Approfondimenti

In coda al “vaccinodromo” francese, aperto sette giorni su sette

vaccinodromo

Davanti ai cancelli dello Stade de France di Saint Denis, a nord di Parigi, il flusso di persone è scaglionato ma costante: uno dei più importanti vaccinodromi francesi ha aperto le porte martedì scorso sotto le tribune del centro sportivo con l’obiettivo di fare almeno 10 mila iniezioni a settimana. Qui si vaccina sette giorni su sette, dalle 9 alle 20, a un ritmo di 2000 dosi al giorno. All’ingresso dei ragazzi con la pettorina verde e la scritta “Centro di vaccinazione dell’Ile de France” chiedono i documenti: si entra solo su appuntamento e se si ha più di 60 anni. Chi ne ha meno deve far vedere la ricetta del medico e se non ce l’ha viene invitato a cambiare cancello per parlare con un dottore, prima di mettersi in fila.

L’organizzazione, un po’ caotica all’apertura, è stata rapidamente migliorata. Le code vengono spezzettate tra fuori e dentro per evitare assembramenti e le persone a mobilità ridotta vengono direttamente accompagnate in uno spazio riservato. Gli altri devono pazientare. Ci vuole anche un’ora per poter scendere nel largo corridoio sotto le tribune dove la croce rossa e i pompieri hanno installato il centro vero e proprio. La procedura è molto ordinata: si parla con una segretaria e poi si va a destra o a sinistra, a seconda se si fa Moderna o Pfizer. AstraZeneca qui non è contemplato perché si è preferito concentrarsi sui due vaccini che sono un po’ più complicati da conservare. Si fa un’altra coda, questa volta molto rapida, si entra in un gazebo di plastica e si esce dall’altro lato dove si aspetta, seduti tranquilli, di sentirsi chiamare da un’infermiera che consegna un prezioso foglio di carta: la prova ufficiale della vaccinazione.

Bernadette ha 60 anni e non ha dubbi: se vogliamo riprendere una vita normale dobbiamo vaccinarci. Lei lo avrebbe fatto anche subito ma dopo tre settimane di attesa il suo medico non aveva ancora ricevuto neanche una dose. Quindi, anche se vive dall’altro lato della capitale, ha preferito prenotare allo Stade de France trovando facilmente un appuntamento. In fila sono in tanti come lei. Persone che vogliono vaccinarsi e cercano attivamente il modo di farlo. Anche Katia, 47 anni, un antecedente di cancro al seno, ha fatto tutto da sola. Anche lei non riusciva a trovare posto vicino a casa ma una volta preso l’appuntamento qui è filato tutto liscio. Più che per convinzione, Katia si vaccina per paura di prendere qualcosa dai suoi alunni (è insegnante) e per uscire finalmente da questa crisi, che dura davvero da troppo tempo.

L’impressione diffusa la riassume Louis, uno degli infermieri che si occupa dei pazienti a mobilità ridotta: “le persone non si fanno domande. Non sono preoccupate, sono contente, molto contente. Pare sia un vero sollievo per loro, veramente. Non hanno nemmeno paura dell’ago. Il ritmo di lavoro è costante, vacciniamo un centinaio di persone a testa, ma gli spazi sono puliti, ho anche il tempo di parlare con lei e questo virus è una tale porcheria che è bello potersi rendere utili. In realtà avremmo dovuto partecipare da tempo. Rimpiango il ritardo con cui è partita la campagna, penso che avremmo potuto fare molto molto molto meglio”.

Per ora la Francia ha concentrato la campagna soprattutto sugli anziani, con più del 65% delle persone oltre i 75 anni che ha fatto la prima dose e il 32% la seconda. E in effetti va detto che di vecchietti allo Stade de France praticamente non ce ne sono. Forse anche perché quelli che mancano fanno parte di quella parte di popolazione rimasta un po’ fuori dai radar. Il problema è serio, al punto che il servizio sanitario nazionale ha cominciato a contattare personalmente chi non è stato ancora vaccinato. E non riguarda solo gli anziani. Proprio nella provincia in cui sorge lo stadio, la Seine Saint-Denis, che è la zona più colpite dalla terza ondata di covid, il numero di vaccinati è molto al di sotto della media nazionale.

Marc, 69 anni, lo dice quasi con stupore: la gente di qui non lo sapeva e ne approfittavano i parigini che venivano apposta a farsi vaccinare. Per cercare di invertire la tendenza sono stati creati autobus vaccinali che girano sul territorio e la metà degli appuntamenti allo Stade de France sono riservati alla popolazione locale. A partire dalle 6 e mezza di sera chi abita nella provincia può persino presentarsi senza appuntamento, sperando avanzino delle dosi. Come se non bastasse, il call center che è stato installato dietro le gradinate dello stadio non si occupa solo di ricevere le chiamate di chi vuole fissare un appuntamento o cerca informazioni. La cinquantina di ragazzi assunti part-time è anche incaricata di chiamare attivamente le persone della Seine-Saint-Denis che avrebbero diritto al vaccino. In molti casi non sanno di poterlo fare né come e sono molto felici della telefonata.

