Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR di ven 21/02 delle ore 07:00

    GR di ven 21/02 delle ore 07:00

    Giornale Radio - 21/02/2020

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di gio 20/02

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 21/02/2020

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di ven 21/02 delle 07:14

    Metroregione di ven 21/02 delle 07:14

    Rassegna Stampa - 21/02/2020

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Fino alle otto di ven 21/02 (terza parte)

    Fino alle otto di ven 21/02 (terza parte)

    Fino alle otto - 21/02/2020

  • PlayStop

    Fino alle otto di ven 21/02 (seconda parte)

    Fino alle otto di ven 21/02 (seconda parte)

    Fino alle otto - 21/02/2020

  • PlayStop

    Fino alle otto di ven 21/02 (prima parte)

    Fino alle otto di ven 21/02 (prima parte)

    Fino alle otto - 21/02/2020

  • PlayStop

    Let's spend the night together del gio 20/02

    Let's spend the night together del gio 20/02

    Let’s spend the night together - 21/02/2020

  • PlayStop

    Rotoclassica di gio 20/02

    Rotoclassica di gio 20/02

    Rotoclassica - 21/02/2020

  • PlayStop

    Scandale! di gio 20/02

    Scandale! di gio 20/02

    Scandale! - 21/02/2020

  • PlayStop

    Ora di punta di gio 20/02 (seconda parte)

    Ora di punta di gio 20/02 (seconda parte)

    Ora di punta – I fatti del giorno - 21/02/2020

  • PlayStop

    Esteri di gio 20/02

    1- Il veleno del razzismo in Germania. La denuncia di Angela Merkel dopo il doppio attacco terroristico di Hanau. Lo…

    Esteri - 21/02/2020

  • PlayStop

    Ora di punta di gio 20/02 (prima parte)

    Ora di punta di gio 20/02 (prima parte)

    Ora di punta – I fatti del giorno - 21/02/2020

  • PlayStop

    Malos di gio 20/02 (seconda parte)

    Malos di gio 20/02 (seconda parte)

    MALOS - 21/02/2020

  • PlayStop

    Malos di gio 20/02 (prima parte)

    Malos di gio 20/02 (prima parte)

    MALOS - 21/02/2020

  • PlayStop

    Due di due di gio 20/02 (seconda parte)

    Parliamo della Notte delle Bacchette, iniziativa milanese per promuovere le attività di ristorazione cinese in città. (seconda parte)

    Due di Due - 21/02/2020

  • PlayStop

    Due di due di gio 20/02 (prima parte)

    Parliamo del Festival del Giornalismo Alimentare di Torino con Maria Jose Fava di Libera Piemonte. (prima parte)

    Due di Due - 21/02/2020

  • PlayStop

    Jack di gio 20/02 (seconda parte)

    Generic Animal, Pearl Jam, Soares, Curt Cobain, Rihanna, Calibro 35 (seconda parte)

    Jack - 21/02/2020

  • PlayStop

    Jack di gio 20/02 (prima parte)

    Jack di gio 20/02 (prima parte)

    Jack - 21/02/2020

  • PlayStop

    Considera l'armadillo gio 20/02

    Considera l'armadillo gio 20/02

    Considera l’armadillo - 21/02/2020

  • PlayStop

    Radio Session di gio 20/02

    Radio Session di gio 20/02

    Radio Session - 21/02/2020

  • PlayStop

    Tazebao di gio 20/02

    Tazebao di gio 20/02

    Tazebao - 21/02/2020

  • PlayStop

    Memos di gio 20/02

    La puntata di oggi di Memos è dedicata a due appelli-campagne, diversi tra loro ma che hanno in comune un’idea…

    Memos - 21/02/2020

  • PlayStop

    Note dell'autore di gio 20/02

    Note dell'autore di gio 20/02

    Note dell’autore - 21/02/2020

Adesso in diretta

Approfondimenti

Cesare Picco presenta Alchemy a Radio Popolare. Intervista all’artista

Cesare Picco

Con qualche giorno di anteprima rispetto all’uscita del nuovo disco, Cesare Picco è stato ospite di Radio Popolare per parlare di Alchemy, il suo ultimo lavoro in uscita il 24 gennaio 2020, e per farci ascoltare il primo brano tratto dal disco, Connected.

Ecco un estratto dell’intervista di Ira Rubini a Cesare Picco a Cult.

Il 23 gennaio, in anteprima, uscirà il video di Connected. Il 30 gennaio, invece, ci sarà un concerto in live streaming in collaborazione con Yamaha Europe per presentare l’intero album, Alchemy. Giusto?

Giustissimo. E il 24 gennaio, lunedì, uscirà ufficialmente l’album in digitale.

L’idea di Alchemy è quella di aprire un nuovo orizzonte del suono.

Si cerca sempre di andare avanti. Chi si fa prendere dalla passione dei suoni fin da piccolo, quasi sicuramente non molla mai questo percorso e questa ricerca. In questo momento mi sono ritrovato tra le mani un’idea di suono che parte sempre da quel meraviglioso re della foresta musicale, il pianoforte, uno strumento di una ricchezza e di una infinita potenzialità. Cosa fare di un suono che è ormai nel nostro DNA e trasformarlo in qualcos’altro? In maniera alchemica mi è venuta voglia di mettere mano agli elementi del pianoforte, dalle corde ai metalli che lo costituiscono e dare un’idea del Mondo esattamente come facevano gli alchimisti, manipolando gli elementi della natura.
Ho iniziato questa ricerca sovrapponendo molti strumenti – pianoforti a coda o a corda, più nuovi o più vecchi – e quello che è uscito è per me un’idea: non un pianoforte così come siamo abituati a sentirlo, ma un’insieme di più strumenti a tastiera che dialogano tra loro in tempo reale.

In questo caso hai chiamato anche alcuni artisti a collaborare per realizzare una parte del lavoro, come il violoncellista Leonardo Sapere.

Sì, il primo violoncello dei Virtuosi Italiani di Verona. Leonardo non è soltanto un esecutore di musica classica, ma è anche un amante di altra musica e dei codici dell’improvvisazione. Ha un suono meraviglioso e ho trovato che in molti pezzi il dialogo con le corde di un violoncello di quel tipo potesse dare una marcia in più a questa mia ricerca.

In passato ti sei molto collegato con la natura e questo lo ritroviamo in alcuni nuovi brani, ma in questo nuovo lavoro ritroviamo anche diverse tradizioni. E infatti c’è anche la voce dell’artista iraniana Maryam Roshanaei.

Sì, è una meravigliosa artista iraniana. Maryam mi ha concesso la meraviglia di poter utilizzare la sua voce e di poter costruirci attorno questo mondo di suoni. E in un altro pezzo, Blessing, c’è un piccolissimo utilizzo del canto di una sciamana dell’Amazzonia. Natura e spiritualità sono due sostantivi in cui mi riconosco molto, sono due mondi difficili da approcciare in maniera corretta. Spesso quando sentiamo questi vocaboli alziamo subito le orecchie e parliamo subito di new age o non new age. È una bruttissima reazione, mentre sappiamo quanto non possiamo fare a meno, soprattutto in questo momento storico, di guardarci intorno e sentire il Mondo e restare connessi.

Foto dal profilo ufficiale di Cesare Picco su Facebook

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni