Approfondimenti

I cancelli chiusi di Idomeni

Idomeni, due settimane dopo l’ultimo viaggio. “I migranti continuano a chiedermi se quel cancello al confine tra Grecia e Macedonia si aprirà. Gli ho detto che per le notizie che ci sono ora la risposta è propbabilmente mai”. L’inviato di Controradio Claudio Gherardini torna al campo profughi di confine tra Grecia e Macedonia. Giusto pochi giorni fa sembrava che il campo fosse in via di smantellamento: il 25 marzo una ventina di autobus avevano cominciato a portare i migranti in altre strutture ufficiali, ben più lontane dal confine. Tutti gli imbarcati sui pullman hanno scelto di allontanarsi volontariamente dal campo. “Il colpo d’occhio oggi è molto diverso – racconta Gherardini – ci sono ancora 11.500 persone, di cui tantissimi bambini”. Medici senza frontiere ha costruito dei nuovi tendoni: sei dal 13 marzo ad oggi. “L’obiettivo dell’ong è evitare che i migranti stiano in questi igloo dove le condizioni di vita non sono degne, anche se il fango è quasi scomparso e c’è beltempo”, aggiunge.

In tutto sono stati tra gli 800 e i mille i migranti trasferiti il rpimo giorno di smobilitazione a Katerini, Veria e Lamia. Ma da allora gli arrivi a Idomeni non si sono fermati. Il responsabile Unhcr in Grecia Babar Baloch aveva annunciato che le manovre al campo avrebbero avuto l’obiettivo di svuotare il campo, mano a mano che le strutture ufficiali si svuotano. Questo è ciò che è previsto negli accordi Unione europea Turchia.

Il 20 marzo è stata la data dell’accordo. E da allora c’è stata un’inversione di tendenza nelle rotte migratorie. La via privilegiata è tornata ad essere quella del Mediterraneo Centrale. Nei primi tre mesi del 2016 gli arrivi in Italia dalla Libia sono stati 18.234, l’80 per cento in più del 2015. Flavio di Giacomo, portavoce dell’Organizzazione Mondiale dell’Immigrazione per l’Italia, su Twitter scrive che negli ultimi tre giorni sono sbarcate 4 mila persone e che il 31 marzo, a largo delle coste libiche, c’è stato l’ennesimo naufragio. La stima è di 89 vittime.

L’Italia torna ad essere un’opzione anche per chi inizialmente pensava di entrare in Europa dalla Grecia. “Molti – ci racconta Claudio Gherardini – mi dicono di pensare ad un’alternativa in Albania”. Da qui poi, come gli albanesi all’inizio degli anni Novanta, si dirigerebbero in Italia. Corsi e ricorsi della storia.

Ascolta Claudio Gherardini intervistato da Lorenza Ghidini e Gianmarco Bachi al Demone del tardi

Claudio Gherardini da Idomeni

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di venerdì 07/10/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 10/07/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 07/10/2022 delle 19:50

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 10/07/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Camere Oscure di venerdì 07/10/2022

    Camere Oscure è la trasmissione che Radio Popolare dedica alla campagna elettorale. Da lunedì 12 a venerdi' 24 settembre, tutti…

    Camere Oscure - 10/07/2022

  • PlayStop

    Esteri di venerdì 07/10/2022

    1-Vicini all’apocalisse, Il mondo secondo Joe Biden, ma per la Cnn il monito del presidente americano a Putin sull’uso dell’atomica…

    Esteri - 10/07/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di venerdì 07/10/2022

    (19 - 210) Dove si scoprono le nuove frontiere del marketing dello spaccio e ci si lamenta delle novità che…

    Muoviti muoviti - 10/07/2022

  • PlayStop

    Di tutto un boh di venerdì 07/10/2022

    l’Italia è una repubblica fondata sul sentito dire. Tra cliché e cose spiegate male, è un attimo perdersi un pezzo…

    Di tutto un boh - 10/07/2022

  • PlayStop

    Jack Box di venerdì 07/10/2022

    Jack Box è lo scatolone musicale di Jack del venerdi, dal quale estraiamo i suoni che hanno caratterizzato la settimana,…

    Jack Box - 10/07/2022

  • PlayStop

    Gian Mario Villalta ospite di Ira Rubini

    Gianmario Villalta, poeta e direttore di PordenoneLegge, era in giuria al Premio Hemingway quando il riconoscimento fu assegnato ad Annie…

    Clip - 10/07/2022

  • PlayStop

    Gian Mario Villalta ospite di Ira Rubini

    Gianmario Villalta, poeta e direttore di PordenoneLegge, era in giuria al Premio Hemingway quando il riconoscimento fu assegnato ad Annie…

    Clip - 10/07/2022

  • PlayStop

    Jack di venerdì 07/10/2022

    Nuove uscite e notizie musicali.

    Jack - 10/07/2022

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di venerdì 07/10/2022

    Con Telmo Pievani abbiamo parlato del suo libro "La natura è più grande di noi, Storie di microbi, di umani…

    Considera l’armadillo - 10/07/2022

  • PlayStop

    Poveri ma belli di venerdì 07/10/2022

    Un percorso attraverso la stratificazione sociale italiana, un viaggio nell’ascensore sociale del Belpaese, spesso rotto da anni e in attesa…

    Poveri ma belli - 10/07/2022

  • PlayStop

    Cult di venerdì 07/10/2022

    Oggi a Cult: Cecilia Di Lieto presenta il suo "Me l'ha detto l'armadillo" (ed. Altreconomia); la rubrica di lirica a…

    Cult - 10/07/2022

  • PlayStop

    37e2 di venerdì 07/10/2022

    Torniamo a parlare di pandemia attraverso la presentazione del libro “Dissenso informato”; prosegue il nostro viaggio negli ospedali lombardi: oggi…

    37 e 2 - 10/07/2022

  • PlayStop

    Thomas Gunzig. Il sangue delle bestie.

    THOMAS GUNZIG – IL SANGUE DELLE BESTIE – presentato da IRA RUBINI

    Note dell’autore - 10/07/2022

  • PlayStop

    Prisma di venerdì 07/10/2022

    LA BOMBA SOCIALE DEI RISCALDAMENTI CENTRALIZZATI, TRA BOLLETTE TRIPLICATE ED I PRIMI DISTACCHI Leonardo Caruso, presidente Anaci – Associazione Nazionale…

    Prisma - 10/07/2022

  • PlayStop

    Il giorno delle locuste di venerdì 07/10/2022

    Le locuste arrivano come orde, mangiano tutto quello che trovano sul loro cammino e lasciano solo desertificazione e povertà. Gianmarco…

    Il giorno delle locuste - 10/07/2022

  • PlayStop

    Il demone del tardi di venerdì 07/10/2022

    a cura di Gianmarco Bachi

    Il demone del tardi - 10/07/2022

Adesso in diretta