Approfondimenti

In difesa dei gol fantasma

Dopo il libero e la presa sul retropassaggio al portiere, anche il gol fantasma è destinato all’archeologia del pallone.

La Uefa, massimo organismo del calcio continentale, ha detto sì all’uso della goal-line technology, che sarà utilizzata nell’Europeo al via a giugno in Francia e nella prossima Champions League. In Italia il cosidetto occhio di falco è già usato, come dimostrano i recenti casi di Udinese-Roma e Lazio-Juventus.

Mai più gol-non gol dunque. Quelli di una volta, ancor più, finiscono per fare storia.

Quella recente, come nel caso della rete non convalidata al milanista Muntari contro la Juventus che avrebbe potuto cambiare la storia della corsa  scudetto nella stagione 2011/2012. Oppure quella ancora più clamorosa non assegnata all’inglese Frank Lampard contro la Germania ai Mondiali sudafricani.

[youtube id=”EeOxaM6IAXg”]

Ma il gol fantasma più celebre di sempre è stato realizzato, in questo caso sì, da Geoff Hurst. Era il 1966 e quella volta disse bene all’Inghilterra e male ai tedeschi: grazie al gol del 3 a 2 convalidato al centravanti, i padroni di casa vinsero il loro primo e solo titolo planetario.

Quella rete ha fatto discutere per decenni, anche perché a prendere la decisione fu tal Bakhramov, guardalinee azero che non sapeva una parola di inglese e comunicò la validità a gesti. Nelle scorse settimane a SkyUk l’ex Liverpool Jamie Carragher ha provato, grazie alla tecnologia satellitare, che quella palla di 50 anni fa era effettivamente entrata.

[youtube id=”0Uhe_l1h3w8″]

Tornando in Italia entrò senza dubbio, il 12 gennaio 1975 durante Ascoli-Bologna, il gol del 4 a 1 di Beppe Savoldi, lanciato da Bulgarelli. Entrò, ma poi uscì , e visto che la goal line technology allora era fantascienza, l’arbitro Barbaresco di Cormans fece proseguire.

Miracolo al Del Duca? No, il raccattapalle Domenico Citeroni buttò fuori il pallone dalla rete e nessuno se ne accorse, o meglio non chi avrebbe dovuto.

Allora aveva 15 anni, si prese una ramanzina e diventò famoso per qualche giorno. Oggi Citeroni ne ha 56, continua a vivere ad Ascoli e a seguire la squadra della sua città. E continua a opporsi alla goal line technology.

Ascolta qui l’intervista con Domenico Citeroni

Domenico Citeroni

  • Autore articolo
    Dario Falcini
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di venerdì 30/09/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 30/09/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 30/09/2022 delle 7:15

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 30/09/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    37e2 di venerdì 30/09/2022

    Se non è febbre, quasi. 37 e 2 è la trasmissione dedicata ai temi dell’invalidità e della non autosufficienza. Dalle…

    37 e 2 - 30/09/2022

  • PlayStop

    Alessandro Baricco, La via della narrazione

    ALESSANDRO BARICCO – LA VIA DELLA NARRAZIONE – presentato da IRA RUBINI

    Note dell’autore - 30/09/2022

  • PlayStop

    Il giorno delle locuste di venerdì 30/09/2022

    Le locuste arrivano come orde, mangiano tutto quello che trovano sul loro cammino e lasciano solo desertificazione e povertà. Gianmarco…

    Il giorno delle locuste - 30/09/2022

  • PlayStop

    Il giorno delle locuste di venerdì 30/09/2022

    Le locuste arrivano come orde, mangiano tutto quello che trovano sul loro cammino e lasciano solo desertificazione e povertà. Gianmarco…

    Il giorno delle locuste - 30/09/2022

  • PlayStop

    Il demone del tardi di venerdì 30/09/2022

    a cura di Gianmarco Bachi

    Il demone del tardi - 30/09/2022

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di venerdì 30/09/2022

    Notizie, opinioni, punti di vista tratti da un'ampia gamma di fonti - stampa cartacea, social media, Rete, radio e televisioni…

    Esteri – La rassegna stampa internazionale - 30/09/2022

  • PlayStop

    Caffè nero bollente di venerdì 30/09/2022

    Ogni mattina dalle 6 alle 7 insieme a Florencia Di Stefano-Abichain sfogliamo i giornali, ascoltiamo bella musica e ci beviamo…

    Caffè Nero Bollente - 30/09/2022

  • PlayStop

    Serve & Volley di giovedì 29/09/2022

    Musica e parole per chiudere in bellezza il palinsesto dei giovedì! Con Marco Sambinello e Niccolò Guffanti.

    Serve&Volley - 30/09/2022

  • PlayStop

    News della notte di giovedì 29/09/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 30/09/2022

  • PlayStop

    Live Pop di giovedì 29/09/2022

    Dal 15 settembre, ogni giovedì alle 21, l’auditorium Demetrio Stratos di Radio Popolare torna ad ospitare concerti, presentazioni di libri,…

    Live Pop - 30/09/2022

  • PlayStop

    Camere Oscure di giovedì 29/09/2022

    Camere Oscure è la trasmissione che Radio Popolare dedica alla campagna elettorale. Da lunedì 12 a venerdi' 24 settembre, tutti…

    Camere Oscure - 30/09/2022

  • PlayStop

    Esteri di giovedì 29/09/2022

    1-Domani Putin certificherà l’annessione del Donbass. L’ Onu ribadisce che non ha valore legale e merita di essere condannata. 2-Francia.…

    Esteri - 30/09/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di giovedì 29/09/2022

    (13 - 204) Dove si commenta con Luca Paladini, dei Sentinelli, la sentenza del Tribunale di Trieste che ha condannato…

    Muoviti muoviti - 30/09/2022

  • PlayStop

    Di tutto un boh di giovedì 29/09/2022

    l’Italia è una repubblica fondata sul sentito dire. Tra cliché e cose spiegate male, è un attimo perdersi un pezzo…

    Di tutto un boh - 30/09/2022

  • PlayStop

    Madeleines di giovedì 29/09/2022

    Un ricordo può arrivare inaspettato, portandosi dietro la nostalgia di un mondo. Basta un accordo, una canzone, un suono. In…

    Madeleines - 30/09/2022

Adesso in diretta