Approfondimenti

Il popolo del voucher, la nuova frontiera del precariato

“Due ore con il voucher, il resto me lo davano in una busta, in contanti, a nero, erano 45 euro “ . Marco, 47 anni, fa il carpentiere in un cantiere nel vicentino. E’ una delle storie che abbiamo raccolto nel nostro viaggio in questa nuova frontiera del precariato. “Da quando è arrivata la crisi – dice Marco – molti nel mio giro usano questo sistema”. E’ un vero e proprio boom quello dei voucher, buoni lavoro per prestazioni occasionali.

Sono i numeri forniti dall’Inps che inquadrano la vastità del fenomeno: 71 milioni di voucher nei primi 8 mesi del 2015 , un clamoroso balzo in avanti del 74 % , rispetto l’anno scorso. Un voucher ha un valore di 10, 20 o 50 euro. Per ogni 10 euro una parte va al lavoratore ( 7,5 euro), mentre il resto è diviso tra contributi previdenziali Inps Gestione separata e quelli assicurativi Inail.

Secondo uno studio della CNA ( Confederazione Nazionale Artigianato ) in sei anni , dal 2008 al 2014 , il numero dei voucher è aumentato di ben 129 volte. Nel solo turismo si è passati da 193 mila voucher del 2009 a 11 milioni nel 2015 . Un balzo impressionante che pone una domanda: quante migliaia di lavoratori , attraverso ai voucher, sono scomparsi da una occupazione regolare, con l’impossibilità di farsi riconoscere la stagionalità, ed entrare nel regime delle tutele? E quante imprese oneste che usano con correttezza i voucher sono state danneggiate?

Marta, 31 anni, lavora occasionalmente in un albergo di Rimini, vicino al più noto Grand Hotel. “Nell’ultima stagione estiva – racconta – con me e un altra mia collega hanno usato in parte i voucher, ma metà della giornata me la pagavano in nero“.

I voucher erano stati introdotti nel 2008 con un giusto obiettivo: regolarizzare piccole mansioni da sempre pagate in nero come le ripetizioni dell’ insegnante, i lavori nei campi, negli alberghi, prestazioni da baby -sitter, il lavoro domestico. Inizialmente ha funzionato, poi i voucher sono stati di fatto liberalizzati.

Dal 2012, con la legge Fornero ( poi ampliata con il Jobs Act ), i voucher sono stati estesi a quasi tutti i settori produttivi, diventando in molti casi – denunciano i sindacati – uno strumento per non pagare i contributi, mascherare lavoro nero.

Il trucco appare semplice: si retribuisce un’ora di lavoro con il voucher e poi si continua la giornata con il nero. Una manna per gli imprenditori disonesti , un danno per le aziende che rispettano le regole e che subiscono questo dumping, in un contesto in cui gli anni della recessione hanno incentivato l’uso dei voucher per nascondere lavoro irregolare. Un allarme lanciato anche dal Presidente dell’Inps Tito Boeri che ha promesso maggiori controlli: dal giugno 2015 sono in vigore le nuove norme che impongono al datore di lavoro la comunicazione finalizzata alla tracciabilità del voucher. Un passo in avanti , ma data la dimensione del fenomeno questo rischia di non bastare. L’Inps ha anche annunciato che aumenteranno i i controlli preventivi (a partire dall’ agricoltura) affinché i voucher non superino il tetto dei settemila euro complessivi e dei duemila euro da ogni singola azienda.

Una inchiesta sulla Riviera romagnola della Filcams (sindacato del commercio della Cgil) ha evidenziato il maggior ricorso all’utilizzo di voucher come “ fosse ormai implicito per le imprese che, di fronte a una difficile situazione economica generale, si debba rispondere con forme di lavoro sempre più flessibili, ai margini della legalità e ritagliate sulle loro necessità costringendo i lavoratori ad accettare sempre più onerosi compromessi “.

Un controllo eseguito a campione dall’Inps nel 2014 in alcune decine di hotel sulle spiagge di Jesolo ha portato a diverse multe perché sarebbero stati usati i voucher per pagare nella bassa stagione gli stessi dipendenti che nei mesi estivi avevano invece un regolare contratto stagionale. Un situazione dunque complessa che ci presenta una nuova frontiera del precariato che , secondo i sindacati , non riguarda solo i giovani , ma anche I cinquantenni . I voucher coinvolgono circa 1 milione di persone , su cui il Presidente dell’Inps Boeri fa questa allarmante valutazione : “circa il 40% delle persone che ricevono il voucher ha questo come unica fonte di reddito. E’ un fenomeno preoccupante perchè il voucher non dà le stesse garanzie di altre forme contrattuali e dovrebbe essere un secondo o un terzo lavoro, mentre spesso tende a diventare l’unico”.

  • Autore articolo
    Piero Bosio
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR mercoledì 29/05 19:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 29-05-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mercoledì 29/05/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 29-05-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mercoledì 29/05/2024 delle 19:50

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 29-05-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    0091 di giovedì 30/05/2024

    Dalla musica classica alle produzioni elettroniche moderne, dai villaggi alla diaspora, l'India raccontata attraverso la sua musica. IG baaz_light_year

    0091 - 29-05-2024

  • PlayStop

    Jazz Ahead di mercoledì 29/05/2024

    Dischi nuovi, progetti attivi, concerti imminenti, ospiti appassionati, connessi al più che ampio e molto vivo mondo del Jazz e delle sue conseguenze. Musica, soprattutto, scelta con il desiderio di dare spazio alla scena contemporanea di un genere con un passato importante, ma la cui storia è ancora, decisamente, in corso. La sigla del programma è Theme Nothing di Jaimie Branch. A cura di Nina Terruzzi, in onda ogni mercoledì dalle 23.00 alla mezzanotte.

    Jazz Ahead - 29-05-2024

  • PlayStop

    News della notte di mercoledì 29/05/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 29-05-2024

  • PlayStop

    Percorsi PerVersi di mercoledì 29/05/2024

    Poesie, liriche, sonetti, slam poetry, rime baciate, versi ermetici, poesie cantate. Ogni settimana Percorsi PerVersi incontra a Radio Popolare i poeti e li fa parlare di poesia. Percorriamo tutte le strade della parola poetica, da quella dei poeti laureati a quella dei poeti di strada e a quella – inedita – dei nostri ascoltatori.

    Percorsi PerVersi - 29-05-2024

  • PlayStop

    Il giusto clima di mercoledì 29/05/2024

    Ambiente, energia, clima, uso razionale delle risorse, mobilità sostenibile, transizione energetica. Il giusto clima è la trasmissione di Radio Popolare che racconta le sfide locali e globali per contrastare il cambiamento climatico e ridurre la nostra impronta sul Pianeta. Il giusto clima è realizzato in collaborazione con è nostra, la cooperativa che produce e vende energia elettrica rinnovabile, sostenibile, etica. In onda tutti i mercoledì, dalle 21 alle 22. In studio, Gianluca Ruggieri ed Elena Mordiglia. In redazione, Sara Milanese e Marianna Usuelli.

    Il giusto clima - 29-05-2024

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di mercoledì 29/05/2024

    I fatti più importanti della giornata sottoposti al dibattito degli ascoltatori e delle ascoltatrici. A cura di Luigi Ambrosio e Mattia Guastafierro

    Quel che resta del giorno - 29-05-2024

  • PlayStop

    Esteri di mercoledì 29/05/2024

    1- “La guerra a Gaza andrà avanti almeno fino a fine anno”. Le parole del consigliere per la sicurezza nazionale di Netanyahu sono la risposta alle pressioni internazionali per fermare l’assedio di Rafah. Nonostante le decine di morti ogni giorno, per la Casa Bianca non è ancora stata superata la famosa linea rossa di Biden, che in realtà non esiste più (Roberto Festa) 2- Ucraina. I paesi occidentali iniziano a cambiare idea sull’utilizzo delle loro armi per colpire in Russia. Diversi governi stanno dando il via libera. Secondo indiscrezioni di stampa ci starebbe pensando anche l’America. La questione lascia diverse domande senza risposta (Sabato Angieri) 3- In Sud Africa oggi le elezioni più importanti dalla fine dell’apartheid. Per la prima volta l’African National Congress rischia di perdere la maggioranza in parlamento. Pesano corruzione, criminalità, e disuguaglianze sociali (Andrea Spinelli Barile, Slow News) 4- Spagna. Nelle prossime ore il via libera definitivo all’amnistia per gli indipendentisti catalani. Un tassello fondamentale nel programma di governo di Pedro Sanchez, e anche per la sua sopravvivenza politica. La destra prepara già i ricorsi al Tribunale Costituzionale e alla giustizia europea (Giulio Maria Piantadosi) 5- Graphic Novel. Ritorno all’Algeria, il romanzo a fumetti del francese Morvandiau (Luisa Nannipieri)

