Approfondimenti

I 72 giorni (irripetibili e straordinari) della Comune di Parigi

Questo non è un sogno, né un appello, tantomeno un programma politico per rimettersi in piedi dopo qualche decennio di sconfitte che cominciano a bruciare per davvero. Ma alzi la mano chi, di sinistra o sedicente tale, oggi, centocinquant’anni e molte mediazioni dopo, non sente una stretta alla bocca dello stomaco davanti a un’idea di mondo così radicale, coerente, tempestiva e realizzata, se pure solo per 72 giorni irripetibili. Cominciamo dalla scuola. La Comune ne stabilisce l’immediata separazione dalla Chiesa: l’istruzione diventa obbligatoria, gratuita e impostata su basi scientifiche. Nessun oggetto di culto è ammesso negli edifici scolastici, e se gli avessimo dato retta ci saremmo risparmiati decenni di caciara sui crocifissi nelle aule. Se la scuola è importante, lo diventano anche gli insegnanti: gli stipendi dei maestri vengono raddoppiati e quelli delle maestre parificati a quelli degli uomini. Non ci vuole molto, in fondo, soprattutto se si parte da 1200 euro al mese, come oggi.

Il materiale scolastico, per mettere tutti sulla stessa linea di partenza
davvero, è fornito dallo stato. Se i comunardi sapessero che ancora oggi un ragazzo sceglie il liceo in base al costo dei libri di testo… Nascono perfino i primi asili, e su questo punto, sul presente, non c’è davvero bisogno di infierire. In campo economico uno dei primi provvedimenti è la sospensione della vendita degli oggetti affidati dai poveri al Monte di pietà e la restituzione di indumenti, biancheria, mobili, libri e utensili da lavoro che non avessero un valore superiore a 20 franchi. Visto dalla bolla dei compro oro, fa una certa invidia. Gli sfratti sono bloccati. Gli stipendi delle cariche pubbliche sono parificati a quelli di un operaio specializzato, mentre noi stiamo qui a spaccare il capello sul diritto al vitalizio. Alle famiglie dei caduti durante gli scontri viene garantita una pensione: a tutte le famiglie, formali e informali, a tutte le vedove, sposate o meno, a tutti i figli, legittimi e naturali.

Le case di tolleranza vengono chiuse (e immediatamente riaperte dopo la fine della comune). Il lavoro. Per gli operai di fabbriche abbandonate in seguito ai tumulti si sancisce la possibilità di assumerne la proprietà e la gestione, anzi l’autogestione, come si direbbe (e non si farebbe) oggi. Il lavoro notturno viene vietato, con grande scorno dei ricchi proprietari dei forni, e si propone, senza arrivare ad imporla, la giornata lavorativa di otto ore: una conquista che in Italia, per dire, avrebbe avuto bisogno di un altro mezzo secolo buono per essere anche solo enunciata. Insomma, a scorrere i decreti e le decisioni assunte in tutti questi campi dal governo della Comune viene davvero da pensare che hanno fatto di più in quei due mesi i parigini tra una
barricata e l’altra che tutti noi nei 150 anni che sono seguiti. Ma la storia non è finita, e la Comune di Parigi, nel momento stesso in cui viene soffocata nel sangue (per inciso da un governo di centrosinistra), consegna tutte le sue conquiste e le installa per sempre, a beneficio nostro e soprattutto di quelli che verranno dopo di noi, nel dominio del possibile. Un sogno? Forse, ma per realizzarlo bisogna svegliarsi.

Foto |La costruzione della Basilica del Sacro Cuore, sollecitata anche dall’arcivescovo di Parigi, Joseph Hippolyte Guibert, fu decretata da una votazione dell’Assemblea nazionale il 23 luglio 1873 dopo la sconfitta del 1871 per espiare i crimini dei Comunardi

  • Autore articolo
    Diana Santini
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mar 13/04/21 delle 07:15

    Metroregione di mar 13/04/21 delle 07:15

    Rassegna Stampa - 13/04/2021

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    From Genesis to Revelation di mar 13/04/21

    From Genesis to Revelation di mar 13/04/21

    From Genesis To Revelation - 13/04/2021

  • PlayStop

    Jazz Anthology di lun 12/04/21

    Jazz Anthology di lun 12/04/21

    Jazz Anthology - 13/04/2021

  • PlayStop

    News Della Notte di lun 12/04/21

    News Della Notte di lun 12/04/21

    News della notte - 04/12/2021

  • PlayStop

    Jailhouse Rock di lun 12/04/21

    Mannarino

    Jailhouse Rock - 04/12/2021

  • PlayStop

    A casa con voi di lun 12/04/21

    - collegamento con Londra ..- punto metro..- rubrica sport e società di Andrea Cegna..- cose molto umane

    A casa con voi - 04/12/2021

  • PlayStop

    Ora di punta di lun 12/04/21

    Ora di punta di lun 12/04/21

    Ora di punta – I fatti del giorno - 04/12/2021

  • PlayStop

    Esteri di lun 12/04/21

    1-Ecuador: il suicidio della sinistra. Per punire il movimento progressista di Correa ha scelto il candidato della destra liberista vicino…

    Esteri - 04/12/2021

  • PlayStop

    Sunday Blues di lun 12/04/21

    Sunday Blues di lun 12/04/21

    Sunday Blues - 04/12/2021

  • PlayStop

    La pillola va giu di lun 12/04/21

    La pillola va giu di lun 12/04/21

    La Pillola va giù - 04/12/2021

  • PlayStop

    Considera l'armadillo lun 12/04/21

    Considera l'armadillo lun 12/04/21

    Considera l’armadillo - 04/12/2021

  • PlayStop

    Gimme Shelter di lun 12/04/21

    Puntata 33 - Le case della scacchiera del rock e dell’architettura. Le donne, il Bauhaus e il rock in cerca…

    Gimme Shelter - 04/12/2021

  • PlayStop

    Jack di lun 12/04/21

    Jazmine Sullivan - a cura di Claudio Agostoni

    Jack - 04/12/2021

  • PlayStop

    Record Store di lun 12/04/21

    Un breve viaggio nella musica soul all'interno del cinema degli ultimi 50 anni

    Record Store - 04/12/2021

  • PlayStop

    Senti un po' di lun 12/04/21

    Senti un po' di lun 12/04/21

    Senti un po’ - 04/12/2021

  • PlayStop

    DOC di lun 12/04/21

    DOC 33 - HAVE A GOOD TRIP: ADVENTURES IN PSYCHEDELICS - ..Un viaggio attraverso le sostanze psicotrope e i loro…

    DOC – Tratti da una storia vera - 04/12/2021

  • PlayStop

    Rosalba Maletta su Durs Grunbein, Il bosco bianco

    ROSALBA MALETTA SU DURS GRUNBEIN - IL BOSCO BIANCO - presentato da IRA RUBINI

    Note dell’autore - 04/12/2021

  • PlayStop

    Cult di lun 12/04/21

    cult, ira rubini, flashmob magnificat, arianna scommegna, san satiro, san giorgio, san lorenzo, don walter magnoni, parrocchia sociale diocesi milano,…

    Cult - 04/12/2021

  • PlayStop

    Sui Generis di lun 12/04/21

    Con Pia Covre, storica attivista, prostituta, fondatrice del Comitato per i diritti delle prostitute onlus, facciamo il punto sulla situazione…

    Sui Generis - 04/12/2021

Adesso in diretta