Approfondimenti

“Io, una giudice popolare al Maxi Processo”, intervista al regista Francesco Micciché

giudice popolare maxi processo

Francesco Micciché, regista della docufiction “Io, una giudice popolare al Maxi Processo“, in onda su Rai1 giovedì prossimo e disponibile su RaiPlay, racconta a Radio Popolare il processo di ricerca che ha coinvolto la produzione del progetto sul maxiprocesso indetto dallo Stato contro cosa nostra.

L’intervista di Barbara Sorrentini a Fino Alle Otto.

Io, una giudice popolare al Maxi Processo. C’è una parte di finzione nel film, con Donatella Finocchiaro che interpreta una delle giurate popolari coinvolte nel processo, ma le rappresenta in realtà un po’ tutte.

Il personaggio di Caterina, interpretato da Donatella, è la summa di tutte le giurate popolari che noi abbiamo sentito ed ascoltato, e che hanno poi ispirato il racconto. Erano persone normali, casalinghe, impiegate, che a un certo punto vengono investite di questa grandissima responsabilità: far parte della giuria che giudicherà il Maxi Processo, un evento della nostra storia contemporanea molto importante. È l’evento in seguito al quale si potrà dire che la mafia esiste, perché fino a quel 1987, la mafia da un punto di vista giudiziario quasi non esisteva. C’erano delitti mafiosi, ma non c’era l’organizzazione mafiosa. Il Maxi Processo svelerà che invece c’è, e ci saranno numerosissime condanne. Questi giudici popolari si sono trovati improvvisamente a rappresentare la Sicilia e il Paese, con una responsabilità enorme ma essendo persone qualsiasi, gente che faceva semplicemente la propria vita, che è stata così sconvolta.

C’è una parte, invece, di documentario con interviste ai testimoni dell’epoca, e alcuni di loro vengono interpretati da attori. Poi ci sono le immagini vere del Maxi Processo. Come le hai ricercate?
Questa è la sesta docufiction che faccio, per Rai1 e per RaiFiction. È un modo di raccontare eventi storici del nostro paese che secondo me dà grande verità al racconto e allo stesso tempo mette lo spettatore di fronte a quello che è successo. Questo ritmo tra finzione e documentario dà sempre la conferma che quello che vedi nella finzione è vero. Per il Maxi Processo c’è un archivio che sta nella Sede RAI siciliana, dov’è contenuto tutto il girato del Maxi Processo, digitalizzato. Forse pochi ricordano, ma in quegli anni il Maxi Processo è stato interamente registrato dalle telecamere della RAI. Esiste una parte del materiale che sta dentro RAI Teche, e l’altra che è conservata a RAI Sicilia. Alcune parti le abbiamo dovute prendere lì perché specifiche. In genere si ricorda del Maxi Processo solo il confronto tra Buscetta e Calò, il nucleo centrale del processo. Però ci sono anche altre chicche, altre parti importanti. A un certo punto, verso la fine del processo, gli avvocati chiesero la lettura degli atti, che è una cosa che faceva parte del codice fascista negli anni 30 e che però nessuno in cinquant’anni di storia repubblicana aveva mai chiesto. La lettura degli atti in un processo del genere sarebbe durata anni, probabilmente. Quindi tutti quei mafiosi in carcere sarebbero probabilmente usciti perché sarebbero caduti i termini di carcerazione preventiva, ma invece lo Stato in quel caso intervenì con la famosa legge Mancino-Violante, che di fatto lo impedì. Il Maxi Processo è stato voluto e realizzato dallo Stato e quel processo è un grande successo della nostra Repubblica. È stato il momento in cui si è potuto dire che la mafia esistesse. Questo è stato fatto grazie alle indagini di Falcone e Borsellino. Poi dopo le cose sono cambiate, ci sono stati parecchi problemi, però quello è stato un momento in cui anche i siciliani onesti hanno sentito che era possibile la lotta alla mafia e che era possibile sconfiggere.

Come hai fatto a recuperare i giurati e le giurate che parlano nel tuo film?

Alcuni sono tornati alla propria vita. Altri, come per esempio il giudice Mario Lombardo, giornalista, ha scritto un libro sulla sua esperienza al Maxi Processo. Abbiamo avuto l’importante aiuto di Francesco La Licata, giornalista siciliano noto e che finalizza molto le sue ricerche sulla mafia. Francesco ci ha aiutato a trovare questi giurati che conosceva bene, perché all’epoca lui ha seguito tutto il processo. Pietro Calderoni e Ivan Russo, i due sceneggiatori, li hanno contattati e hanno fatto lunghe interviste. Li abbiamo un po’ scovati, e un po’ ce li ha consigliati Francesco.

Ai microfoni di Radio Popolare è stata intervistata anche Francesca Vitale, giurata popolare al Maxi Processo, che ha condiviso i suoi ricordi dell’esperienza.

È stata indubbiamente una prova importante riuscire a completare il lavoro che aveva iniziato Falcone. Per fortuna è andata bene e siamo riusciti a concludere, anche se non era facile. Siamo stati ostacolati continuamente, ma abbiamo superato con serenità.