    Esteri - 29-05-2024

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di mercoledì 29/05/2024

    (168 - 550) Dove, dopo l'accoppiata Papa-Meloni dei giorni scorsi, abbiamo tutti un po' l'ansia da prestazione. Poi con Elisa Graci ascoltiamo, in anteprima italiana, l'ultimo singolo di Nick Cave; con Marina Catucci raccontiamo quello che succede fuori dal Tribunale di New York in attesa della sentenza Trump; con Alessandro Braga elenchiamo i premi "Rosa camuna" di regione Lombardia e infine ospitiamo Jennifer Sdrigotti, neo-campionessa del mondo di danza del ventre.

    Muoviti muoviti - 29-05-2024

  • PlayStop

    Playground di mercoledì 29/05/2024

    A Playground ci sono le città in cui abitiamo e quelle che vorremmo conoscere ed esplorare. A Playground c'è la musica più bella che sentirai oggi. A Playground ci sono notizie e racconti da tutto il mondo: lo sport e le serie tv, i personaggi e le persone, le ultime tecnologie e le memorie del passato. A Playground, soprattutto, c'è Elisa Graci: per un'ora al giorno parlerà con voi e accompagnerà il vostro pomeriggio. Su Radio Popolare, da lunedì a venerdì dalle 16.30 alle 17.30.

    Playground - 29-05-2024

  • PlayStop

    Soulshine di mercoledì 29/05/2024

    Soulshine è un mix eclettico di ultime uscite e classici immortali fra soul, world music, jazz, funk, hip hop, afro beat, latin, r&b, ma anche, perchè no?, un po’ di sano rock’n’roll. L’obiettivo di Soulshine è ispirarvi ad ascoltare nuova musica, di qualsiasi decennio: scrivetemi i vostri suggerimenti e le vostre scoperte all’indirizzo e-mail cecilia.paesante@gmail.com oppure su Instagram (cecilia_paesante) o Facebook (Cecilia Paesante).

    Soulshine - 29-05-2024

  • PlayStop

    Jack di mercoledì 29/05/2024

    Ospite della puntata J Bernardt che ci racconta il suo ultimo disco "Contigo"

    Jack - 29-05-2024

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di mercoledì 29/05/2024

    Per riascoltare Considera l'armadillo noi e altri animali che ha ospitato il grandissimo @Bruno Bozzetto che ci ha parlato del suo rapporto con gli altri animali, di Sapiens? il suo film su @raiplay, di Doggy, del libro Il signor Bozzetto, una vita animata, scritto con Simone Tempia, @rizzoli Lizard editore, di Attenti all'uomo, balcone Gallucci editore? Ma anche di @oipa e della darà di sparo su quaglie a Padulle

    Considera l’armadillo - 29-05-2024

  • PlayStop

    Poveri ma belli di mercoledì 29/05/2024

    Un percorso attraverso la stratificazione sociale italiana, un viaggio nell’ascensore sociale del Belpaese, spesso rotto da anni e in attesa di manutenzione, che parte dal sottoscala con l’ambizione di arrivare al roof top con l’obiettivo dichiarato di trovare scorciatoie per entrare nelle stanze del lusso più sfrenato e dell’abbienza. Ma anche uno spazio per arricchirsi culturalmente e sfondare le porte dei salotti buoni, per sdraiarci sui loro divani e mettere i piedi sul tavolo. A cura di Alessandro Diegoli e Disma Pestalozza

    Poveri ma belli - 29-05-2024

  • PlayStop

    EUROPAMENTE - Al voto con l'Europa in testa - E8

    Pnrr, economia, sviluppo: come arriva l'Unione europea alle elezioni. E cosa potrebbe cambiare. Ospite: l'economista Paolo Manasse.

    Clip - 29-05-2024

Adesso in diretta