Approfondimenti

Il Giorno della Memoria, il carcere per gli atti osceni, la guerra in Ucraina e le altre notizie della giornata

Il racconto della giornata di venerdì 27 gennaio 2023 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Il discorso di Sergio Mattarella in occasione del Giorno della Memoria ha toccato la questione delle responsabilità degli italiani prima nelle leggi razziste del 1938 e poi nell’Olocausto: una frase inserita in un discorso più ampio, aperto con un monito all’Italia di oggi sulla diffusione del razzismo e dell’antisemitismo. Nel 2022 in Italia sono stati attivati 382mila contratti da dipendente in più di quelli che si sono interrotti. La proposta di legge a firma Edmondo Cirielli sul carcere per gli atti osceni in luogo pubblico. L’incidente di Roma, il viaggio dei migranti e la situazione umanitaria dell’Ucraina.

L’occasione perduta nel Giorno della Memoria

Il discorso di Sergio Mattarella in occasione del Giorno della Memoria ha toccato la questione delle responsabilità degli italiani prima nelle leggi razziste del 1938 e poi nell’Olocausto, anche se questo tema non è stato il nucleo centrale del suo intervento. Responsabilità non solo dei vertici del regime, o dei militi di Salò nelle deportazioni nei campi di sterminio, ma anche della popolazione che con l’indifferenza rispetto alla sorte degli ebrei si è resa complice della Shoa

Una frase inserita in un discorso più ampio, aperto, di fatto, con un monito all’Italia di oggi rispetto alla diffusione del razzismo e dell’antisemitismo.

Il richiamo di Mattarella alla Costituzione è forse il passaggio più politico del suo discorso, quello che guarda con maggiore attenzione al presente. Ed è anche uno spunto per riflettere sul fatto che l’Italia non abbia mai fatto realmente i conti con il suo passato. Il giorno della memoria non è mai stato utilizzato a pieno per una vera presa di coscienza dei crimini, delle complicità, dell’acquiescenza degli italiani durante il ventennio fascista e durante il regime di Salò.
Il direttore di Radio Popolare Alessandro Gilioli ha intervistato Antonio Scurati, lo scrittore autore della trilogia su Benito Mussolini

Da questo punto di vista, questo Giorno della Memoria è stata un’occasione perduta. E mai come quest’anno, invece, la responsabilità del fascismo e il consenso dato al regime avrebbe dovuto essere il punto centrale della discussione.
Giorgia Meloni e Ignazio La Russa ancora una volta hanno voluto focalizzare l’attenzione sulle leggi del 1938, condannandole, ma in questa occasione non hanno detto una parola su Salò: la fiamma, il simbolo scelto dai reduci di Salò che fondarono l’Msi, è ancora presente nel simbolo di Fratelli d’Italia. L’ambiguità sul fascismo dunque permane e condiziona fino a negarle ogni possibile dibattito sulle responsabilità italiane. Sentiamo Dario Venegoni, presidente dell’Aned, l’associazione italiana degli ex deportati

Buone notizie sul lavoro

Nel 2022 in Italia sono stati attivati 382mila contratti da dipendente in più di quelli che si sono interrotti. Lo dice il bollettino diffuso periodicamente da Bankitalia, dal ministero del lavoro e dall’agenzia Anpal. Il documento sottolinea che il dato è migliore di quello del 2019, quindi l’ultimo anno prima della pandemia, e dice che a questo hanno contributo “quasi esclusivamente” i rapporti a tempo indeterminato, con un saldo positivo di 412mila, rispetto ai 23mila in più a termine e ai 53mila in meno di apprendistato.
Il testo definisce il 2022 “ampiamente positivo”, ma parla anche di rallentamento nell’ultima parte dell’anno. Tania Scacchetti è segretaria confederale della Cgil e ha la delega al mercato del lavoro

La proposta di legge per ripristinare il carcere per gli atti osceni in luogo pubblico

(di Diana Santini)

