Approfondimenti

Israele impone il trasferimento dei beduini Jahalin

Scuola di Gomme

La Corte Suprema di Israele ha autorizzato la demolizione del villaggio beduino di Khan el-Ahmar, in Cisgiordania, e della “Scuola di Gomme” costruita al suo interno, un importante progetto realizzato dalla Ong italiana Vento di Terra per sopperire alla mancanza di una scuola all’interno del villaggio dopo la costruzione di un’autostrada che ha di fatto tagliato fuori i residenti da ogni collegamento con le scuole esistenti in altre zone. La motivazione ufficiale è che il villaggio e la scuola erano stati costruiti senza i necessari permessi.

Ieri i giudici hanno respinto gli accorati appelli dei 200 abitanti che non vogliono essere trasferiti in una vicina località, in quanto questo trasferimento forzato li costringerebbe ad abbandonare la loro vita di nomadi e le loro abitudini, dal pascolo alla cura degli animali.

Ne abbiamo parlato con Massimo Annibale Rossi, fondatore della Ong Vento di Terra che nel 2009 ha realizzato la Scuola di Gomme nel villaggio beduino:

La storia dei beduini Jahalin è una storia che ha origini antichissime. Loro erano semi-nomadi, vivevano nell’area del deserto del Neghev e da lì sono stati espulsi dall’esercito israeliano tra il 1948 e il 1950. Hanno vagato tra Betlemme ed Hebron e poi si sono stanziati nell’area che va da Gerusalemme a Gerico. Si sono stanziati lì nei tardi anni ’50 – inizio anni ’60, poi nel 1967 sono arrivati gli israeliani con la guerra del 1967 e sono ricominciati i guai. Dopo alcuni anni, tra la fine degli anni ’70 e l’inizio degli anni ’80, è iniziata la costruzione prima di un sito industriale e poi di un grande colonia che oggi si chiama Ma’ale Adumim ed è una colonia da 40mila persona che continua ad ingrandirsi. Questa colonia ha un ruolo geopolitico estremamente importante: si estende verso est da Gerusalemme in direzione di Gerico e su questo corridoio – che è in area C, cioè l’area della Palestina sotto controllo amministrativo e militare israeliano – divide quello che rimane della West Bank in due tronconi. Se l’appropriazione da parte di Israele di questo corridoio venisse ultimata, l’area della West Bank che fa capo ai governatorati di Betlemme ed Hebron verrebbe separata dall’altra area che fa capo a Ramallah e Nablus. Questo corridoio è un corridoio di estrema importanza strategica nel quale vivono queste comunità beduine. Si tratta di 40mila persone che sono rimaste in questi anni nonostante le vessazioni. I beduini che noi seguiamo sono un po’ caduti in una piega della storia, nel senso che sono sopravvissuti in questi decenni a margine della costruzione di queste grandi colonie e grandi infrastrutture. Lì è stata costruita una grande autostrada, però non è stata costruita una via di uscita per il loro campo e quindi c’è questo tratto pazzesco tra le condizioni di questi disperati che non hanno acqua corrente, non hanno corrente elettrica e non hanno servizi e queste meravigliose strutture e colonie che li circondano e che sono state costruite nei luoghi in cui loro avevano i loro pascoli. C’è un processo di impossessamento progressivo e ad oggi inarrestabile.
La Scuola di Gomme è stata costruita nel 2009 a seguito di un’istanza fortissima che veniva dalle comunità, dicevano che senza scuole non c’è futuro. La costruzione dell’autostrada che passa accanto ai campi aveva infatti impedito allo scuolabus di potersi fermare – perchè non ci si può fermare senza un’area adatta. Lo scuolabus è stato più volte multato e poi sequestrato. Alla fine anche questo, cioè la mancanza della scuola, risultava un’arma di pressione perchè se andassero da lì. C’è stato un appello molto determinato da parte dei beduini rispetto al fatto che anziché pensare a dei progetti di maquillage sociale, si pensasse proprio a questa costruzione. E quindi siamo arrivati alla decisione di appoggiarli.

Oggi Israele dice che c’è un’alternativa a soli 8 chilometri, un villaggio dove ci sono strade e strutture più moderne, configurando questa operazione di sgombero quasi come un’operazione umanitaria. Tu che conosci molto bene quella zona ci racconti quale potrebbe essere la destinazione di queste persone?

