. Con l’obbiettivo di mantenere il dominio israeliano sui palestinesi, le autorità, negli anni, hanno spodestato, confinato, separato con la forza e soggiogato la popolazione. Pratiche che, in alcune aree, si sono concretizzate in modo talmente violento da essere considerate crimini contro l’umanità.

Secondo Omar Shakir, il direttore dell’organizzazione per Israele e Palestina, questa è la conclusione più dura a cui Human Rights Watch è arrivata in 30 anni di ricerche sul campo e di analisi degli abusi commessi da Israele nei confronti dei palestinesi. L’associazione, infatti, prima d’ora era sempre stata molto cauta, e non aveva mai accusato il Paese di crimini contro l’umanità. Nonostante la prudenza che l’ong ha sempre mostrato nel trattare la questione, il Ministero degli Esteri israeliano ha risposto alle accuse affermando che l’associazione è nota da tempo per la sua agenda anti-israeliana, e per anni di tentativi di boicottaggio di Israele, e ha bollato il rapporto come “propaganda priva di alcuna credibilità”.

Il premier palestinese Mohammed Shtayyeh, invece, ha commentato: “Il rapporto definisce in maniera articolata le politiche israeliane e le atrocità contro il popolo palestinese usando la giusta definizione per crimini e criminali“.

La questione israelo-palestinese non è certo nuova, ma gli abusi nei confronti dei palestinesi non accennano a diminuire ma, anzi, con il parlamento odierno – uno dei più conservatori e razzisti della sua storia – si è aggravata la situazione. Sono sempre più frequenti le manifestazioni, appoggiate da politica e polizia, in cui si inneggia allo sterminio dei palestinesi. “Death to Arabs” è lo slogan. In un editoriale pubblicato sul quotidiano Hareetz, Sami Abou Shahadeh – storico e membro del parlamento per il partito arabo israeliano – scrive che è ormai evidente come ci sia una necessità urgente di garantire protezione internazionale al popolo palestinese che, ora, non deve solo difendersi dalla brutalità delle forze armate, ma anche da quella dei normali cittadini, rafforzati dalla loro nuova rappresentanza in parlamento e alimentati da una visione razzista della supremazia ebraica.

Per anni, dice il rapporto di Human Rights Watch, Israele è stata avvertito che un atteggiamento come quello portato avanti dalle autorità avrebbe condotto ad un Apartheid. Ora, il limite è stato superato.

  • Autore articolo
    Martina Stefanoni
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di domenica 26/06/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 26/06/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 24/06/2022 delle 19:50

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 26/06/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    La domenica dei libri di domenica 26/06/2022

    La domenica dei libri è la trasmissione di libri e cultura di Radio Popolare. Ogni settimana, interviste agli autori, approfondimenti,…

    La domenica dei libri - 26/06/2022

  • PlayStop

    Va pensiero di domenica 26/06/2022

    Viaggio a bocce ferme nel tema politico della settimana.

    Va Pensiero - 26/06/2022

  • PlayStop

    Slide Pistons – Jam Session di sabato 25/06/2022

    La nuova frizzante trasmissione di Luciano Macchia e Raffaele Kohler. Tutti i sabati su Radio Popolare dalle 23.45. In onda…

    Slide Pistons – Jam Session - 26/06/2022

  • PlayStop

    News della notte di sabato 25/06/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 26/06/2022

  • PlayStop

    Gli speciali di sabato 25/06/2022

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 26/06/2022

  • PlayStop

    I girasoli di sabato 25/06/2022

    La trasmissione è un appuntamento con l’arte e la fotografia e con le ascoltatrici e gli ascoltatori che vogliono avere…

    I girasoli - 26/06/2022

  • PlayStop

    Stay human di sabato 25/06/2022

    Ogni sabato dalle 16.30 alle 17.30, musica e parole che ci tirano su il morale in compagnia di Claudio Agostoni…

    Stay human - 26/06/2022

  • PlayStop

    Senti un po’ di sabato 25/06/2022

    Senti un po’ è un programma della redazione musicale di Radio Popolare, curata e condotta da Niccolò Vecchia, che da…

    Senti un po’ - 26/06/2022

  • PlayStop

    DOC – Tratti da una storia vera di sabato 25/06/2022

    I documentari e le docu-serie sono diventati argomento di discussione online e offline: sesso, yoga, guru, crimine, storie di ordinaria…

    DOC – Tratti da una storia vera - 26/06/2022

  • PlayStop

    Ollearo.con di sabato 25/06/2022

    Un faro nel weekend per orientare la community di RP. Il collante a tenuta super che tiene insieme gli elementi…

    Ollearo.con - 26/06/2022

  • PlayStop

    Good Times di sabato 25/06/2022

    Il ricordo di Patrizia Cavalli con Paolo Massari; le sorelle terribili di Simenon; la festa del Naga; La maschera: un…

    Good Times - 26/06/2022

  • PlayStop

    Piovono radio di sabato 25/06/2022

    Il direttore di Radio Popolare Sandro Gilioli a confronto con ascoltatori e ascoltatrici.

    Piovono radio - 26/06/2022

  • PlayStop

    Itaca di sabato 25/06/2022

    Itaca, viaggio nel presente. I giornali, l’attualità, il colloquio con chi ci ascolta. Ogni sabato dalle 8.45 alle 10.30.

    Itaca - 26/06/2022

  • PlayStop

    Itaca di sabato 25/06/2022

    Itaca, viaggio nel presente. I giornali, l’attualità, il colloquio con chi ci ascolta. Ogni sabato dalle 8.45 alle 10.30.

    Itaca - 26/06/2022

  • PlayStop

    Mash-Up di sabato 25/06/2022

    A Lunenburg, in primavera, Ilona Staller e Immanuel Kant studiano insieme come muovere le dita nelle variazioni Goldberg, ascoltando Fela…

    Mash-Up - 26/06/2022

  • PlayStop

    News della notte di venerdì 24/06/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 26/06/2022

  • PlayStop

    Esteri di venerdì 24/06/2022

    1-Stati Uniti. Dopo una lunga crociata reazionaria abolito il diritto all’aborto federale. La sentenza della Corte suprema sarà applicata nella…

    Esteri - 26/06/2022

Adesso in diretta