Dentro il vaccinodromo insomma, tutto fila liscio. Qualche problema in più c’è fuori dai cancelli, dove arrivano spesso persone senza appuntamento, curiosio abitanti venuti a chiedere qualche informazione. Il timore iniziale del governo, che creare dei mega centri potesse rivelarsi un fallimento come durante l’epidemia di influenza aviaria del 2009, si è ormai dissipato. La campagna vaccinale in Francia sembra essere infine sul binario gusto.

Foto | Stade de France

  • Autore articolo
    Luisa Nannipieri
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

Ultimo Metroregione

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    News della notte di giovedì 18/08/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 19/08/2022

  • PlayStop

    Conduzione musicale di giovedì 18/08/2022 delle 21:00

    Un viaggio musicale sempre diverso insieme ai nostri tanti bravissimi deejay: nei giorni festivi, qua e là, ogni volta che…

    Conduzione musicale - 19/08/2022

  • PlayStop

    Popsera di giovedì 18/08/2022

    Popsera è lo spazio che dedicheremo all’informazione nella prima serata per tutta l’estate. Si comincia alle 18.35 con le notizie…

    Popsera - 19/08/2022

  • PlayStop

    La Portiera di giovedì 18/08/2022

    Dopo aver rivoltato la redazione della radio come un calzino durante le vacanze invernali, Cinzia Poli ritorna in portineria per…

    La Portiera - 19/08/2022

  • PlayStop

    Democrazia, maneggiare con cura. Una difesa preventiva di valori e principi fondamentali

    Ospiti di Lele Liguori: Ota De Leonardis, sociologa, ha insegnato all’Università Bicocca, fa parte del comitato scientifico del Centro per…

    All you need is pop 2022 - 19/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: Ben Harper

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Matteo Villaci intervista Ben Harper

    Jack meets - 19/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: Ben Harper

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Matteo Villaci intervista Ben Harper

    Jack - 19/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: Ben Harper

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Matteo Villaci intervista Ben Harper

    Jack meets - 18/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: The Zen Circus

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Matteo Villaci ospita gli The Zen Circus

    Jack meets - 18/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: Africa Unite

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Matteo Villaci intervista gli Africa Unite

    Jack meets - 18/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: Emeli Sandé

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Emeli Sandé ospite di Matteo Villaci

    Jack meets - 18/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: Bloc Party

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. I Bloc Party ospiti di Matteo Villaci

    Jack meets - 18/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: Fantastic Negrito

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Fantastic Negrito ospite di Matteo Villaci

    Jack meets - 18/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: Xavier Rudd

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Xavier Rudd intervistato da Matteo Villaci

    Jack meets - 18/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: Selah Sue

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Matteo Villaci intervista Selah Sue

    Jack meets - 18/08/2022

  • PlayStop

    Conduzione musicale di giovedì 18/08/2022 delle 15:34

    Un viaggio musicale sempre diverso insieme ai nostri tanti bravissimi deejay: nei giorni festivi, qua e là, ogni volta che…

    Conduzione musicale - 19/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: Cypress Hill

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. I Cypress Hill ospiti di Matteo Villaci

    Jack meets - 18/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: Franz Ferdinand

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Franz Ferdinand

    Jack meets - 18/08/2022

  • PlayStop

    Jack Meets: Giovanni Truppi

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Giovanni Truppi

    Jack meets - 18/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: Alt-J

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Alt-J

    Jack meets - 18/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: Litfiba

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Litfiba

    Jack meets - 18/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: Samuele Bersani

    Le interviste del magazine musicale di Radio popolare. Samuele Bersani

    Jack meets - 18/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: Cimafunk

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Cimafunk

    Jack meets - 18/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: Carmen Consoli

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Carmen Consoli

    Jack meets - 18/08/2022

  • PlayStop

    Puntata 4 - Factory/In cerca di lavoro

    B. Springsteen, Working on the Highway, Factory, Highway Patrolman (Johnny Cash) W.A. Mozart, Concerto per flauto in Sol maggiore, op.…

    American Life - 19/08/2022

  • PlayStop

    Poveri ma belli di giovedì 18/08/2022

    Un percorso attraverso la stratificazione sociale italiana, un viaggio nell’ascensore sociale del Belpaese, spesso rotto da anni e in attesa…

    Poveri ma belli - 19/08/2022

Adesso in diretta