Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR di gio 20/02 delle ore 22:31

    GR di gio 20/02 delle ore 22:31

    Giornale Radio - 21/02/2020

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di gio 20/02

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 21/02/2020

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di gio 20/02 delle 19:48

    Metroregione di gio 20/02 delle 19:48

    Rassegna Stampa - 21/02/2020

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Let's spend the night together del gio 20/02

    Let's spend the night together del gio 20/02

    Let’s spend the night together - 21/02/2020

  • PlayStop

    Rotoclassica di gio 20/02

    Rotoclassica di gio 20/02

    Rotoclassica - 21/02/2020

  • PlayStop

    Scandale! di gio 20/02

    Scandale! di gio 20/02

    Scandale! - 21/02/2020

  • PlayStop

    Ora di punta di gio 20/02 (seconda parte)

    Ora di punta di gio 20/02 (seconda parte)

    Ora di punta – I fatti del giorno - 21/02/2020

  • PlayStop

    Esteri di gio 20/02

    1- Il veleno del razzismo in Germania. La denuncia di Angela Merkel dopo il doppio attacco terroristico di Hanau. Lo…

    Esteri - 21/02/2020

  • PlayStop

    Ora di punta di gio 20/02 (prima parte)

    Ora di punta di gio 20/02 (prima parte)

    Ora di punta – I fatti del giorno - 21/02/2020

  • PlayStop

    Malos di gio 20/02 (seconda parte)

    Malos di gio 20/02 (seconda parte)

    MALOS - 21/02/2020

  • PlayStop

    Malos di gio 20/02 (prima parte)

    Malos di gio 20/02 (prima parte)

    MALOS - 21/02/2020

  • PlayStop

    Due di due di gio 20/02 (seconda parte)

    Parliamo della Notte delle Bacchette, iniziativa milanese per promuovere le attività di ristorazione cinese in città. (seconda parte)

    Due di Due - 21/02/2020

  • PlayStop

    Due di due di gio 20/02 (prima parte)

    Parliamo del Festival del Giornalismo Alimentare di Torino con Maria Jose Fava di Libera Piemonte. (prima parte)

    Due di Due - 21/02/2020

  • PlayStop

    Jack di gio 20/02 (seconda parte)

    Generic Animal, Pearl Jam, Soares, Curt Cobain, Rihanna, Calibro 35 (seconda parte)

    Jack - 21/02/2020

  • PlayStop

    Jack di gio 20/02 (prima parte)

    Jack di gio 20/02 (prima parte)

    Jack - 21/02/2020

  • PlayStop

    Considera l'armadillo gio 20/02

    Considera l'armadillo gio 20/02

    Considera l’armadillo - 21/02/2020

  • PlayStop

    Radio Session di gio 20/02

    Radio Session di gio 20/02

    Radio Session - 21/02/2020

  • PlayStop

    Tazebao di gio 20/02

    Tazebao di gio 20/02

    Tazebao - 21/02/2020

  • PlayStop

    Memos di gio 20/02

    La puntata di oggi di Memos è dedicata a due appelli-campagne, diversi tra loro ma che hanno in comune un’idea…

    Memos - 21/02/2020

  • PlayStop

    Note dell'autore di gio 20/02

    Note dell'autore di gio 20/02

    Note dell’autore - 21/02/2020

  • PlayStop

    Cult di gio 20/02 (seconda parte)

    Cult di gio 20/02 (seconda parte)

    Cult - 21/02/2020

  • PlayStop

    Cult di gio 20/02 (prima parte)

    Cult di gio 20/02 (prima parte)

    Cult - 21/02/2020

  • PlayStop

    37 e 2 di gio 20/02

    Scarseggia l'Aldomet, un farmaco per regolare la pressione in gravidanza, ne parliamo con dott. Di Martino e prof. Bonati; chiusura…

    37 e 2 - 21/02/2020

Adesso in diretta

Approfondimenti

Il naturalista Marco Colombo presenta a Radio Popolare il libro Paesaggi Bestiali

Marco Colombo

Il naturalista Marco Colombo, fotografo e divulgatore scientifico pluripremiato al Wildlife Photographer of the Year, nonché ospite fisso di GEO, è stato ospite a Considera l’Armadillo per presentare il suo nuovo libro Paesaggi Bestiali.

Ecco qualche estratto dall’intervista di Cecilia Di Lieto a Marco Colombo.

Paesaggi Bestiali, un racconto meraviglioso tra immagini e narrazione, parte da Carpasio.

Paesaggi Bestiali è un libro che si concentra sull’importanza della conservazione degli ambienti naturali in montagna e sul rapporto tra le attività umane e la conservazione della natura. Quale miglior punto di partenza di un grande castagno cavo in Liguria, a Carpasio, dove si nascondevano i partigiani durante la guerra. Il paesaggio che stava attorno a questo enorme testimone dei cambiamenti del tempo, questo grandissimo castagno, è cambiato nel corso degli ultimi decenni perché il bosco è diventato più folto e le piante si sono invecchiate. Tutti questi fenomeni sono accaduti un po’ in giro per l’Italia e hanno permesso il ritorno di animali come il picchio nero, che una volta era difficilissimo da vedere ed era localizzato solo in alcune zone delle Alpi. O ancora come la martora, che era relegata alle aree più montane e adesso è presente anche in pianura lungo le aste del Ticino e dell’Adda. E il gatto selvatico, un fantasma nei boschi veramente difficile da vedere, che è tornato a popolare delle aree in cui non era segnalato da tempo in Veneto, Trentino Alto Adige o Liguria. E poi c’è anche il lupo appenninico, ridotto a circa 100/200 individui negli anni ’70 e adesso tornato spontaneamente a colonizzare gran parte della penisola. Questi animali sono stati favoriti dall’abbandono della montagna da parte dell’uomo.