Ripristinare il carcere per chi commette atti osceni in luogo pubblico. La proposta di legge a firma Edmondo Cirielli, già estensore pentito dell’omonimo provvedimento salva Berlusconi, è stata depositata a inizio legislatura, il 13 ottobre scorso. Ma è solo ora che se ne viene a conoscenza, anche perchè la reintroduzione di un reato fa a pugni con l’intento dichiarato del ministro Nordio di ridurli e si intreccia dunque con le diverse sensibilità, per usare un eufemismo, tra i partiti di maggioranza in tema di giustizia. E infatti i distinguo hanno già iniziato a manifestarsi, con forza italia che ricorda che la questione non è nel programma di governo. La proposta di legge cadrà dunque probabilmente nel dimenticatoio, salvo aggiungere un altro tassello al paesaggio per così dire ideologico che il cambio di governo ha portato con sè. E così si torna a parlare di decoro, buon costume e morale. La proposta nel concreto reintroduce il carcere per gli atti osceni in luogo pubblico, da tre mesi a tre anni al posto dell’attuale sanzione. Aumentano anche le pene per chi commette gli atti in presenza di minori e raddoppiano le multe anche quando la condotta è colposa. Più del merito, e delle sue conseguenze sulle nostre già sovraffollate carceri, significativa è l’illustrazione della proposta di legge: Il problema, spiega Cirielli agli onorevoli colleghi, sono i comportamenti degradanti, che ledono in maniera allarmante la morale pubblica. E chi sono gli autori di questi comportamenti? Incidentalmente anche i “signori clienti” (li definisce così) delle prostitute che lavorano in strada, ma soprattutto gli immigrati che, scrive ancora, “non avvezzi ai costumi, alle consuetudini e alle norme etiche e giuridiche che regolano la convivenza civile nella nostra società, compiono talora azioni oscene o degradanti nelle nostre città. E più sotto, in modo ancora più esplicito, spiega: “si lavano nudi nelle fontane”. Sessuofobia, razzismo, disprezzo per i poveri: tutto condensato in appena tre articoletti di legge.

Il lungo viaggio di Geo Barents e Ocean Viking

E’ previsto tra domani e domenica l’arrivo in porto delle navi umanitarie Geo Barents e Ocean Viking. La prima, che ha effettuato più di un salvataggio, rischia di essere sanzionata dal nuovo decreto del governo contro le ong. Il Viminale ha fatto sapere che valuterà eventuali violazioni dopo lo sbarco. A entrambe il governo ha assegnato due porti molto lontani dalle zone di soccorso, allo scopo di tenere lontane le ong dal Mediterraneo e moltiplicare i costi di navigazione. La Geo Barents sbarcherà domani pomeriggio a La Spezia, la Ocean Viking arriverà domenica a Marina di Carrara. A bordo ci sono in totale più di 300 migranti, fuggiti dalle violenze libiche e salvati dal naufragio.

Cinque ragazzi sono morti in un incidente stradale a Roma

Avevano tra i 17 e i 21 anni le due ragazze e i tre ragazzi morti la notte scorsa in un incidente a Fonte Nuova, alle porte di Roma. Con loro c’era un sesto ragazzo, che è ricoverato in ospedale. Il gruppo era tutto sulla stessa macchina, omologata per quattro persone e diretta a pochi km di distanza, dov’era parcheggiata un’altra auto, quella di uno dei ragazzi. Prima c’è stato uno scontro con un palo, poi contro un albero e la macchina si è ribaltata. Un’ipotesi è che andasse troppo veloce. Nello stesso tratto nel 2007 c’era stato un altro incidente con cinque vittime. A livello nazionale lo scorso anno sulle strade sono morte 1489 persone, circa l’11% in più rispetto al 2021, a fronte di un aumento degli incidenti poco sopra il 7%.

La situazione umanitaria in Ucraina

L’Ucraina in queste ore è stata colpita da un’altra raffica di bombardamenti che hanno danneggiato infrastrutture energetiche e aree residenziali nell’ est e nel sud del paese, provocando almeno 10 morti tra i civili e decine di feriti. L’esercito ucraino ha poi comunicato che intensi combattimenti continuano nella regione di Donetsk, dove Kiev dice di aver ucciso più di cento soldati russi.
Continua anche la discussione sugli aiuti militari da parte dei paesi nato. La polonia ha annunciato che invierà altri 60 carri armati oltre ai leopard già promessi, mentre il portavoce della casa Bianca John Kirby, invece, ha spiegato che saranno necessari diversi mesi prima che i tank Abrams statunitensi potranno arrivare in Ucraina.
Intanto il commissario europeo per la giustizia ha detto che in Ucraina si sta osservando il più alto numero di crimini di guerra nella storia. “Dobbiamo evitare che questi crimini restino impuniti” ha aggiunto. </a
A quasi un anno dall’inizio della guerra, la situazione umanitaria rimane molto complicata, soprattutto nelle aree ancora al centro del conflitto. Ne abbiamo parlato con Valentina Morico, capo missione della Ong Soleterre a Kiev

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR lunedì 26/02 19:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 26-02-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di lunedì 26/02/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 26-02-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di lunedì 26/02/2024 delle 19:49

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 26-02-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Jazz Anthology di lunedì 26/02/2024

    Come suggerisce il titolo della trasmissione, presente nel palinsesto di Radio Popolare fin dagli inizi, Jazz Anthology ripercorre la ormai lunga vicenda del jazz proponendone momenti e artisti salienti. Al di là della varietà delle sue forme, per Jazz Anthology questo genere è un fenomeno unitario di innovazione musicale in rapporto con una tradizione di matrice neroamericana. Jazz Anthology vuole quindi valorizzare sia la pluralità degli aspetti del jazz che la continuità della sua storia, dedicando la propria attenzione a tutte le epoche di questa musica, dal New Orleans al bebop, fino alle espressioni più audaci degli ultimi decenni. Il programma si articola soprattutto in serie di trasmissioni a carattere monografico, con l’intenzione – in un contesto mediatico che al jazz dà pochissimo spazio e in modo molto dispersivo – di dare così un contributo alla diffusione di una effettiva cultura del jazz. La sigla di Jazz Anthology è Straight Life (Art Pepper), da Art Pepper meets The Rhythm Section (1957, Contemporary/Original Jazz Classics)

    Jazz Anthology - 26-02-2024

  • PlayStop

    News della notte di lunedì 26/02/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 26-02-2024

  • PlayStop

    La Pillola va giù di lunedì 26/02/2024

    Una trasmissione settimanale  a cura di Anaïs Poirot-Gorse con in regia Nicola Mogno. Una trasmissione nata su Shareradio, webradio metropolitana milanese in questo momento di emergenza, cercando di ridare un spazio di parola a tutti i ragazzi dei centri di aggregazione giovanili di Milano con cui svolgiamo regolarmente laboratori radiofonici.

    La Pillola va giù - 26-02-2024

  • PlayStop

    Il Suggeritore Night Live di lunedì 26/02/2024

    Il Suggeritore, la storica trasmissione di teatro di Radio Popolare, ha compiuto 17 anni e può uscire da sola la sera! Ora, infatti, si chiama Il Suggeritore Night Live e va in onda in diretta ogni lunedì, dalle 21.00 alle 22.00, dall’Auditorium “Demetrio Stratos” di Radio Popolare: un night talk-show con ospiti da vari ambiti dello spettacolo dal vivo, che si raccontano ai nostri microfoni e propongono estratti dai loro lavori, nella serata in cui tradizionalmente il teatro osserva il riposo. Finalmente possiamo accogliere i nostri ascoltatori in auditorim: quindi vi aspettiamo dalle 20.00 in veste di pubblico privilegiato di Il Suggeritore Night Live.

    Il Suggeritore Night Live - 26-02-2024

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di lunedì 26/02/2024

    I fatti più importanti della giornata sottoposti al dibattito degli ascoltatori e delle ascoltatrici. A cura di Luigi Ambrosio e Mattia Guastafierro

    Quel che resta del giorno - 26-02-2024

  • PlayStop

    Esteri di lunedì 26/02/2024

    Il giro del mondo in 24 ore. Ideato da Chawki Senouci Data di nascita: 6 ottobre 2003 (magazine domenicale di un’ora dalle 11.30 alle 12.30) Ogni giorno Chawki Senouci e Martina Stefanoni scelgono alcuni fatti che ritengono interessanti da segnalare agli ascoltatori e li propongono sotto forma di racconto, rubriche, reportage, piccole storie, interviste, approfondimenti e analisi. Essendo Esteri un magazine radiofonico i modi per “comunicare “ sono i titoli, un breve notiziario e i servizi lunghi. Il tutto inframezzato dai cosiddetti “intrusi” (notizie telegrafiche) e da stacchi musicali.

    Esteri - 26-02-2024

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di lunedì 26/02/2024

    (104 - 486) Dove ringraziamo i "ragazzi" del rugby per la grande prestazione nel 6 Nazioni in Francia. Peccato per il palo. Poi andiamo in Sardegna per un aggiornamento sui risultati delle elezioni regionali e capire come mai i risultati arrivano così lentamente. Ci colleghiamo con Francesca Ghirra, Deputata di Sinistra Italiana Verdi, ma in questa occasione in veste di rappresentante di lista. Nella terza parte parliamo del festival del giornalismo di Verona con Ernesto Kieffer uno degli organizzatori.

    Muoviti muoviti - 26-02-2024

  • PlayStop

    Playground di lunedì 26/02/2024

    A Playground ci sono le città in cui abitiamo e quelle che vorremmo conoscere ed esplorare. A Playground c'è la musica più bella che sentirai oggi. A Playground ci sono notizie e racconti da tutto il mondo: lo sport e le serie tv, i personaggi e le persone, le ultime tecnologie e le memorie del passato. A Playground, soprattutto, c'è Elisa Graci: per un'ora al giorno parlerà con voi e accompagnerà il vostro pomeriggio. Su Radio Popolare, da lunedì a venerdì dalle 16.30 alle 17.30.

    Playground - 26-02-2024

  • PlayStop

    Mash-Up di lunedì 26/02/2024

    Mash Up è un dj set di musiche e parole diverse, anzi diversissime, che si confondono fra loro all’insegna di un tema diverso.  Anzi, “si pigliano perché non si somigliano”.  Conduce, mixa, legge e ricerca il vostro dj per Matrimoni Impossibili, Piergiorgio Pardo aka Pier Nowhere Mail: mischionepopolare@gmail.com

    Mash-Up - 26-02-2024

  • PlayStop

    Jack di lunedì 26/02/2024

    Per raccontare tutto quello che di interessante accade oggi nella musica e in ciò che la circonda. Anticipazioni e playlist sui canali social di Matteo Villaci.

    Jack - 26-02-2024

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di lunedì 26/02/2024

    Noi e altri animali È la trasmissione che da settembre del 2014 si interroga su i mille intrecci di una coabitazione sul pianeta attraverso letteratura, musica, scienza, costume, linguaggio, arte e storia. Ogni giorno con l’ospite di turno si approfondisce un argomento e si amplia il Bestiario che stiamo compilando. In onda da lunedì a venerdì dalle 14.00 alle 14.30. A cura di Cecilia Di Lieto.

    Considera l’armadillo - 26-02-2024

  • PlayStop

    Storie di Giusti - S3 E5: Jurij Dmitriev

    Jurij Dmitriev è uno storico dell’associazione Memorial, premio Nobel per la Pace 2022. Dobbiamo soprattutto a lui la scoperta di Sandormoch, una delle più grandi fosse comuni di tutti i tempi, in cui vennero abbandonati i corpi di migliaia di vittime delle purghe staliniane. Oggi è in una colonia penale, in quello che è di fatto un ergastolo, a pagare per le peggiori accuse che un padre possa ricevere. Nonostante non ci siano prove contro di lui. Perché uno storico che si occupa di vicende di quasi un secolo fa è così scomodo al potere di oggi? Ospiti: Andrea Gullotta, Zoja Svetova e Anna Zafesova

    Clip - 26-02-2024

  • PlayStop

    Guarda, quella è Sirmione...

    quando lanciamo il nuovo mirabolante progetto social di poveri ma belli, il canale twitch, poi stiliamo la top10 dei manganelli più cool del momento, commentiamo le interviste di Gianstage sul lavoro dei giovani prima di un excursus sulle notti nei villaggi turistici e infine ascoltiamo la prima parte di una nuova puntata di Voeia de Laurà con Andrea, il Liutaio di Villapizzone

    Poveri ma belli - 26-02-2024

Adesso in diretta