Approfondimenti

Il carbone, il nuovo simbolo della guerra

Sono le due del pomeriggio. Un gruppo di minatori ha appena finito il turno di lavoro. Arrivano in superficie dopo sei ore a 500 metri di profondità.

Mascherine, caschetti, tute da lavoro. Tutto coperto di polvere nera. Come le loro facce e le loro mani. Gli occhi sono stanchi. Escono in fila indiana dalle gabbie d’acciaio che li hanno appena portati su. Con loro arriva anche una forte corrente fredda.

Foto di Claudio Maggiolini
Foto di Claudio Maggiolini

Siamo nella miniera di Kalinovskaya, una ventina di chilometri da Donetsk, nella zona di Makeevka. Come tutte le altre miniere della Repubblica Popolare di Donetsk anche questa è ormai sotto il controllo dei separatisti. Un mese fa, per rispondere al blocco commerciale ucraino, hanno nazionalizzato imprese e miniere di carbone.

Questo salto di qualità del conflitto ucraino sta mettendo ulteriormente in crisi l’economia, in Ucraina e qui nelle regioni separatiste dell’Est. La produzione di carbone è in calo. Così come il numero di minatori. Qui a Kalinovskaya lavorano 1.100 persone. Prima della guerra erano quasi 1.400.

Foto Claudio Maggiolini
Foto Claudio Maggiolini

Parliamo con il direttore della miniera (ci ha chiesto di non fare il suo nome) per capire quale sia lo stato di salute del settore minerario, la voce più importante nel bilancio della Repubblica Popolare di Donetsk.

“Prima della guerra e in realtà fino a quest’ultimo blocco commerciale il carbone andava anche in Ucraina. L’Ucraina ha bisogno del nostro carbone. Adesso invece produciamo solo per noi, cerchiamo di mantenere i posti di lavoro e di ottimizzare il ciclo produttivo”.

Ma senza uno sbocco commerciale – la Russia, l’unico partner commerciale delle Repubbliche di Donetsk e Lugansk, non ha bisogno di questo carbone – il sistema economico locale rischia d’implodere. Il direttore non lo dice espressamente, ma lo fa intendere molto bene.

“Noi ci occupiamo della produzione. Cerchiamo di far funzionare al meglio il nostro impianto. Lavoriamo per migliorare la sicurezza dei nostri minatori. Studiamo come alzare la qualità del nostro carbone. Sono i leader politici a dover decidere cosa fare. Sta a loro decidere a chi vendere il carbone”.

Foto Claudio Maggiolini
Foto Claudio Maggiolini

Il blocco sul lato ucraino ha fermato anche alcuni materiali indispensabili alle attività delle miniere dell’Est. Il settore minerario veniva gestito direttamente qui anche prima della guerra. Il ministero ucraino per le miniere e per l’energia non era a Kiev ma a Donetsk. Ora è diventato il ministero della Repubblica Popolare di Donetsk. Nessun rappresentante ha voluto parlare con noi. In questi giorni la questione è troppo delicata. Alcuni funzionari di altri ministeri sono stati licenziati dopo aver parlato con la stampa. Dal futuro del carbone, l’ultimo simbolo di questa guerra, dipenderà il futuro dell’Est dell’Ucraina.

  • Autore articolo
    Emanuele Valenti
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di sabato 28/05/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 29/05/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 27/05/2022 delle 19:50

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 27/05/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Snippet di sabato 28/05/2022

    Un viaggio musicale, a cura di missinred, attraverso remix, campioni, sample, cover, edit, mash up. Sabato dalle 22:45 alle 23.45…

    Snippet - 29/05/2022

  • PlayStop

    News della notte di sabato 28/05/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 29/05/2022

  • PlayStop

    Avenida Brasil di sabato 28/05/2022

    La trasmissione di musica brasiliana di Radio Popolare in onda dal 1995! Da nord a sud, da est ad ovest;…

    Avenida Brasil - 29/05/2022

  • PlayStop

    Gli speciali di sabato 28/05/2022

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 29/05/2022

  • PlayStop

    I girasoli di sabato 28/05/2022

    La trasmissione è un appuntamento con l’arte e la fotografia e con le ascoltatrici e gli ascoltatori che vogliono avere…

    I girasoli - 29/05/2022

  • PlayStop

    Stay human di sabato 28/05/2022

    Ogni sabato dalle 16.30 alle 17.30, musica e parole che ci tirano su il morale in compagnia di Claudio Agostoni…

    Stay human - 29/05/2022

  • PlayStop

    Senti un po’ di sabato 28/05/2022

    Senti un po’ è un programma della redazione musicale di Radio Popolare, curata e condotta da Niccolò Vecchia, che da…

    Senti un po’ - 29/05/2022

  • PlayStop

    Ollearo.con di sabato 28/05/2022

    Un faro nel weekend per orientare la community di RP. Il collante a tenuta super che tiene insieme gli elementi…

    Ollearo.con - 29/05/2022

  • PlayStop

    Good Times di sabato 28/05/2022

    Peace, brass and love: la festa della Banda degli ottoni a scoppio; l’intervista di Ira Rubini a Davide Enia; la…

    Good Times - 29/05/2022

  • PlayStop

    Piovono radio di sabato 28/05/2022

    Il direttore di Radio Popolare Sandro Gilioli a confronto con ascoltatori e ascoltatrici.

    Piovono radio - 29/05/2022

  • PlayStop

    Itaca di sabato 28/05/2022

    Itaca, viaggio nel presente. I giornali, l’attualità, il colloquio con chi ci ascolta. Ogni sabato dalle 8.45 alle 10.30.

    Itaca - 29/05/2022

  • PlayStop

    Mash-Up di sabato 28/05/2022

    A Lunenburg, in primavera, Ilona Staller e Immanuel Kant studiano insieme come muovere le dita nelle variazioni Goldberg, ascoltando Fela…

    Mash-Up - 29/05/2022

  • PlayStop

    News della notte di venerdì 27/05/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 29/05/2022

  • PlayStop

    Psicoradio di venerdì 27/05/2022

    Psicoradio, la radio della mente Nasce nel 2006, frutto della collaborazione tra il Dipartimento di Salute Mentale dell’Azienda Usl di…

    Psicoradio - 29/05/2022

  • PlayStop

    Gli speciali di venerdì 27/05/2022

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 29/05/2022

  • PlayStop

    Ep. 10 – Life After Death – Una realtà inaccettabile

    Life After Death – Una realtà inaccettabile

    Who shot ya - 29/05/2022

  • PlayStop

    Ep. 7 – Our Side Till We Die – Conflitto Tra Coste

    Our Side Till We Die – Conflitto Tra Coste

    Who shot ya - 29/05/2022

  • PlayStop

    Esteri di venerdì 27/05/2022

    1- Egitto. Lo sciopero della fame di Alaa Abdel Fattah, una sfida lanciata al Presidente Al Sisi. Da 56 giorni…

    Esteri - 29/05/2022

  • PlayStop

    Lezioni di antimafia di venerdì 27/05/2022

    “Giustizia, Diritti e Memoria” È il titolo del nuovo e sesto ciclo di lezioni di antimafia che inizia martedì 15…

    Lezioni di antimafia - 29/05/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di venerdì 27/05/2022

    Quando le prime luci della sera… no, non è l’incipit di un romanzo. E’ l’orario in cui va in onda…

    Muoviti muoviti - 29/05/2022

Adesso in diretta