Il libro si apre con queste buone notizie, ma nel secondo capitolo ti occupi degli animali che oggi invece stanno soffrendo.

È il racconto di un’escursione sul campo, quelle che faccio per andare a scattare le foto, e fa da collante ai capitoli, ma ci sono anche dei testi scientifici che raccontano il quadro della situazione generale italiana dal punto di vista della conservazione delle specie chiave. Nel secondo capitolo c’è il declino dei fragili, tutte le specie che ancora oggi non riescono a riprendersi del tutto, come il capovaccaio, l’avvoltoio di cui oggi in Italia il numero degli individui si contano sulle dita di una mano, forse due. Il capovaccaio è presente in Spagna, in Francia, nel Medio Oriente e in Nordafrica, ma anche in Italia soffrire molto del bracconaggio e dell’avvelenamento.

Chi altro c’è di così a rischio?

Il Falco Lanario è un altro esempio. Un altro rapace che ha subito molto l’utilizzo diffuso del DDT, che indeboliva il guscio delle uova che si rompevano quasi solo covandole. Essendo loro al vertice di molti predatori, accumulavano molto DDT e avevano problemi del genere. Il Falco Lanario ha pochissime coppie riproduttive sul nostro territorio e spesso ci sono problemi dal punto di vista del disturbo, dagli arrampicatori ai fotografi che si avvicinano troppo ai nidi.

Quante ore di appostamento ci sono in questo libro?

Difficile stimarlo. Diciamo che le foto risalgono agli ultimi cinque anni del mio percorso sul campo per incontrare e fotografare gli animali.
Il filo conduttore dal punto di vista visivo è che le immagini siano ambientate: non ci sono ritratti, ma sono quasi tutte fotografie in cui l’animale è estremamente contestualizzato nel suo ambiente.

C’è una parte del libro dedicata agli insetti e agli animali più piccoli che spesso vengono considerati irrilevanti e che invece sono fondamentali da ogni punto di vista.

Sì, sono veramente fondamentali. E infatti nel capitolo in cui ho messo foto di ragni, rane, salamandre, vipere e così via ho parlato degli effetti a cascata che ci sono in natura. Noi consideriamo sempre gli animali come l’orso, il lupo ed altri animali grossi, ma gli ecosistemi sono retti da tutti quegli animali più piccoli che spesso non vediamo e non consideriamo importanti. Pensiamo ai ragni: c’è uno studio che sostiene che tutti i ragni del Mondo mangiano ogni anno tra i 400 e gli 800 milioni di tonnellate di insetti. Quanti insetti in più ci sarebbero se non ci fossero i ragni?
Noi prendiamo sempre le api come riferimento perché sono l’insetto con cui abbiamo più familiarità. Ormai è un animale domestico, allo stato selvatico quasi non esistono più. Quando vediamo degli sciami di api in giro è perché sono scappate da qualche apicoltore.

In quella parte sui piccoli animali si parla anche della vipera, anche lei spesso vittima del pregiudizio.

Le vipere sono animali protetti dal punto di vista legislativo, la loro uccisione non è consentita. E la loro uccisione non ha neanche senso: sono degli animali schivi che non rincorrono gli escursionisti né lanciano i loro piccoli contro i passanti. Si raccontano un sacco di cose non vere sulla vipera. Una delle più divertenti è quella della vipera che si morde la coda per rotolare più velocemente nell’inseguire lo sventurato escursionista.

C’è un capitolo dedicato alla democratizzazione della bellezza.

Una volta l’incontro con certi animali era appannaggio di pochi. O facevi un lavoro come il mio, in cui vai proprio a cercare gli animali selvatici, oppure era difficile vedere un cervo, un capriolo o un lupo. Adesso invece, anche grazie al ritorno spontaneo di questi animali, chiunque andando in giro anche in macchina può capitare di vedere questi animali. Oggi la bellezza è molto più accessibile e anche molto più condivisa. Questo, però, ha anche dei contro. Se da un lato la circolazione delle informazioni rende accessibile a tutti la possibilità di documentarsi, è anche vero che la circolazione di informazioni sensibili può arrecare dei danni a questi animali. Anche per questo motivo io non do mai indicazioni sul luogo in cui sto fotografando e non condivido mai le mie foto in diretta.

L’ultimo capitolo, come accade sempre nei tuoi lavori, dà uno sguardo al futuro.

Si, parlo dei guai trasversali che provochiamo. Il libro è tutto sui paesaggi montani in Italia, ma i problemi superano quei confini. Mi riferisco ad esempio all’inquinamento da plastica o al problema delle specie invasive e quello dei cambiamenti climatici. Sono tre macro aree molto spinose di cui spesso è tabù parlare.

Marco Colombo - Paesaggi Bestiali
La copertina del libro Paesaggi Bestiali di Marco Colombo

Foto dalla pagina Facebook di Marco Colombo

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni