Approfondimenti

Se il global warming non fa più paura

Alla vigilia dell’importantissimo Vertice sul Clima di Parigi la questione ambientale e il surriscaldamento del pianeta non sono ancora tra le priorità dell’opinione pubblica mondiale. Lo dice un sondaggio pubblicato dalla britannica BBC e realizzato dall’istituto di ricerche GlobeScan. Secondo questo sondaggio, realizzato intervistando circa ventimila persone in venti paesi diversi, meno della metà della popolazione mondiale considera il clima una questione importante.

Solo in quattro paesi – Canada, Spagna, Francia e Gran Bretagna – la maggioranza della popolazione vorrebbe che i rispettivi governi adottassero misure più rigide in materia ambientale e assumessero un ruolo guida nel negoziato che comincerà domani a Parigi. Sulla carta, stando a questi indicatori, i politici che nei prossimi giorni dovranno prendere delle decisioni importanti sul clima sentiranno meno il peso della responsabilità. Ma in realtà la COP21 che si apre domani nella capitale francese sarà un passaggio delicatissimo per fermare o rallentare i cambiamenti climatici. Sul tavolo c’è un accordo che dovrebbe sostituire Il Protocollo di Kyoto, firmato nel 1997.

Dopo il fallimento della Conferenza sul Clima di Copenhagen (2009) la classe politica è più attenta al tema del clima. L’opinione pubblica, però, non sembra andare nella stessa direzione. E l’Italia lo dimostra piuttosto bene. “Nel nostro paese – ci spiega Gianni Silvestrini, autore del libro 2 Gradi. Innovazioni radicali per vincere la sfida del clima e trasformare l’economia – i media, e in parte anche la politica, hanno dedicato pochissimo spazio alla Conferenza di Parigi. È stato tutto sottotraccia. Speriamo che questo appuntamento risvegli l’attenzione italiana. Anche perché la necessità di cambiare modello di sviluppo è una grande opportunità per creare posti di lavoro. E ricordiamoci che il 2 dicembre, proprio in concomitanza con la Conferenza di Parigi, la Commissione Europea lancerà il pacchetto sull’economia circolare, il driver che insieme all’energia sostenibile guiderà gli investimenti nei prossimi 15 anni”.

La crisi economica di questi anni non ha certo aiutato la causa del clima. La perdita di posti di lavoro, quindi la perdita di certezze, ha reso l’opinione pubblica mondiale, soprattutto nei paesi occidentali, impermeabile alla necessità di cambiare modello di sviluppo. Ma nonostante questo, rispetto al 2009, quindi rispetto alla Conferenza di Copenhagen, i governi sono sicuramente più preparati e più predisposti ad assumere degli impegni vincolanti.

 

Ascolta Gianni Silvestrini che spiega come sia cambiato, nonostante diversi ostacoli, l’approccio della classe politica

GIANNI SILVESTRINI LA POLITIC

Ascolta Gianni Silvestrini che racconta per quale motivo alla vigilia della Conferenza di Parigi possiamo essere ottimisti

GIANNI SILVESTRINI L’OTTIMISM

  • Autore articolo
    Emanuele Valenti
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di lunedì 27/06/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 27/06/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di lunedì 27/06/2022 delle 7:15

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 27/06/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    The Game di lunedì 27/06/2022

    Soldi, lavoro, avidità, disoccupazioni: il grande gioco dell’economia smontato ogni giorno da Raffaele Liguori.

    The Game - 27/06/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di lunedì 27/06/2022

    Quando le prime luci della sera… no, non è l’incipit di un romanzo. E’ l’orario in cui va in onda…

    Muoviti muoviti - 27/06/2022

  • PlayStop

    Di tutto un Boh. Mal di mare e vermi del polistirolo

    Con Andrea Bellati e Gaia Grassi

    Di tutto un boh - 27/06/2022

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di lunedì 27/06/2022

    Noi e altri animali È la trasmissione che da settembre del 2014 si interroga su i mille intrecci di una…

    Considera l’armadillo - 27/06/2022

  • PlayStop

    Jack di lunedì 27/06/2022

    Lo spinotto musicale di Radio Popolare si prende cura del vostro primo pomeriggio e della vostra passione per la musica,…

    Jack - 27/06/2022

  • PlayStop

    Poveri ma belli di lunedì 27/06/2022

    Un percorso attraverso la stratificazione sociale italiana, un viaggio nell’ascensore sociale del Belpaese, spesso rotto da anni e in attesa…

    Poveri ma belli - 27/06/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di lunedì 27/06/2022 delle 12:48

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 27/06/2022

  • PlayStop

    Cult di lunedì 27/06/2022

    Oggi a Cult, il quotidiano culturale di Radio Popolare in onda alle 11.30: la nuova edizione di Suoni Mobili a…

    Cult - 27/06/2022

  • PlayStop

    Carla De Bernardi, Storia di Milano. Guida per curiosi e ficcanaso

    CARLA DE BERNARDI - STORIA DI MILANO. GUIDA PER CURIOSI E FICCANASO – presentato da IRA RUBINI

    Note dell’autore - 27/06/2022

  • PlayStop

    Tutto scorre di lunedì 27/06/2022

    Sguardi, opinioni, vite, dialoghi ai microfoni di Radio Popolare.

    Tutto scorre - 27/06/2022

  • PlayStop

    Prisma di lunedì 27/06/2022

    Commentiamo i risultati delle elezioni comunali con Daniela Preziosi, Carlo Galli e Claudio Jampaglia. Covid, la nuova ondata spiegata da…

    Prisma - 27/06/2022

  • PlayStop

    Guarda che Lune di lunedì 27/06/2022

    Il contenitore del lunedì mattina che vi racconta cosa raccontano i giornali, come comunica la politica, le aziende e i…

    Guarda che Lune - 27/06/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di lunedì 27/06/2022 delle 7:47

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 27/06/2022

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di lunedì 27/06/2022

    Notizie, opinioni, punti di vista tratti da un'ampia gamma di fonti - stampa cartacea, social media, Rete, radio e televisioni…

    Rassegna stampa internazionale - 27/06/2022

  • PlayStop

    Caffè nero bollente di lunedì 27/06/2022

    Ogni mattina dalle 6 alle 7 insieme a Florencia Di Stefano-Abichain sfogliamo i giornali, ascoltiamo bella musica e ci beviamo…

    Caffè Nero Bollente - 27/06/2022

  • PlayStop

    Reggae Radio Station di lunedì 27/06/2022

    A ritmo di Reggae Reggae Radio Station accompagna discretamente l’ascoltatore in un viaggio attraverso le svariate sonorità della Reggae Music…

    Reggae Radio Station - 27/06/2022

  • PlayStop

    Gli speciali di domenica 26/06/2022

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 27/06/2022

Adesso in diretta