Approfondimenti

I confini ungheresi sempre più blindati

L’Ungheria di Viktor Orbán porta avanti, con grande determinazione, il suo progetto di autodifesa dai flussi migratori. Sono note la decisione del governo di rafforzare la barriera antimigranti al confine con la Serbia e l’approvazione del Parlamento della legge che prevede la detenzione preventiva dei richiedenti asilo in campi situati ai confini con la Serbia e la Croazia. Da ultimo, il ministro della Difesa István Simicskó ha inaugurato l’ultima delle quattro basi militari create lungo la frontiera meridionale del Paese.

Si tratta di piccole installazioni destinate a ospitare dei soldati che dovranno aiutare gli agenti di polizia nelle operazioni di pattugliamento dei confini e di fermo dei migranti che cercano di entrare in Ungheria dalla Serbia. Tali strutture, provviste di container, possono ospitare ciascuna 150 militari e sono state realizzate con l’aiuto di soldati austriaci.

Inaugurando le basi, il ministro Simicskó ha affermato che l’Ungheria condivide con la confinante Austria la volontà di dar luogo a una difesa più efficace dei confini nazionali dai flussi migratori che, secondo il primo ministro Orbán, costituiscono un serio pericolo per la sopravvivenza dell’Europa e della sua identità culturale cristiana e sono un potenziale veicolo di terrorismo. Per questo il Paese sta blindando sempre di più le sue frontiere situate in corrispondenza di una delle principali rotte seguite dai migranti al fine di raggiungere i Paesi dell’Europa settentrionale.

Sono circa tremila, attualmente, i soldati che collaborano con la polizia di frontiera per arrestare i migranti che riescono a superare la barriera metallica e di fil di ferro situata lungo tutto il confine con la Serbia.

Restando in tema, va segnalata la reazione delle autorità ungheresi al verdetto della Corte europea dei Diritti dell’Uomo che ha condannato l’Ungheria per una vicenda risalente al 2015. Due profughi del Bangladesh avevano accusato le autorità di Budapest di essere stati maltrattati, la denuncia era stata presentata alla Corte dalla Tasz, l’Associazione dei diritti fondamentali, una Ong finanziata in parte da George Soros, miliardario statunitense di origine ungherese. Nel verdetto, la Corte europea dei Diritti dell’Uomo ha condannato l’Ungheria a risarcire i due richiedenti asilo versando loro la somma di 10.000 euro a testa.

Le autorità di Budapest, però, non accettano questo responso che considerano ingiusto dal momento che, come dice György Bakondi, consigliere di Viktor Orbán per la sicurezza, il Paese si è fatto carico della difesa di tutta l’Europa dall’invasione dei migranti. Ma c’è di più: in Parlamento, un deputato della maggioranza ha chiesto che l’Ungheria esca dalla Convenzione europea per la salvaguardia dei Diritti dell’Uomo, onde evitare, in futuro, condanne di questo genere.

Massimo Congiu è direttore dell’Osservatorio Sociale Mitteleuropeo, un’agenzia che si propone di monitorare il mondo del lavoro e degli affari sociali in Ungheria, Slovacchia e Repubblica Ceca.

logo-congiu

  • Autore articolo
    Massimo Congiu
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mercoledì 25/05/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 25/05/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mercoledì 25/05/2022 delle 7:15

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 25/05/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Il demone del tardi di mercoledì 25/05/2022

    a cura di Gianmarco Bachi

    Il demone del tardi - 25/05/2022

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di mercoledì 25/05/2022

    Notizie, opinioni, punti di vista tratti da un'ampia gamma di fonti - stampa cartacea, social media, Rete, radio e televisioni…

    Rassegna stampa internazionale - 25/05/2022

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di mercoledì 25/05/2022

    Notizie, opinioni, punti di vista tratti da un'ampia gamma di fonti - stampa cartacea, social media, Rete, radio e televisioni…

    Esteri – La rassegna stampa dei giornali internazionali - 25/05/2022

  • PlayStop

    Caffè nero bollente di mercoledì 25/05/2022

    Ogni mattina dalle 6 alle 7 insieme a Florencia Di Stefano-Abichain sfogliamo i giornali, ascoltiamo bella musica e ci beviamo…

    Caffè Nero Bollente - 25/05/2022

  • PlayStop

    Hexagone di mercoledì 25/05/2022

    Un viaggio alla scoperta della musica francofona con Alberto Visconti. Alberto Visconti, già voce e leader del gruppo L’Orage, propone…

    Hexagone - 25/05/2022

  • PlayStop

    Jailhouse Rock di martedì 24/05/2022

    Suoni, suonatori e suonati dal mondo delle prigioni Jailhouse Rock è una trasmissione radiofonica in onda su Radio Popolare e…

    Jailhouse Rock - 25/05/2022

  • PlayStop

    Jailhouse Rock di martedì 24/05/2022

    Suoni, suonatori e suonati dal mondo delle prigioni Jailhouse Rock è una trasmissione radiofonica in onda su Radio Popolare e…

    Jailhouse Rock - 25/05/2022

  • PlayStop

    News della notte di martedì 24/05/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 25/05/2022

  • PlayStop

    L'altro martedì di martedì 24/05/2022

    Dal 14 settembre dalle ore 22.00 alle 22.30 alla sua quarantunesima edizione L’Altro Martedì, la trasmissione LGBT+ di Radio Popolare…

    L’Altro Martedì - 25/05/2022

  • PlayStop

    Doppio Click di martedì 24/05/2022

    Doppio Click è la trasmissione di Radio Popolare dedicata ai temi di attualità legati al mondo di Internet e delle…

    Doppio Click - 25/05/2022

  • PlayStop

    Gli speciali di martedì 24/05/2022

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 25/05/2022

  • PlayStop

    Gli speciali di martedì 24/05/2022

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 25/05/2022

  • PlayStop

    Esteri di martedì 24/05/2022

    - Guerra In Ucraina. La Russia comincia ad ammettere in modo implicito le sue difficoltà sul campo. - Cina. ”'sparare…

    Esteri - 25/05/2022

  • PlayStop

    Esteri di martedì 24/05/2022

    Il giro del mondo in 24 ore. Ideato da Chawki Senouci Data di nascita: 6 ottobre 2003 (magazine domenicale di…

    Esteri - 25/05/2022

  • PlayStop

    The Game di martedì 24/05/2022

    1) “La pandemia ha avuto effetti di rilevanza storica, che vanno al di là di quelli sanitari, ovviamente importanti”. Parla…

    The Game - 25/05/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di martedì 24/05/2022

    Dove ci si getta sull'attualità raccontando, con ascoltatori e ascoltatrici, la grandinata che sta colpendo il nord di Milano. Poi…

    Muoviti muoviti - 25/05/2022

  • PlayStop

    Intervista a Emilio Isgrò di Tiziana Ricci

    Ricordiamoci cosa significa la cancellatura per Emilio Isgrò: non significa annullare, nascondere, togliere di mezzo, bensì esaltare un testo, proteggerlo,…

    Clip - 24/05/2022

Adesso in diretta