Approfondimenti

Il governo Draghi ha perso un’occasione d’oro sui vaccini

Avrebbe potuto sottrarre alle regioni la campagna sui vaccini. Ha deciso di non farlo. Nonostante le regioni italiane stiano dimostrando, con poche eccezioni, di non essere all’altezza del compito. Con esempi disastrosi, su tutti la Lombardia, con disfunzionalità che fanno sì che i già pochi vaccini vengano spesso lasciati nei frigoriferi, o con situazioni in cui i criteri con cui vengono decise le priorità sono perlomeno discutibili, i primi mesi della campagna vaccinale hanno dimostrato tutti i limiti dell’organizzazione regionale. Il governo Draghi è nato con la grande promessa di fare presto e bene nelle vaccinazioni. Fino a ora oltre alle promesse non si è andati. Non ci sono più le primule di Arcuri, ma non ci sono ancora i suoi sostituti. E il tempo passa.

La garanzia di una accelerazione fino a 500mila vaccinazioni al giorno si riferisce sì ad aprile ma alla fine di aprile. E ieri Draghi ha spostato l’asticella ancora un po’ più in là, ai primi di maggio per vedere tutto funzionare al meglio. E il tempo passa. Il governo ha deciso di mettere a disposizione delle regioni che non ce la fanno una struttura governata da Roma che fa perno su Esercito e Protezione Civile. Avrebbe potuto imporla, accentrare la campagna di vaccinazione una volta per tutte. Ha deciso di rinunciarci. Sarà una opzione facoltativa. Gli interessi politici dei partiti che stanno nella maggioranza, pensiamo alla Lega che domina in Lombardia ma anche al Pd che governa in Campania, in Puglia, in Toscana, tanto per fare degli esempi, hanno prevalso. Ieri 386 morti in Italia, solo 17 in Gran Bretagna dove le cose invece procedono al meglio. A quali responsabilità vanno ascritti questi morti in più?

Foto | Il premier Mario Draghi

  • Autore articolo
    Luigi Ambrosio
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di gio 29/07/21

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 29/07/2021

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mer 28/07/21 delle 19:48

    Metroregione di mer 28/07/21 delle 19:48

    Rassegna Stampa - 29/07/2021

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    The river di gio 29/07/21

    The river di gio 29/07/21

    The River - 29/07/2021

  • PlayStop

    Di tutto un boh di gio 29/07/21

    Di tutto un boh di gio 29/07/21

    Di tutto un boh - 29/07/2021

  • PlayStop

    Momentaneamente aperti di gio 29/07/21

    Momentaneamente aperti di gio 29/07/21

    Momentaneamente aperti - 29/07/2021

  • PlayStop

    Prisma di gio 29/07/21

    Prisma di gio 29/07/21

    Prisma - 29/07/2021

  • PlayStop

    Radiosveglia del gio 29/07/21

    Radiosveglia del gio 29/07/21

    Radiosveglia - 29/07/2021

  • PlayStop

    Indie-Re di gio 29/07/21

    Indie-Re di gio 29/07/21

    Radio Muse Indie-re - 29/07/2021

  • PlayStop

    Jazz Ahead di mer 28/07/21

    Jazz Ahead di mer 28/07/21

    Jazz Ahead - 29/07/2021

  • PlayStop

    News Della Notte di mer 28/07/21

    News Della Notte di mer 28/07/21

    News della notte - 29/07/2021

  • PlayStop

    A casa con voi di mer 28/07/21

    A casa con voi di mer 28/07/21

    A casa con voi - 29/07/2021

  • PlayStop

    Ora di punta di mer 28/07/21

    Ora di punta di mer 28/07/21

    Ora di punta – I fatti del giorno - 29/07/2021

  • PlayStop

    La Febbra di mer 28/07/21

    La Febbra di mer 28/07/21

    La febbra - 29/07/2021

  • PlayStop

    Feedback di mer 28/07/21

    Feedback di mer 28/07/21

    Feedback - 29/07/2021

  • PlayStop

    Conduzione Musicale di mer 28/07/21

    Conduzione Musicale di mer 28/07/21

    Conduzione musicale - 29/07/2021

Adesso in diretta