Approfondimenti

Il trionfo di Phoebe Waller Bridge

Esistono solo le mezze stagioni, si potrebbe dire ormai per la tv americana, ribaltando il luogo comune: a differenza di un tempo, le serie importanti ormai vanno in onda in qualsiasi periodo dell’anno (e non solo da settembre a maggio), hanno un numero ridotto di episodi, e se finiscono sulle piattaforme streaming si consumano in pochi giorni col binge watching. Certe tradizioni però restano, per esempio quella di inaugurare la nuova annata catodica con la cerimonia degli Emmy Award, gli Oscar della tv – e così facciamo anche noi, con questa rubrica dedicata alle serie.

 

La premiazione degli Emmy 2019, che si è svolta a Los Angeles la sera del 22 settembre, è stata piena di sorprese, anche al di là di quel che può sembrare dando solo un occhio veloce alla lista dei vincitori. Per esempio: Il trono di spade, alla sua stagione conclusiva, ha agguantato la statuetta più ambita, certo, quella per Miglior serie drammatica, e Peter Dinklage, l’interprete di Tyrion Lannister, è stato premiato come attore; ma bisogna considerare che la serie fantasty HBO, inarrestabile fenomeno pop, partiva con un numero record di nomination ed era data come stra-favorita, e – forse a causa delle tante polemiche relative all’ultima stagione – è stata invece sistematicamente snobbata, sia nelle categorie più tecniche – come la regia – sia in quelle per gli attori protagonisti, andate a Jodie Comer per Killing Eve e a Billy Porter per Pose. Quest’ultimo, in particolare, è un trionfo storico: Porter, celebre per il suo attivismo LGBTQ e per le sue straordinarie mise oltre ogni etichetta di gender, è il primo attore afroamericano dichiaratamente gay a vincere un Emmy.

 

Molte le dichiarazioni politiche dal palco: RuPaul, vincitore per il talent RuPaul’s Drag Race, ha incitato tutti a iscriversi ai registri elettorali e a precipitarsi alle urne l’anno prossimo; Michelle Williams, meritatamente premiata per il ruolo di Gwen Verdon nella miniserie Fosse/Verdon, ha puntato l’attenzione sul divario degli stipendi tra uomini e donne, a Hollywood come in qualsiasi ambito lavorativo; il giovane Jharrel Jerome, protagonista della straziante When They See Us di Ava DuVernay sul terribile caso di malagiustizia dei Central Park Five, ha dedicato la vittoria ai cinque afroamericani condannati nel 1989 per un delitto mai commesso, e oggi finalmente esonerati da ogni accusa.

 

Ma la dominatrice assoluta della serata è stata Phoebe Waller Bridge, l’attrice e sceneggiatrice britannica che si è portata a casa tre Emmy per la sua straordinaria serie Fleabag: miglior serie comedy, migior attrice e miglior sceneggiatrice (Fleabag ha vinto anche il premio alla regia nella categoria commedia). Considerando anche l’Emmy consegnato all’attrice protagonista di Killing Eve, serie sviluppata proprio da Waller Bridge, si è trattato di un gigantesco trionfo per Waller Bridge, per di più inatteso, perché Fleabag correva contro due produzioni fortissime come Veep e La fantastica signora Maisel. L’autrice inglese, quest’anno, è reduce anche da un tour nei teatri della piece da cui è tratta proprio Fleabag, andato tutto esaurito: un successo tale che anche le riprese di questo spettacolo verranno trasmesse in tv. Inoltre, è stata assoldata direttamente da James Bond, cioè dall’attore Daniel Craig, per scrivere il prossimo film di 007. Se quasi sempre i premi ufficiali finiscono per confermare i pronostici più prevedibili, è bello che ogni tanto sappiano ancora sparigliare le aspettative e premiare le opere migliori. Ed è sicuramente un ottimo auspicio per questa nuova stagione di serie tv.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mar 03/08/21

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 08/03/2021

Ultimo Metroregione

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Music Revolution di mar 03/08/21

    Music Revolution di mar 03/08/21

    Music Revolution - 08/04/2021

  • PlayStop

    Bollicine di mar 03/08/21

    Bollicine di mar 03/08/21

    Bollicine - 08/04/2021

  • PlayStop

    News Della Notte di mar 03/08/21

    News Della Notte di mar 03/08/21

    News della notte - 08/03/2021

  • PlayStop

    A casa con voi di mar 03/08/21

    A casa con voi di mar 03/08/21

    A casa con voi - 08/03/2021

  • PlayStop

    Ora di punta di mar 03/08/21

    Ora di punta di mar 03/08/21

    Ora di punta – I fatti del giorno - 08/03/2021

  • PlayStop

    La Febbra di mar 03/08/21

    La Febbra di mar 03/08/21

    La febbra - 08/03/2021

  • PlayStop

    Febbre a '91 pt. 2 - BEST DELLA CRITICA

    ..BLUR ‘There’s No Other Way’..3 PM Dawn - Set Adrift On Memory Bliss..TEENAGE FANCLUB ‘What You Do To Me’..PRIMAL SCREAM…

    Febbre a ’91 - 08/03/2021

  • PlayStop

    Antonio La Torre difende Jacobs dalle insinuazioni della stampa anglosassone

    Antonio La Torre risponde ai dubbi sollevati da Washington Post e NY Times sui miglioramenti cronometrici di Marcell Jacobs.

    Gli speciali - 08/03/2021

  • PlayStop

    Conduzione Musicale di mar 03/08/21

    Conduzione Musicale di mar 03/08/21

    Conduzione musicale - 08/03/2021

  • PlayStop

    Rock is Dead di mar 03/08/21

    2. Eddie Cochran – l’ultima corsa dell’altro Elvis e l’omicidio del geniale King Curtis

    Rock is dead - 08/03/2021

  • PlayStop

    Da Pollon agli investimenti

    Jennifer Radulovic, Giuseppe Girgenti, Alessandro Fatichi

    Di tutto un boh - 08/03/2021

  • PlayStop

    Momentaneamente aperti di mar 03/08/21

    Momentaneamente aperti di mar 03/08/21

    Momentaneamente aperti - 08/03/2021

  • PlayStop

    Prisma di mar 03/08/21

    Prisma di mar 03/08/21

    Prisma - 08/03/2021

  • PlayStop

    Radiosveglia del mar 03/08/21

    Radiosveglia del mar 03/08/21

    Radiosveglia - 08/03/2021

  • PlayStop

    From Genesis to Revelation di mar 03/08/21

    From Genesis to Revelation di mar 03/08/21

    From Genesis To Revelation - 08/03/2021

  • PlayStop

    Louis Armstron (2): con Fletcher Henderson; con Bessie Smith; gli Hot Five (1924-26)

    Jazz Anthology di lun 02/08/21

    Jazz Anthology - 08/03/2021

Adesso in diretta