Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR di mer 29/01 delle ore 08:30

    GR di mer 29/01 delle ore 08:30

    Giornale Radio - 29/01/2020

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mer 29/01

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 29/01/2020

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mer 29/01 delle 07:15

    Metroregione di mer 29/01 delle 07:15

    Rassegna Stampa - 29/01/2020

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Il demone del tardi - copertina di mer 29/01

    Il demone del tardi - copertina di mer 29/01

    Il demone del tardi - 29/01/2020

  • PlayStop

    Fino alle otto di mer 29/01 (terza parte)

    Fino alle otto di mer 29/01 (terza parte)

    Fino alle otto - 29/01/2020

  • PlayStop

    Fino alle otto di mer 29/01 (prima parte)

    Fino alle otto di mer 29/01 (prima parte)

    Fino alle otto - 29/01/2020

  • PlayStop

    Fino alle otto di mer 29/01 (seconda parte)

    Fino alle otto di mer 29/01 (seconda parte)

    Fino alle otto - 29/01/2020

  • PlayStop

    Fino alle otto di mer 29/01

    Fino alle otto di mer 29/01

    Fino alle otto - 29/01/2020

  • PlayStop

    Stile Libero di mar 28/01

    Stile Libero di mar 28/01

    Stile Libero - 29/01/2020

  • PlayStop

    Notte Vulnerabile di mar 28/01

    Notte Vulnerabile di mar 28/01

    Notte vulnerabile - 29/01/2020

  • PlayStop

    L'altro martedi' di mar 28/01

    L'altro martedi' di mar 28/01

    L’Altro Martedì - 29/01/2020

  • PlayStop

    Wi-Fi Area del mar 28/01

    Wi-Fi Area del mar 28/01

    Wi-fi Area - 29/01/2020

  • PlayStop

    Ora di punta di mar 28/01 (prima parte)

    Ora di punta di mar 28/01 (prima parte)

    Ora di punta – I fatti del giorno - 29/01/2020

  • PlayStop

    Ora di punta di mar 28/01 (seconda parte)

    Ora di punta di mar 28/01 (seconda parte)

    Ora di punta – I fatti del giorno - 29/01/2020

  • PlayStop

    Esteri di mar 28/01

    1- Donald Trump mette i palestinesi davanti al fatto compiuto. Il suo piano di pace presentato questa sera è una…

    Esteri - 29/01/2020

  • PlayStop

    Ora di punta di mar 28/01

    Ora di punta di mar 28/01

    Ora di punta – I fatti del giorno - 29/01/2020

  • PlayStop

    Malos di mar 28/01 (prima parte)

    Malos di mar 28/01 (prima parte)

    MALOS - 29/01/2020

  • PlayStop

    Malos di mar 28/01 (seconda parte)

    Malos di mar 28/01 (seconda parte)

    MALOS - 29/01/2020

  • PlayStop

    Due di due di mar 28/01 (prima parte)

    Al telefono Donata Columbro, attivista di #cipassalafame, per raccontarci perché il 28 dovremmo digiunare a sostegno dei migranti. (prima parte)

    Due di Due - 29/01/2020

  • PlayStop

    Due di due di mar 28/01 (seconda parte)

    Parliamo con gli ascoltatori di Kobe Bryant e di altre celebrità dello sport, musica e spettacolo la cui scomparsa ci…

    Due di Due - 29/01/2020

  • PlayStop

    Jack di mar 28/01 (seconda parte)

    Jack di mar 28/01 (seconda parte)

    Jack - 29/01/2020

  • PlayStop

    Jack di mar 28/01 (prima parte)

    Jack di mar 28/01 (prima parte)

    Jack - 29/01/2020

  • PlayStop

    Considera l'armadillo mar 28/01

    Considera l'armadillo mar 28/01

    Considera l’armadillo - 29/01/2020

Adesso in diretta

Approfondimenti

“I fatti di Colonia? Nulla di organizzato”

Dopo gli stupri della notte di Capodanno a Colonia, si sono moltiplicate le denunce a danno di stranieri, in Germani e non solo. Il ministro della Giustizia tedesco Heiko Mass ha parlato di attacchi un’orda organizzata per commettere reati. “Nulla di tutto questo”, è la replica dai microfoni di Radio Popolare del sociologo Stefano Allievi, professore all’Università degli studi di Padova ed esperto di Islam. Erano persone fuori controllo, ubriache e moleste, ma non “stupratori organizzati”.

“Cospicui gruppi di immigrati si organizzano per fare casino e stare insieme in luoghi pubblici perché non hanno altri posti dove stare”, aggiunge Allievi. Un fenomeno datato: anche gli emigranti italiani facevano lo stesso. E anche loro avevano una concezione della donna “più arretrata” rispetto ai posti in cui si spostabvano: “un atteggiamento protettivo verso le proprie e offensivo verso quelle degli altri”, sintetizza il professore. Lo stesso che ha spinto un’ottantina di persona ubriache a commettere ciò che fa discutere ancora oggi, a dieci giorni di distanza.

Se i fenomeni sono sostanzialmente gli stessi, la novità sta nei numeri e nella velocità dei processi sociali: la concentrazione di migranti che si trova ora è sconosciutra ad altre fasi della storia. Questa alta concentrazione insieme all’alterazione dovuta all’alcol sta all’origine di quanto è accaduto.

Ora la violenza sulle donne, però, sta diventando un alibi per promuovere politiche restrittive verso i diritti dei migranti. “Quando anche in Germania si ipotizza di espellere un rifugiato anche se solo sospettato di commettere un reato è qualcosa di grave”. Nonostante questo alla fine la risposta della polizia tedesca verrà considerata buona ma “la legge deve rimanere davvero uguale per tutti”. Le denunce sporte in questi giorni sono state 60 per molestie sessuali: una crescita del 40 per cento.

Ascolta l’intervista completa a cura di Michele Migone

Stefano Allievi

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni