Approfondimenti

M5S e Conte difendono Casalino che minaccia epurazioni

Il portavoce del presidente del Consiglio, Rocco Casalino, minaccia epurazioni al ministero dell’Economia e il Movimento 5 Stelle lo difende con una presa di posizione che appare come una rivendicazione politica.

Il M5S è in difficoltà nel rapporto con la Lega soprattutto in questi giorni in cui si definiscono i contenuti della legge di bilancio e decide di usare le tattiche più aggressive.

In un audio pubblicato da alcuni giornali, Casalino ha promesso di far fuori i funzionari del ministero dell’Economia che a suo dire starebbero impedendo di trovare le risorse per il cosiddetto ‘reddito di cittadinanza’.

È pronta una mega vendetta – dice Casalino – se non dovessero uscire i soldi dedicheremo tutto il 2019 soltanto a far fuori questi pezzi di merda del Def”.

In risposta agli attacchi piovuti su Casalino, il Movimento 5 Stelle afferma: “Quello che è stato ripetuto per l’ennesima volta ai giornalisti De Angelis e Salvatori da Rocco Casalino, e che oggi campeggia su tutti i giornali, era la linea del Movimento 5 Stelle detta e ridetta in tutte le salse. Siamo assolutamente convinti che nei ministeri c’è chi ci rema pesantemente contro“.

Casalino nell’audio continua: “Se non dovessero uscire i soldi tutto il 2019 sarà dedicato a fare fuori una marea di gente del Mef, non ce ne frega niente, ci sarà una cosa ai coltelli. Difendono il solito sistema. Non è accettabile che non si trovino 10 miliardi del cazzo”.

Altro che vittima di uno scoop.

Del resto l’audio non è una registrazione rubata ma una nota vocale inviata da Casalino a due giornalisti dell’Huffington Post.

Le minacce e le parole violente – “pezzi di merda”, “fare fuori una marea di gente”, “sarà una cosa ai coltelli” – entrano a far parte del contesto politico in cui i 5 Stelle si stanno giocando la partita della legge di bilancio, che è cruciale per loro.

Salvini ha rinsaldato l’asse con Berlusconi in un gioco delle parti che in questi giorni viene gestito abilmente dai due protagonisti. Il comunicato congiunto con cui Berlusconi, Meloni e Salvini ribadiscono la linea del centrodestra in politica economica conferisce ancora più potere contrattuale alla Lega, che vuole soprattutto risorse per allargare la platea della flat tax. I grillini perdono sempre più consensi nei confronti della Lega nei sondaggi e hanno bisogno di mettere un po’ di soldi nelle tasche di chi li ha votati per quello, in particolare al Sud. Ma sono presi tra la Lega da una parte e il ministro dell’economia Tria dall’altra.

Tria è uno dei ministri che devono garantire le relazioni politiche con l’Unione Europea, voluto dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella in quel ruolo. L’attacco ai funzionari del ministero è indirettamente un avviso a Tria -anche se formalmente viene ‘scagionato’ da Casalino- e salendo per i colli romani un messaggio al Capo dello Stato.

Il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, dopo ore di silenzio si è schierato dalla parte del suo portavoce. Per Conte a essere grave è il comportamento di chi ha diffuso gli audio mentre si è rifiutato di commentare le parole di Casalino

  • Autore articolo
    Luigi Ambrosio
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di venerdì 01/07/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 07/01/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 01/07/2022 delle 19:51

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 07/01/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    News della notte di venerdì 01/07/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 07/01/2022

  • PlayStop

    Esteri di venerdì 01/07/2022

    1-La lezione di Odessa. L’Ucraina è diventata il teatro della nuova guerra fredda e alla fine muoiono i civili. L’attacco…

    Esteri - 07/01/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di venerdì 01/07/2022

    Dove non si saluta solo l'ultima puntata di "Muoviti, muoviti" ma anche un po' tutte le ultime puntate di oggi…

    Muoviti muoviti - 07/01/2022

  • PlayStop

    Di tutto un boh di venerdì 01/07/2022

    l’Italia è una repubblica fondata sul sentito dire. Tra cliché e cose spiegate male, è un attimo perdersi un pezzo…

    Di tutto un boh - 07/01/2022

  • PlayStop

    L'Europa in casa nostra di venerdì 01/07/2022

    Una delle principali sfide che l’Unione europea sta affrontando oggi è legata a questa domanda: come portare lo spirito e…

    L’Europa in casa nostra - 07/01/2022

  • PlayStop

    Jack di venerdì 01/07/2022

    Lo spinotto musicale di Radio Popolare si prende cura del vostro primo pomeriggio e della vostra passione per la musica,…

    Jack - 07/01/2022

  • PlayStop

    Gianluca Alzati, Volevo fare la corridora. La vita, la passione, le battaglie della campionessa di ciclismo Morena Tartagni

    GIANLUCA ALZATI – VOLEVO FARE LA CORRIDORA. LA VITA, LA PASSIONE, LE BATTAGLIE DELLA CAMPIONESSA DI CICLISMO MORENA TARTAGLI –…

    Note dell’autore - 07/01/2022

  • PlayStop

    I risparmi de Maria Cazzetta

    quando chiediamo agli ascoltatori dei loro vani tentativi di risparmiare piccole cifre per poi finire a spenderne di maggiori, tra…

    Poveri ma belli - 07/01/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di venerdì 01/07/2022 delle 12:46

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 07/01/2022

  • PlayStop

    Cult di venerdì 01/07/2022

    a Welcome to Socotra i Cantieri Teatrali Koreja propongono „Alessandro „, La mostra „Luna Park dell‘anima, Coney Island“ di Maurizio…

    Cult - 07/01/2022

  • PlayStop

    37e2 di venerdì 01/07/2022

    I conflitti d’interesse in medicina; la vita di una persona disabile a Sesto S. Giovanni; cosa sta accadendo nelle RSA;…

    37 e 2 - 07/01/2022

  • PlayStop

    Prisma di venerdì 01/07/2022

    Notizie, voci e storie nel mattino di Radio Popolare, da lunedì a giovedì dalle 9.00 alle 10.30. Il venerdì dalle…

    Prisma - 01/07/2022

  • PlayStop

    Prisma di venerdì 01/07/2022

    Notizie, voci e storie nel mattino di Radio Popolare, da lunedì a giovedì dalle 9.00 alle 10.30. Il venerdì dalle…

    Prisma - 07/01/2022

  • PlayStop

    Il giorno delle locuste di venerdì 01/07/2022

    Le locuste arrivano come orde, mangiano tutto quello che trovano sul loro cammino e lasciano solo desertificazione e povertà. Gianmarco…

    Il giorno delle locuste - 07/01/2022

  • PlayStop

    Il demone del tardi di venerdì 01/07/2022

    a cura di Gianmarco Bachi

    Il demone del tardi - 07/01/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di venerdì 01/07/2022 delle 7:47

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 07/01/2022

Adesso in diretta