Approfondimenti

In ricordo di Nedo Fiano, instancabile narratore

nedo fiano

Nannerel Fiano è la protagonista dell’incontro online Una vita per la memoria dedicato a Nedo Fiano, sopravvissuto al campo di sterminio di Auschwitz, scomparso lo scorso 19 dicembre. Ricercatrice di diritto costituzionale all’Università Statale di Milano, in occasione del Giorno della Memoria 2021 ripercorre l’esperienza di testimone della Shoah del nonno, uno dei più instancabili narratori di memoria per le nuove generazioni.

Esulo per il momento dall’incontro online, per chiedere come mai e con quale orientamento pensa di organizzare il suo lavoro. Lei è ricercatrice di diritto costituzionale. Non credo sia un dettaglio, soprattutto in un giorno così importante come quello dedicato alla Memoria.

Lo studio della del diritto e della giustizia costituzionale hanno un ruolo importante nella mia vita, perché la Costituzione in casa mia ha sempre avuto un peso. Rappresenta il simbolo della Liberazione. Penso che la Costituzione Repubblicana sia uno dei prodotti democratici più spettacolari di cui possiamo beneficiare, grazie ai padri e alle madri costituenti.

Abbiamo detto più volte, anche attraverso le voci dei testimoni della Shoah e dei loro discendenti, che non soltanto per  i carnefici oppure per gli indifferenti è stato difficile capire cosa è accaduto, ma anche per i superstiti. Lei ha più volte ricordato che il problema è la trasmissione della memoria “in modo vivo e non retorico”.

Il tema è riuscire a tramandare la memoria con strumenti efficaci. Il Giorno della Memoria deve essere non retorico, ma di civiltà, per comunicare quello che è stato. Per questo è importante parlare anche di storia. Senza un contesto storico di riferimento, è difficile comprendere il passato. In Germania questo lavoro è stato fatto, in Italia fatichiamo di più. Dobbiamo affinare gli strumenti: i  documenti storici, ma anche arte e cultura hanno un ruolo fondamentale. E’ una sfida difficile, ma è la strada giusta da percorrere.

Nedo Fiano è stato uno straordinario e immaginifico narratore. Quando ha iniziato a raccontarle qualcosa?

In famiglia mio nonno, quando era piccola, non aveva mai accennato al suo passato. Sapevo che aveva delle ombre, ma non sapevo quali fossero. Lui è stato sempre estremamente cauto. Quando ho realizzato che mio nonno era un sopravvissuto ero alla medie. E’ venuto a parlare nella mia scuola, e mi si è aperto un mondo terribile. Non c’era più il filtro familiare a tutelarmi. Mio padre, da quando era piccola, si è sempre definito figlio di Auschwitz . Ma solo alle medie, con quell’incontro pubblico, ho capito. E’ stato difficile digerire quella narrazione così forte.

Lei ha parlato dell’importanza del lavoro storico, oltre a quello della testimonianza. Quando è nato questo interesse?

La consapevolezza dell’importanza del dato storico e dei documenti nasce da un riflessione sul fatto che purtroppo i testimoni stanno scomparendo. Come ha scritto lo storico David Bidussa, come si farà ad avere un appiglio saldo, quando non resterà più nessuno di loro? Certo noi abbiamo i documentari, i film, che raccontano quelle storie e quelle vite. Ma il dato storico può essere un’ancora rispetto a quello che è stato, per evitare che ci siano dei rovesciamenti.

Suo nonno, ne sono certa, le avrà regalato frasi importanti. Ce n’è una che le viene in mente, che vuole condividere con noi?

Mio nonno è sempre stato un uomo estremamente positivo. Era pieno di vita, esuberante. Forse proprio perché lui è morto, e poi rinato una seconda volta. Mi ricordo la frase “Non piangere”, le esortazioni ad andare avanti sempre, senza lasciarsi andare troppo a emozioni e frasi tristi. Da lui venivano sempre frasi di esortazione, positive. Era molto felice quando iniziai l’università, mi diceva che era l’anticamera del lavoro, che mi avrebbe realizzato come donna.  Per lui il lavoro è stato uno strumento di rinascita e di affermazione di sé.