Esiste un villaggio che si chiama Al Jabal in cui sono stati forzatamente deportate altre comunità beduine all’epoca dell’espansione di questa grande colonia Ma’ale Adumim. Questo villaggio esiste, non è un villaggio modello, ma abbastanza messo male, però insomma esiste questo precedente. Quello che si propone ai Jahalin è spostarsi su un’area vicina a quella di Al Jabal che io sono andato a visitare. Praticamente sono vari terrazzamenti che fino a poco tempo fa erano discarica edilizia e che stanno vicino alla discarica di Gerusalemme – che è una vera montagna di rifiuti e penso sia in procinto di essere chiusa – in un luogo assolutamente privo di ogni attrattiva e dei requisiti minimi. Tra l’altro lì tutto quello che Israele è disponibile a fare per i beduini è il possibile allacciamento alle utente, quindi acqua, fogne e quant’altro, ma non ci sono case, non ci sono strutture. Loro li prenderebbero, li mollerebbero lì e poi direbbero “a questo punto arrangiatevi. Potrete stare qui con un contratto di 49 anni“. Questo è tutto quello che si offre loro. Questa offerta è stata presentata alla Corte Suprema e i beduini l’hanno rifiutata. Non è più oggettivamente sul campo, c’è stato un rifiuto formale tramite il loro avvocato. La situazione si fa molto drammatica nella misura in cui la scuola è stato l’unico segnale di rinforzo all’autostima e all’affermazione dei diritti di queste comunità in tanti anni. La distruzione della scuola, quindi, potrebbe essere un colpo veramente durissimo. Inoltre queste persone vivono in ripari di emergenza, sono baracche costruite con lastre di alluminio e distruggere anche quel poco che hanno sarebbe un colpo davvero enorme. Non oso immaginare come potrebbero riorganizzarsi. Cosa fanno, li prendono e li portano in questo terreno assolutamente inadatto per costruire un insediamento? In questo momento non vedo una prospettiva di risoluzione. È stato anche realizzato – credo dall’autorità civile che poi è una realtà militare che si occupa dell’Area C israeliana – un video in cui si dice che è un’operazione umanitaria di altro profilo. Lo potrebbe essere nella misura in cui ci fosse un accordo con quelli che dovrebbero essere deportati e nella misura in cui la destinazione sia un posto vivibile, un posto bello, ma anche un luogo in cui poter mantenere le traduzioni beduine legate al pascolo e alla cura degli animali. Qui non c’è nessuna di queste prerogative, c’è solo un uso sproporzionato dalla propria autorità e della violenza e un’imposizione che viola la convenzione di Ginevra.

L’intervista si conclude con un sentito appello a tutti gli ascoltatori di Radio Popolare:

Lanciamo un appello agli ascoltatori di RadioPopolare perchè sostengano anche in questo momento così difficile la causa della Scuola di Gomma.

Scuola di Gomme
Foto dalla pagina FB dell’Ong Vento di Terra https://www.facebook.com/VentodiTerraONG/
  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR martedì 21/05 19:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 21-05-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di martedì 21/05/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 21-05-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di martedì 21/05/2024 delle 19:51

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 21-05-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    PoPolaroid di mercoledì 22/05/2024

    Ho amato tanto la Polaroid. Vedere stampare sotto i miei occhi la foto è sempre stata una sorpresa divertente ed emozionante. Ho amato anche la bellezza dello spazio bianco intorno all’immagine, che mi permetteva di scrivere la data e dare un titolo alla foto; spesso era ispirato da una canzone. Se ci pensate bene le canzoni, come le fotografie, sono la nostra memoria nel tempo, sono il clic che fa catturare ricordi meravigliosi. A PoPolaroid accompagno la musica con istantanee sonore; sono scatti personali, sociali e soprattutto sentimentali. Con PoPolaroid ascolta e vedrai. Basil Baz

    PoPolaroid – istantanee notturne per sognatori - 21-05-2024

  • PlayStop

    Avenida Brasil di martedì 21/05/2024

    La trasmissione di musica brasiliana di Radio Popolare in onda dal 1995! Da nord a sud, da est ad ovest e anche quella prodotta in giro per il mondo: il Brasile musicale di ieri, di oggi e qualche volta di domani... Ogni martedì dalle 23.00 alle 24.00, a cura di Monica Paes Potrete anche, come sempre, scaricare i podcast e sentirla quando e quante volte volete... https://www.facebook.com/groups/avenidabrasil.radio/ https://www.facebook.com/avenidabrasil.radio/

    Avenida Brasil - 21-05-2024

  • PlayStop

    News della notte di martedì 21/05/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 21-05-2024

  • PlayStop

    L'altro martedì di martedì 21/05/2024

    Dal 19 settembre dalle ore 22.00 alle 22.30 alla sua quarantatreesima edizione L’Altro Martedì, la trasmissione LGBT+ di Radio Popolare torna in onda con le voci dei protagonisti della movimento omotransgender. Conduzione e regia di Eleonora Dall’Ovo Musiche scelte da Lucy Van Pelt Si partirà con la rassegna stampa nostrana ed estera, per poi intervistare i\le protagonisti\e del movimento lgbt+ e concludere con gli eventi culturali che ruotano intorno alla realtà arcobaleno da non perdere.

