Approfondimenti

L’ISIS in ritirata

Le notizie di queste ore sono l’avanzata dell’esercito siriano su Palmira e l’inizio della campagna irachena per riconquistare Mosul. Due notizie che confermano una tendenza ormai chiara da alcune settimane: lo Stato Islamico è in difficoltà e sta gradualmente perdendo terreno.

Non è ancora chiaro, come sostengono alcuni analisti, se i recenti attentati in Europa, Bruxelles e Parigi siano una conseguenza delle difficoltà interne, ma sta di fatto che da diverso tempo le milizie dell’ISIS sono sulla difensiva. Niente più attacchi e azioni contro il nemico lasciate quasi esclusivamente agli attentati kamikaze. Sta succedendo in Siria e sta succedendo anche in Iraq.

Grazie all’appoggio dell’aviazione russa le truppe di Assad hanno ripreso il controllo di buona parte di Palmira, la città famosa per il suo ricchissimo patrimonio archeologico. Damasco non ha fatto quasi mai la guerra allo Stato Islamico, concentrandosi sulle zone controllate dai gruppi ribelli. Vale lo stesso per la Russia, che nei mesi scorsi ha evitato il crollo del regime. Ma adesso la strategia potrebbe cambiare, soprattutto perché con il negoziato in corso a Ginevra tra governo e opposizione Damasco vorrebbe convincere la comunità internazionale di voler fare la guerra ai veri terroristi.

L’ISIS ha perso territorio nel nord-est della Siria a vantaggio delle milizie curde, a nord di Aleppo a vantaggio del regime, e anche nel sud del Paese, dove si è ritirato da piccole enclave che era riuscito a infiltrare nei mesi scorsi. All’apice della sua avanzata Daesh controllava per esempio quasi tutta la frontiera tra Siria e Turchia, ora gli sono rimasti poco più di cento chilometri.

In Iraq le milizie islamiste hanno dovuto cedere terreno nella provincia di Anbar, a est di Baghdad, dove lo Stato Islamico aveva mosso i primi passi dalle ceneri dell’esercito di Saddam Hussein, e nel nord, incalzati dai Peshmerga del Kurdistan iracheno. L’inizio della campagna per la ripresa di Mosul, la più grande città controllata dall’ISIS, conferma quindi una tendenza piuttosto marcata.

Secondo gli Stati Uniti Daesh avrebbe perso il 40 per cento del suo territorio in Iraq e il 20 per cento del suo territorio in Siria. I comandanti dell’esercito iracheno e i ribelli siriani che hanno combattuto sul campo contro lo Stato Islamico raccontano che sulla linea del fronte i miliziani dell’ISIS non sono più quelli di una volta e spesso abbandonano persino le loro postazioni.

Tutto questo vuol dire che l’ISIS sta vivendo una profonda crisi interna? Difficile dirlo, ma alcuni segnali indicano in ogni caso una serie di problemi. “Rispetto al passato – spiega una fonte di Radio Popolare nel nord della Siria – lo Stato Islamico ha sicuramente meno risorse umane e finanziarie. I problemi sul campo sembrano quindi una delle conseguenze inevitabili di questa situazione”. Anche il clima interno e il morale dei vertici militari sta cambiando. “I nostri contatti in territorio dell’ISIS – racconta a Radio Popolare un ex-miliziano dell’Esercito Libero Siriano da Aleppo – ci dicono che c’è molto nervosismo”.

In tutta questa vicenda ci sono poi altri due fattori, che hanno un carattere prevalentemente politico. A combattere lo Stato Islamico ci sono forze che spesso sono in contrapposizione tra di loro: curdi siriani, Peshmerga del Kurdistan iracheno, ribelli arabi siriani, Stati Uniti, Russia, esercito iracheno, milizie sciite irachene sponsorizzate dall’Iran. Nonostante si trovino tutte a combattere lo stesso nemico non hanno mai formato un fronte comune. L’altra questione riguarda il negoziato in corso a Ginevra. Questa settimana è finito il primo round di colloqui, con pochi passi in avanti, visto che il regime di Damasco non vuole discutere di transizione politica. Senza un accordo o almeno un compromesso di pace con basi solide sarà impossibile sconfiggere definitivamente l’ISIS.

  • Autore articolo
    Emanuele Valenti
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di ven 16/04/21

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 17/04/2021

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di ven 16/04/21 delle 19:50

    Metroregione di ven 16/04/21 delle 19:50

    Rassegna Stampa - 17/04/2021

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Mash-Up di sab 17/04/21

    Mash-Up di sab 17/04/21

    Mash-Up - 17/04/2021

  • PlayStop

    Doppia Acca di ven 16/04/21

    Doppia Acca di ven 16/04/21

    Doppia Acca - 17/04/2021

  • PlayStop

    News Della Notte di ven 16/04/21

    News Della Notte di ven 16/04/21

    News della notte - 17/04/2021

  • PlayStop

    A casa con voi di ven 16/04/21

    A casa con voi di ven 16/04/21

    A casa con voi - 17/04/2021

  • PlayStop

    Esteri di ven 16/04/21

    Esteri di ven 16/04/21

    Esteri - 17/04/2021

  • PlayStop

    Ora di punta di ven 16/04/21

    Ora di punta di ven 16/04/21

    Ora di punta – I fatti del giorno - 17/04/2021

  • PlayStop

    Follow Friday di ven 16/04/21

    Follow Friday di ven 16/04/21

    Follow Friday - 17/04/2021

  • PlayStop

    Uno di Due di ven 16/04/21

    Uno di Due di ven 16/04/21

    1D2 - 17/04/2021

  • PlayStop

    Jack di ven 16/04/21

    Jack di ven 16/04/21

    Jack - 17/04/2021

  • PlayStop

    Stay Human di ven 16/04/21

    Stay Human di ven 16/04/21

    Stay human - 17/04/2021

  • PlayStop

    Memos di ven 16/04/21

    Il cristianesimo puro di Bergoglio e lo spirito primitivo del capitalismo di Boris Johnson. Il papa, parlando di vaccini e…

    Memos - 17/04/2021

  • PlayStop

    Sandra Bonsanti, Colpevoli

    SANDRA BONSANTI - COLPEVOLI - presentato da LORENZA GHIDINI

    Note dell’autore - 17/04/2021

  • PlayStop

    Cult di ven 16/04/21

    ira rubini, cult, teatro nazionale atene occupazione, silvia marastoni, mina,, tiziana ricci, libro artista curda dogan, bauli in piazza roma.…

    Cult - 17/04/2021

  • PlayStop

    Serve And Volley di gio 15/04/21

    Serve And Volley di gio 15/04/21

    Serve&Volley - 17/04/2021

  • PlayStop

    C'e' Luce di ven 16/04/21

    Con Maura Gancitano, protagonista con Andrea Colamedici del progetto TLON, presentiamo il libro "Scegliere il futuro. Affrontare la crisi climatica…

    C’è luce - 17/04/2021

  • PlayStop

    Prisma di ven 16/04/21

    Parliamo del cronoprogramma per le riaperture e del congresso del Partito Comunista Cubano. L'intervista con il nuovo segretario della Cgil…

    Prisma - 17/04/2021

  • PlayStop

    Il Giorno Delle Locuste di ven 16/04/21

    Il Giorno Delle Locuste di ven 16/04/21

    Il giorno delle locuste - 17/04/2021

  • PlayStop

    Il demone del tardi - copertina di ven 16/04/21

    Il demone del tardi - copertina di ven 16/04/21

    Il demone del tardi - 17/04/2021

Adesso in diretta