  • Autore articolo
    Ira Rubini
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di gio 16/09/21 delle 19:49

    Metroregione di gio 16/09/21 delle 19:49

    Rassegna Stampa - 17/09/2021

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Serve And Volley di ven 17/09/21

    Serve And Volley di ven 17/09/21

    Serve&Volley - 17/09/2021

  • PlayStop

    Labirinti Musicali di gio 16/09/21

    Labirinti Musicali di gio 16/09/21

    Labirinti Musicali - 17/09/2021

  • PlayStop

    News Della Notte di gio 16/09/21

    News Della Notte di gio 16/09/21

    News della notte - 17/09/2021

  • PlayStop

    Musiche dal mondo di gio 16/09/21

    Musiche dal mondo di gio 16/09/21

    Musiche dal mondo - 17/09/2021

  • PlayStop

    Chassis di gio 16/09/21

    Chassis di gio 16/09/21

    Chassis - 17/09/2021

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di gio 16/09/21

    Quel che resta del giorno di gio 16/09/21

    Quel che resta del giorno - 17/09/2021

  • PlayStop

    Esteri di gio 16/09/21

    1- Patto indo pacifico anti Cina. ..Stati Uniti e Gran Bretagna forniranno all’Australia sottomarini a propulsione nucleare...“ Accordo irresponsabile” secondo…

    Esteri - 17/09/2021

  • PlayStop

    The Game di gio 16/09/21

    //Prima il crollo, poi la risalita. Come va l’economia italiana? E’ iniziata la ripresa o è solo un rimbalzo? Risponde…

    The Game - 17/09/2021

  • PlayStop

    Muoviti muoviti di gio 16/09/21

    Muoviti muoviti di gio 16/09/21

    Muoviti muoviti - 17/09/2021

  • PlayStop

    Cos'è l'autismo? Perché gli zampironi si chiamano così?

    Marina Viola e Gaia Grassi ci aiutano a rispondere ai boh di oggi.

    Di tutto un boh - 17/09/2021

  • PlayStop

    Considera l'armadillo gio 16/09/21

    Si parla con Jessica Maffei di Kosmos, il Museo di Storia naturale dell'Università di Pavia, di Shanti l'Elefantessa, del libro…

    Considera l’armadillo - 17/09/2021

  • PlayStop

    Jack di gio 16/09/21

    Piergiorgio Pardo inviato al Medimex, Nur Al Habash ci racconta il progetto Italia Music Lab

    Jack - 17/09/2021

  • PlayStop

    Diamanti post mortem

    Quando apprendiamo da un professionista del settore come diventare diamanti una volta trapassati e facciamo pat pat sulla spalla di…

    Poveri ma belli - 17/09/2021

  • PlayStop

    Seconda pagina di gio 16/09/21 delle 12:48

    Seconda pagina di gio 16/09/21 delle 12:48

    Seconda pagina - 17/09/2021

  • PlayStop

    Cult di gio 16/09/21

    ira rubini, cult, festival re sister parma 21, florencia andreola, tiziana ricci, cicip e ciciap, ricordinfesta, piccolo teatro stagione 21…

    Cult - 17/09/2021

  • PlayStop

    Greenpass al lavoro e tamponi a pagamento: il governo ha ragione?

    Tutto scorre di gio 16/09/21

    Tutto scorre - 17/09/2021

  • PlayStop

    Elezioni Comunali Milano 2021, viaggio nei quartieri: Città Studi

    gli approfondimenti di Prisma nei quartieri di Milano alla vigilia delle Elezioni Comunali del 2021

    Clip - 17/09/2021

  • PlayStop

    Prisma di gio 16/09/21

    Green pass obbligatorio e rientro in ufficio dallo smart working, che ne pensate? Qual è la vostra esperienza? Microfono aperto…

    Prisma - 17/09/2021

  • PlayStop

    Il demone del tardi - copertina di gio 16/09/21

    Il demone del tardi - copertina di gio 16/09/21

    Il demone del tardi - 17/09/2021

  • PlayStop

    Seconda pagina di gio 16/09/21 delle 07:50

    Seconda pagina di gio 16/09/21 delle 07:50

    Seconda pagina - 17/09/2021

Adesso in diretta