Approfondimenti

Il mondo culturale russo contro la guerra in Ucraina

Morgenshtern Guerra

Morgenshtern è uno dei rapper più famosi e popolari in Russia. Dalla Russia è dovuto scappare, ma ieri ha pubblicato su YouTube il video di una nuova canzone che si chiama “12”. Nel video lui è seduto all’interno di un’automobile gialla, distrutta, evidentemente colpita dai bombardamenti, intorno a lui, manifestanti mostrano cartelli della pace. La canzone è contro la guerra, e contro la propaganda del Cremlino.

Alla fine del video, si sentono alcune parole in ucraino. È un messaggio vocale della mamma del suo produttore. Lui è ucraino, e la mamma è in Ucraina: “Figliolo – dice il messaggio vocale – il nostro tetto è stato quasi spazzato via questa mattina. Abbiamo pensato di scappare da qualche parte, ma siamo tornati a casa e ora siamo seduti qui. Abbiamo fatto un bunker anti bombe nella cantina quindi non preoccuparti tesoro”.
Alla fine di questo messaggio, appare la scritta: il mio produttore è ucraino. Io sono russo. Facciamo musica insieme, per tutto il mondo. Vogliamo la pace, vogliamo amicizia”.

Morgenshtern rischia tanto con questo brano, ma lui è riuscito a scappare dalla Russia. Ma dentro il paese, le voci dissidenti – forse più in sordina, forse in modo meno palese – iniziano a farsi sentire. Ci sono i giornalisti, che abbiamo raccontato tante volte. Come quelli di Novaja Gazeta che continuano ogni giorno a pubblicare i loro articoli, senza usare la parola guerra, ma raccontando l’opposizione laterale. O come La giornalista Marina Ovsyannikova della TV di stato russa Channel One, che ha interrotto il TG della sera con un cartello con scritto “no alla guerra, no alle bugie del Cremlino”.

Ma c’è anche tutto un mondo culturale, fatto di scrittori, musicisti, attivisti, editori, che chiede la pace. Come Vitali Ziusko, direttore della casa editrice indipendente KompasGuide in Russia, che ha diffuso questa lettera: “Siamo contro la guerra – scrive – e con tutto il mio team vogliamo denunciarlo. Supportiamo l’ucraina e gli ucraini. Oggi in Russia, sono pochi gli editori che osano guardare alla russia moderna e al suo passato sovietico con occhio critico. Ma nonostante il rischio, le case editrici indipendenti si stanno mobilitando per assicurarsi che queste voci vengano ascoltate”.

La lettera continua, e la sensazione è che il futuro sia ancora più buio del presente. “Il futuro dell’editoria indipendente in russia sembra scuro” – scrive Vitali – non so come e quanto a lungo io e i miei colleghi potremo continuare questa lotta”.
Insieme a lui, il mondo intellettuale ha firmato un appello. Tra i firmatari ci sono la premio Nobel per la letteratura Svetlana Alexievich, la poetessa Maria Stepanova, lo scrittore satirico Victor Shenderovich o il vincitore del Russian Booker Prize Alexander Ilichevsky.
“La lingua russa ora è usata per diffondere odio – scrivono nell’appello – usatela ora per raggiungere persone che conoscete o che non conoscete. Se Putin è cieco e sordo, magari la gente ascolterà chi parla la sua stessa lingua. Questa guerra vergognosa va fermata”.

  • Autore articolo
    Martina Stefanoni
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di martedì 24/05/2022 delle 19:49

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 25/05/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Hexagone di mercoledì 25/05/2022

    Un viaggio alla scoperta della musica francofona con Alberto Visconti. Alberto Visconti, già voce e leader del gruppo L’Orage, propone…

    Hexagone - 25/05/2022

  • PlayStop

    Jailhouse Rock di martedì 24/05/2022

    Suoni, suonatori e suonati dal mondo delle prigioni Jailhouse Rock è una trasmissione radiofonica in onda su Radio Popolare e…

    Jailhouse Rock - 25/05/2022

  • PlayStop

    Jailhouse Rock di martedì 24/05/2022

    Suoni, suonatori e suonati dal mondo delle prigioni Jailhouse Rock è una trasmissione radiofonica in onda su Radio Popolare e…

    Jailhouse Rock - 25/05/2022

  • PlayStop

    News della notte di martedì 24/05/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 25/05/2022

  • PlayStop

    L'altro martedì di martedì 24/05/2022

    Dal 14 settembre dalle ore 22.00 alle 22.30 alla sua quarantunesima edizione L’Altro Martedì, la trasmissione LGBT+ di Radio Popolare…

    L’Altro Martedì - 25/05/2022

  • PlayStop

    Doppio Click di martedì 24/05/2022

    Doppio Click è la trasmissione di Radio Popolare dedicata ai temi di attualità legati al mondo di Internet e delle…

    Doppio Click - 25/05/2022

  • PlayStop

    Gli speciali di martedì 24/05/2022

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 25/05/2022

  • PlayStop

    Gli speciali di martedì 24/05/2022

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 25/05/2022

  • PlayStop

    Esteri di martedì 24/05/2022

    - Guerra In Ucraina. La Russia comincia ad ammettere in modo implicito le sue difficoltà sul campo. - Cina. ”'sparare…

    Esteri - 25/05/2022

  • PlayStop

    Esteri di martedì 24/05/2022

    Il giro del mondo in 24 ore. Ideato da Chawki Senouci Data di nascita: 6 ottobre 2003 (magazine domenicale di…

    Esteri - 25/05/2022

  • PlayStop

    The Game di martedì 24/05/2022

    1) “La pandemia ha avuto effetti di rilevanza storica, che vanno al di là di quelli sanitari, ovviamente importanti”. Parla…

    The Game - 25/05/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di martedì 24/05/2022

    Dove ci si getta sull'attualità raccontando, con ascoltatori e ascoltatrici, la grandinata che sta colpendo il nord di Milano. Poi…

    Muoviti muoviti - 25/05/2022

  • PlayStop

    Intervista a Emilio Isgrò di Tiziana Ricci

    Ricordiamoci cosa significa la cancellatura per Emilio Isgrò: non significa annullare, nascondere, togliere di mezzo, bensì esaltare un testo, proteggerlo,…

    Clip - 24/05/2022

  • PlayStop

    Di tutto un boh di martedì 24/05/2022

    l’Italia è una repubblica fondata sul sentito dire. Tra cliché e cose spiegate male, è un attimo perdersi un pezzo…

    Di tutto un boh - 25/05/2022

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di martedì 24/05/2022

    Si parla con Chiara Caprio di Animal Equality Italia delle novità in Europa su benessere animale, ma anche di Regione…

    Considera l’armadillo - 25/05/2022

  • PlayStop

    Jack di martedì 24/05/2022

    Ospite telefonico la Bandakadabra per parlare di Musicamobile Monza

    Jack - 25/05/2022

  • PlayStop

    Marco Colombo, Il bosco delle maschere. La vita segreta del tasso

    MARCO COLOMBO - IL BOSCO DELLE MASCHERE. LA VITA SEGRETA DEL TASSO – presentato da CECILIA DI LIETO

    Note dell’autore - 25/05/2022

  • PlayStop

    Lea Ypi - Libera. Diventare grandi alla fine della storia

    Negli studi di Radio Popolare, la docente, saggista, filosofa e scrittrice Lea Ypi, racconta a Cult di Ira Rubini, la…

    Clip - 24/05/2022

  • PlayStop

    La Pillola va giù di lunedì 23/05/2022

    Questa puntata è realizzata con bambine e bambini dell'IC Confalonieri nell'ambito del progetto Be Resilient Be Sustainable realizzato in collaborazione…

    La Pillola va giù - 25/05/2022

  • PlayStop

    Contrabbando di meteoriti

    quando andiamo a controllare se ad Amsterdam i tour di Zucchero procede secondo i piani, voliamo in Uruguay sulle tracce…

    Poveri ma belli - 25/05/2022

  • PlayStop

    Cult di martedì 24/05/2022

    Oggi a Cult, il quotidiano culturale di Radio Popolare in onda alle 11.30: il Festival di Cannes, la rassegna Nuove…

    Cult - 25/05/2022

Adesso in diretta