Approfondimenti

Immigrazione: un’altra strage di bambini

Anche oggi si contano i morti nelle acque che lambiscono l’Europa. Sei bambini sono morti nell’ennesimo naufragio nel Mar Egeo sulla rotta tra Turchia e Grecia, al largo di Smirne.

Un gommone con a bordo profughi afghani è naufragato alle 2,30 di notte, e non si sa quante persone fossero a bordo: 8 sono state salvate, ma continuano le ricerche di altri possibili dispersi.

Intanto sempre sulla costa di Smirne è stato trovato il corpo di una bambina siriana, che sarebbe annegata in un naufragio di alcuni giorni fa.

Un altro naufragio è avvenuto al largo delle Canarie: un’imbarcazione partita dal Sahara Occidentale si è ribaltata per le pessime condizioni del mare, i morti sarebbero almeno 11.

Secondo l’Alto Commissariato dell’Onu per i Rifugiati, nel 2015 il 30% delle vittime nel Mar Egeo sono stati proprio bambini. “Sono viaggi che coinvolgono interi nuclei familiari, per questo il numero di vittime tra i bambini è così alto”  spiega Raffaella Milano, direttrice del programma Italia-Europa di Save the Children.

“Quando le persone partono per cercare una condizione economica migliore, prima parte il capofamiglia per portare poi il resto dei parenti. Ma queste sono persone che fuggono da luoghi di guerra, ed è tutta la famiglia insieme a scappare”.

Tre mesi fa l’Europa si commuoveva e si indignava per la fotografia del piccolo Aylan, sulla spiaggia di Bodrum, in Turchia. Da allora però nulla è cambiato. “L’Europa aveva prospettato dei percorsi sicuri per chi scappa dai campi profughi per arrivare in luoghi sicuri, ma non è mai stato fatto nulla di concreto – denuncia ancora Raffaella Milano di Save The Children – L’unica alternativa sono ancora questi viaggi, affidandosi ai trafficanti, ad altissimo rischio per la propria vita. Per quanto l’Europa è disposta a tollerare ancora tutto questo?”

La strada scelta però, sembra ancora diversa: il governo socialista francese insieme a quello conservatore tedesco chiedono un giro di vite dell’Unione Europea sull’arrivo dei migranti.

I due governi hanno scritto una lettera chiedendo alla Commissione Europea di darsi da fare per ridurre i flussi di immigrati, attraverso il rafforzamento di Frontex, la polizia europea che sorveglia le frontiere per contrastare l’immigrazione.

Dettaglio significativo: la lettera è datata 3 dicembre, ma è stata resa nota solo ora, nel mezzo della campagna elettorale per i ballottaggi delle elezioni regionali in Francia, dopo la vittoria al primo turno dell’estrema destra del Front National.

Ascolta l’intervista a Raffaella Milano di Save the Children

MILANO 19,30 migranti

  • Autore articolo
    Massimo Alberti
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di venerdì 02/12/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 12/02/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 02/12/2022 delle 19:51

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 12/02/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di venerdì 02/12/2022

    I fatti più importanti della giornata sottoposti al dibattito degli ascoltatori e delle ascoltatrici.

    Quel che resta del giorno - 12/02/2022

  • PlayStop

    Esteri di venerdì 02/12/2022

    1-Ucraina. La Russia chiede ai membri della nato di riconoscere i territori annessi prima dei colloqui pace. Ma la partita…

    Esteri - 12/02/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di venerdì 02/12/2022

    Quando le prime luci della sera… no, non è l’incipit di un romanzo. E’ l’orario in cui va in onda…

    Muoviti muoviti - 12/02/2022

  • PlayStop

    Di tutto un boh di venerdì 02/12/2022

    l’Italia è una repubblica fondata sul sentito dire. Tra cliché e cose spiegate male, è un attimo perdersi un pezzo…

    Di tutto un boh - 12/02/2022

  • PlayStop

    Jack Box di venerdì 02/12/2022

    Jack Box è lo scatolone musicale di Jack del venerdi, dal quale estraiamo i suoni che hanno caratterizzato la settimana,…

    Jack Box - 12/02/2022

  • PlayStop

    Jack di venerdì 02/12/2022

    Il magazine musicale di Radio Popolare si prende cura del vostro primo pomeriggio e della vostra passione per la musica,…

    Jack - 12/02/2022

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di venerdì 02/12/2022

    Ospite Barbara Capponi in arte Babas a parlare del suo libro Come addomesticare un umano, illustrato da Andrea Ferolla, prefazione…

    Considera l’armadillo - 12/02/2022

  • PlayStop

    Poveri ma belli di venerdì 02/12/2022

    Un percorso attraverso la stratificazione sociale italiana, un viaggio nell’ascensore sociale del Belpaese, spesso rotto da anni e in attesa…

    Poveri ma belli - 12/02/2022

  • PlayStop

    Cult di venerdì 02/12/2022

    Oggi a Cult, il quotidiano culturale di Radio Popolare in onda alle 11.30: Marco Baliani parla con Pasolini in „Corpo…

    Cult - 12/02/2022

  • PlayStop

    37e2 di venerdì 02/12/2022

    Oggi cominciamo con un’intervista speciale su come vengono organizzate le liste d’attesa a Multimedica, un’azienda privata convenzionata con il SS…

    37 e 2 - 12/02/2022

  • PlayStop

    Prisma di venerdì 02/12/2022

    LA STRAGE DEI CICLISTI Marco Scarponi, fratello del ciclista Michele Scarponi e presidente della fondazione a lui intitolata Claudio Magliulo…

    Prisma - 02/12/2022

  • PlayStop

    Note dell’autore di venerdì 02/12/2022

    Un appuntamento quasi quotidiano, sintetico e significativo con un autore, al microfono delle voci di Radio Popolare. Note dell’autore è…

    Note dell’autore - 12/02/2022

  • PlayStop

    Il giorno delle locuste di venerdì 02/12/2022

    Le locuste arrivano come orde, mangiano tutto quello che trovano sul loro cammino e lasciano solo desertificazione e povertà. Gianmarco…

    Il giorno delle locuste - 12/02/2022

  • PlayStop

    Il demone del tardi di venerdì 02/12/2022

    a cura di Gianmarco Bachi

    Il demone del tardi - 12/02/2022

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di venerdì 02/12/2022

    Notizie, opinioni, punti di vista tratti da un'ampia gamma di fonti - stampa cartacea, social media, Rete, radio e televisioni…

    Esteri – La rassegna stampa internazionale - 12/02/2022

Adesso in diretta