    L’Altro Martedì - 21-05-2024

  • PlayStop

    Doppio Click di martedì 21/05/2024

    Doppio Click è la trasmissione di Radio Popolare dedicata ai temi di attualità legati al mondo di Internet e delle nuove tecnologie. Ogni settimana approfondiamo le notizie più importanti, le curiosità e i retroscena di tutto ciò che succede sul Web e non solo. A cura di Marco Schiaffino.

    Doppio Click - 21-05-2024

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di martedì 21/05/2024

    I fatti più importanti della giornata sottoposti al dibattito degli ascoltatori e delle ascoltatrici. A cura di Luigi Ambrosio e Mattia Guastafierro

    Quel che resta del giorno - 21-05-2024

  • PlayStop

    Esteri di martedì 21/05/2024

    1- Spagna – Argentina ai ferri corti. Il premier Pedro Sanchez ritira definitivamente l’ambasciatore da Buenos Aires dopo i nuovi insulti di Milei. 2-Taipei, il giorno dopo l’insediamento dl Lai Ching-te. Pechino lo accusa esplicitamente il presidente taiwanese di separatismo. 3- Diario americano. Tra una settimana il verdetto del processo Trump. 4-Francia. Macron in missione Nuova Caledonia ma senza un piano politico per uscire dalla gravissima crisi. 5- Fondi Ue destinati alla deportazioni di migranti nel deserto nord africano. La denuncia pubblicata da Lighthouse Reports in collaborazione con le principali testate europee 7-Rubrica sportiva. La lezione di Jurgen Klopp al mondo del calcio.

    Esteri - 21-05-2024

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di martedì 21/05/2024

    Quando le prime luci della sera… no, non è l’incipit di un romanzo. E’ l’orario in cui va in onda “Muoviti, muoviti” la trasmissione che vi accompagna nel rientro a casa dopo una giornata di lavoro, di studio o di semplice e puro fancazzismo (voluto o subito). Il racconto dei fatti principali della giornata, le piccole notizie che assurgono a tema di interesse generale, gli argomenti più dibattuti sui social, l’andamento del primo anno scolastico in presenza post-Covid, le elezioni (amministrative e del Presidente della Repubblica ma anche quelle dei consiglieri di condominio nel caso…), il presente e il futuro dell’atletica leggera dopo i successi di Tokyo. Tutto questo e molto altro lo trovate in “Muoviti muoviti” dalle 17.30 alle 19 dal lunedì al venerdì su Radio Popolare con Davide Facchini, Luca Gattuso e Marta Zambon.

    Muoviti muoviti - 21-05-2024

  • PlayStop

    Playground di martedì 21/05/2024

    A Playground ci sono le città in cui abitiamo e quelle che vorremmo conoscere ed esplorare. A Playground c'è la musica più bella che sentirai oggi. A Playground ci sono notizie e racconti da tutto il mondo: lo sport e le serie tv, i personaggi e le persone, le ultime tecnologie e le memorie del passato. A Playground, soprattutto, c'è Elisa Graci: per un'ora al giorno parlerà con voi e accompagnerà il vostro pomeriggio. Su Radio Popolare, da lunedì a venerdì dalle 16.30 alle 17.30.

    Playground - 21-05-2024

  • PlayStop

    Express - Ep. 30 - 21/05/2024

    Partenza dal Mediterraneo con i Nu Genea, poi in Svizzera con Ele A, a Milano con Mace e Venerus, in Basilicata con Chiello, in Sicilia con Colapesce, Dimartino e Joan Thiele, in Sardegna con Daniela Pes, da Abbiategrasso al Nepal con Marta Del Grandi e infine a Manchester con gli Smiths.

    Express - 21-05-2024

  • PlayStop

    Jack di martedì 21/05/2024

    Per raccontare tutto quello che di interessante accade oggi nella musica e in ciò che la circonda. Anticipazioni e playlist sui canali social di Matteo Villaci.

    Jack - 21-05-2024

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di martedì 21/05/2024

    Per riascoltare Considera l'armadillo noi e altri animali che oggi per la serie #ancheglianimalivotano ha ospitato Francesca Flati di @Animal Equality Italia e Simone Montuschi di @Essere Animali per parlare dei 3 punti sul Benessere Animale della piattaforma, ma anche del Film Festival La Ninna del @centro Recupero Ricci La Ninna

    Considera l’armadillo - 21-05-2024

  • PlayStop

    Cercasi McGyver

    quando testiamo l'abilità degli ascoltatori nel fai da te, eseguiamo una regalia di biglietti dell'Operazione Primavera attraverso un nuovo fiammante rebus sonoro e infine arriva la prima parte di una nuova puntata di Voeia de Laurà, dedicata all'oreficeria

    Poveri ma belli - 21-05-2024

Adesso in diretta