Si vede bene nel film cosa voleva dire stare nell’aula bunker durante quei momenti. Che cosa ricorda?

Le emozioni che abbiano vissuto sono state tante, perché naturalmente sono successi tanti fatti. Chi si è cucito le labbra, chi ha ingoiato un chiodo, una volta è capitato che Liggio non volesse uscire in aula perché voleva la poltrona del Presidente Giordano, e il maresciallo era riuscito a distoglierlo dicendo che la poltrona non si potesse muovere perché cementata. Erano tutti motivi per ostacolare, per cercare di interrompere questo processo ma per fortuna non ci sono riusciti.

Il rapporto con la paura, in quella fase, com’è stato per lei?

La scoperta di questo mondo sovrapposto è stata inaudita. È stata la scoperta di una inciviltà. Purtroppo non immaginavo che potesse esistere un’organizzazione così grande come quella che si è poi rivelata.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di domenica 07/08/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 08/07/2022

Ultimo Metroregione

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    News della notte di domenica 07/08/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 08/07/2022

  • PlayStop

    La sacca del diavolo di domenica 07/08/2022

    “La sacca del diavolo. Settimanale radiodiffuso di musica, musica acustica, musica etnica, musica tradizionale popolare, di cultura popolare, dai paesi…

    La sacca del diavolo - 08/07/2022

  • PlayStop

    Cosmic di domenica 07/08/2022

    Un titolo che richiama i primi lanci spaziali, vecchi film di fantascienza in bianco e nero, e ingenui giocattoli di…

    Cosmic - 08/07/2022

  • PlayStop

    Soulshine di domenica 07/08/2022

    Soulshine è un mix eclettico di ultime uscite e classici immortali fra soul, world music, jazz, funk, hip hop, afro…

    Soulshine - 08/07/2022

  • PlayStop

    Sister di domenica 07/08/2022

    SISTER - in cerca di alleatǝ - è una trasmissione musicale che tratta temi legati al femminismo attraverso la voce…

    Sister - 08/07/2022

  • PlayStop

    Mixtape di domenica 07/08/2022

    A compilation of favorite pieces of music, typically by different artists, recorded onto a cassette tape or other medium by…

    Mixtape - 08/07/2022

  • PlayStop

    Walkman di domenica 07/08/2022

    Il decennio della Milano da bere raccontato in dieci puntate, attraverso le classifiche di vendita dei singoli e le storie…

    Walkman – Gli anni 80 su una C-60 - 08/07/2022

  • PlayStop

    “Sorella rivoluzione” - Il nuovo libro di Pierfracesco Majorino

    Barbara Sorrentini ne parla con l’autore oggi parlamentare europeo e Anita Pirovano, presidente 9° Municipio.

    All you need is pop 2022 - 08/07/2022

  • PlayStop

    Onde Road di domenica 07/08/2022

    Autostrade e mulattiere. Autostoppisti e trakker. Dogane e confini in via di dissoluzione. Ponti e cimiteri. Periferie urbane e downtown…

    Onde Road - 08/07/2022

  • PlayStop

    In carrozza - episodio 5

    mystery train: il treno nella popular music americana - seconda parte voci di: presley, sedaka, anka, berry, little eva, brown,…

    In carrozza! - 08/07/2022

  • PlayStop

    Blue Lines di sabato 06/08/2022

    Conduzione musicale a cura di Chawki Senouci

    Blue Lines - 08/06/2022

  • PlayStop

    Guida nella Jungla di sabato 06/08/2022

    GnJ Guida nella Jungla è nata da un’idea di Paolo Minella e Luca Boselli nella seconda metà dei ’90. Da…

    Guida nella Jungla - 08/06/2022

  • PlayStop

    News della notte di sabato 06/08/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 08/06/2022

  • PlayStop

    Il sabato del villaggio di sabato 06/08/2022

    Il sabato del villaggio...una trasmissione totalmente improvvisata ed emozionale. Musica a 360°, viva, legata e slegata dagli accadimenti. Come recita…

    Il sabato del villaggio - 06/08/2022

  • PlayStop

    I girasoli di sabato 06/08/2022

    La trasmissione è un appuntamento con l’arte e la fotografia e con le ascoltatrici e gli ascoltatori che vogliono avere…

    I girasoli - 08/06/2022

  • PlayStop

    L'ingrediente segreto di sabato 06/08/2022

    Un programma di musica alla ricerca di quell’elemento nascosto che rende una canzone così speciale Perché “Walk on the Wild…

    L’ingrediente segreto - 08/06/2022

  • PlayStop

    La figlia del dottore di sabato 06/08/2022

    Stanchi del lavoro e spossati dalla calura estiva? Bisognosi di una caraffa di PoXase per poter riprendere le energie? Smettete…

    La figlia del dottore - 08/06/2022

  • PlayStop

    HiSporty di sabato 06/08/2022

    Storie di sport e società a cura di Andrea Cegna.

    HiSporty - 08/06/2022

  • PlayStop

    10 Pezzi di sabato 06/08/2022

    Una colonna sonora per il sabato pomeriggio, 45 minuti di musica con cui attraversare il repertorio di grandi artisti che…

    10 Pezzi - 08/06/2022

Adesso in diretta