Approfondimenti

I politici che urlano sono passati di moda

Salvini ANSA

Sarà stato il declino del sovranismo in occidente, con la caduta di Trump negli Stati Uniti e le conseguenze fallimentari della Brexit. Sarà stata la pandemia che ha determinato una crisi economica tale da indurre i paesi ricchi ad abbandonare l’austerità a favore di un new deal composto di politiche di spesa e investimenti pubblici. Resta il fatto che in Italia i politici che urlano non vanno più di moda. Conte ha preso le redini del Movimento 5 Stelle, quello che era nato sull’onda del vaffa, dell’aprire il Parlamento come una scatola di tonno, della politica urlata e lo sta trasformando secondo il suo stile in una formazione moderata nei toni. L’altra sera a Milano a una signora che inveiva contro Salvini ha detto: “non faccia così, noi non siamo come gli altri”. Sconcerto dei vecchi militanti grillini.Salvini è stato annichilito dalla pessima fine che ha fatto il suo guru digitale Luca Morisi, l’uomo che lo aveva fatto esplodere nei consensi grazie all’uso aggressivo e violento dei social sulla scorta del metodo della destra radicale negli Stati Uniti. Ma prima ancora e soprattutto Salvini era stato messo sotto accusa dai leghisti che preferiscono governare piuttosto che urlare, da Giorgetti in giù. Nel Pd comanda un ex democristiano famoso per il suo aplomb come Enrico Letta.

Al governo c’è il campione dell’understatement Mario Draghi. Dalla crisi economica del 2008 il mondo occidentale era uscito a destra. Ora, con la ripresa post pandemia da gestire, le scelte fatte sono altre. Si vuole evitare di ripetere gli errori causati dall’ideologia dell’austerità che portarono all’affermazione delle destre alla Trump. Una stagione che a Washington, a Bruxelles e anche a Roma vorrebbero dimenticare. Una stagione che non si può certo definire chiusa per sempre, basti pensare a casa nostra dove una come Giorgia Meloni, che più che dal mondo sovranista arriva direttamente dall’ex Movimento Sociale, potrebbe vincere le elezioni. Serve abbassare i toni, come si diceva qualche anno fa. Servono politici seri e affidabili. E se non ci sono, bisogna un po’ inventarseli. Come si sta cercando di fare da noi.

  • Autore articolo
    Luigi Ambrosio
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di venerdì 19/08/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 19/08/2022

Ultimo Metroregione

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    La Portiera di venerdì 19/08/2022

    Dopo aver rivoltato la redazione della radio come un calzino durante le vacanze invernali, Cinzia Poli ritorna in portineria per…

    La Portiera - 19/08/2022

  • PlayStop

    Il live degli Arpioni a All You Need Is Pop 2022

    Il concerto degli Arpioni alla festa di Radio Popolare

    All you need is pop 2022 - 19/08/2022

  • PlayStop

    Conduzione musicale di venerdì 19/08/2022 delle 15:36

    Un viaggio musicale sempre diverso insieme ai nostri tanti bravissimi deejay: nei giorni festivi, qua e là, ogni volta che…

    Conduzione musicale - 19/08/2022

  • PlayStop

    Puntata 5 - The River/Dove avevano abitato

    B. Springsteen, The Promised Land, The River, Downbound Train (Kurt Vile) E. Morricone, The Mission, Colonna sonora

    American Life - 19/08/2022

  • PlayStop

    Poveri ma belli di venerdì 19/08/2022

    Un percorso attraverso la stratificazione sociale italiana, un viaggio nell’ascensore sociale del Belpaese, spesso rotto da anni e in attesa…

    Poveri ma belli - 19/08/2022

  • PlayStop

    Not an ordinary Joe di venerdì 19/08/2022

    Il 21 agosto di quest’anno Joe Strummer avrebbe compiuto 70 anni. Ma se n’è andato di colpo il dicembre di…

    Not an ordinary Joe - 19/08/2022

  • PlayStop

    La Scatola Magica di venerdì 19/08/2022

    La scatola magica? una radio? una testa? un cuore? un baule? questo e altro, un'ora di raccolta di pensieri, parole,…

    La Scatola Magica - 19/08/2022

  • PlayStop

    Radiosveglia di venerdì 19/08/2022

    Radiosveglia è il nostro “contenitore” per l’informazione dei mattini d’estate. Dalle 7.45 alle 10, i fatti del giorno, (interviste, commenti,…

    Radiosveglia - 19/08/2022

  • PlayStop

    Caffè Shakerato di venerdì 19/08/2022

    In agosto il caffè del mattino si raffredda con un risveglio musicale e con il primissimo sfoglio dei quotidiani ancora…

    Caffè Shakerato - 19/08/2022

  • PlayStop

    News della notte di giovedì 18/08/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 19/08/2022

  • PlayStop

    Conduzione musicale di giovedì 18/08/2022 delle 21:00

    Un viaggio musicale sempre diverso insieme ai nostri tanti bravissimi deejay: nei giorni festivi, qua e là, ogni volta che…

    Conduzione musicale - 19/08/2022

  • PlayStop

    Popsera di giovedì 18/08/2022

    Popsera è lo spazio che dedicheremo all’informazione nella prima serata per tutta l’estate. Si comincia alle 18.35 con le notizie…

    Popsera - 19/08/2022

  • PlayStop

    La Portiera di giovedì 18/08/2022

    Dopo aver rivoltato la redazione della radio come un calzino durante le vacanze invernali, Cinzia Poli ritorna in portineria per…

    La Portiera - 19/08/2022

  • PlayStop

    Democrazia, maneggiare con cura. Una difesa preventiva di valori e principi fondamentali

    Ospiti di Lele Liguori: Ota De Leonardis, sociologa, ha insegnato all’Università Bicocca, fa parte del comitato scientifico del Centro per…

    All you need is pop 2022 - 19/08/2022

Adesso in diretta