Approfondimenti

Le violenze nel carcere di Caserta, la scelta degli azzurri e le altre notizie della giornata

Roberto Mancini

Il racconto della giornata di lunedì 28 giugno 2021 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Tortura, 52 agenti e dirigenti sono indagati per violenze contro i detenuti nel carcere di Santa Maria Capua Vetere, in provincia di Caserta. “Li abbattiamo come i vitelli”, era una delle frasi che si scrivevano in chat. Ai microfoni di Radio Popolare parla la moglie di una delle vittime. Il premier Conte offre a Grillo “un ruolo di garante” e chiede agli iscritti a Cinque Stelle un voto. C’è l’accordo sulla proroga selettiva al blocco dei licenziamenti. Da questa mattina tutto il Paese è zona bianca. Il calcio italiano non si schiera: gli azzurri si inginocchiano alla prossima partita solo perché lo fanno i calciatori del Belgio. Infine l’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia e nel Mondo.

Cos’è successo a Santa Maria Capua Vetere con la “mattanza santa”

52 agenti di polizia penitenziaria sono finiti ai domiciliari con l’accusa di tortura. L’inchiesta è quella sui presunti pestaggi avvenuti nel carcere di Santa Maria Capua Vetere, in provincia di Caserta, il 6 aprile 2020, in pieno lockdown. Tra i destinatari delle misure cautelari c’è anche il provveditore delle carceri della Campania, Antonio Fullone. La protesta dei detenuti scoppiò a seguito dell’emergere di alcuni casi Covid nel carcere e rientrò dopo diverse ore di trattativa, culminate con la garanzia da parte della direzione del carcere che sarebbero stati eseguiti i test per verificare il contagio. Nei giorni successivi numerosi detenuti, attraverso le loro famiglie, denunciarono le violenze subite dagli agenti e fu aperta un’inchiesta. Denunce raccolte dall’associazione per i diritti dei detenuti Antigone: ne abbiamo parlato con il presidente Patrizio Gonnella.

I familiari dei detenuti la chiamano la “mattanza santa”, perché era la settimana di Pasqua: siamo ad aprile dello scorso anno, l’Italia era in lockdown. Al microfono di Diana Santini la testimonianza di Rita, la moglie di un detenuto picchiato.

 

Conte tenta di “razionalizzare” i Cinque Stelle

(di Luigi Ambrosio)

Due domande, nella lunghissima conferenza stampa tenuta oggi da Conte per dare l’ultimatum a Grillo, hanno posto il tema di cosa saranno in futuro i 5 Stelle.“Lei vuole trasformare il Movimento in un partito?” e “come pensa di poter ingabbiare uno come Grillo?”Alla prima, Conte ha risposto che no, un partito con le sedi e tutto no ma una “razionalizzazione” come l’ha definita, bisogna darsela. Che è in realtà un modo per affermare che il Movimento si trasforma in un partito ma senza dirlo apertamente perché per gli elettori sarebbe troppo.Alla seconda domanda non ha risposto cavandosela con un giro di parole.Il primo ostacolo per Conte è il peso che Grillo ha ancora tra gli elettori e soprattutto tra i militanti a cui ora l’ex presidente del Consiglio chiede un voto a larga maggioranza. Grillo è fortemente indebolito, non gli ha certo giovato la difesa aggressiva del figlio accusato di stupro, rimane però un leader carismatico e il fondatore del Movimento 5 Stelle. Il secondo ostacolo è la forma organizzativa. La sua “razionalizzazione” significa creazione di strutture che trasformano i 5 Stelle in qualcosa di più simile a un partito, anche se la parola fa paura e a ragione dato che il successo elettorale del 2018 nasce proprio dal rifiuto della politica dei partiti. Il Movimento 5 Stelle ha bisogno di Conte.Ma Conte ha bisogno del Movimento 5 Stelle, del suo spirito, e quello spirito che fine farebbe senza Grillo? Il nodo è qui.

Gli azzurri si inginocchiano solo se lo fanno gli altri

(di Lorenza Ghidini)

E così ai quarti di finale ci inginocchieremo, o meglio si inginocchieranno: passa un po’ la voglia di tifare davanti a questa buffonata. Vien più voglia di stare con Lukaku, anche a chi non tifa Inter.La posizione degli azzurri è stata chiarita una volta per tutte: si fa quello che fanno gli altri. Gli austriaci non si inginocchiano, neanche l’Italia, i belgi lo fanno, tutti giu anche noi. La motivazione resa nota farebbe molto ridere se non fosse grottesca: gli azzurri si inginocchiano in solidarietà con gli avversari che lo fanno. Si inginocchiano in solidarietà con quelli che si inginocchiano in solidarietà con le vittime del nazismo. O era il razzismo??
Viene da chiedersi cosa frullava nella testa degli 11 nella prima partita, metà in ginocchio e metà in piedi, quanto fossero consapevoli entrambi i gesti, tra loro opposti. Chissà se gli 11 belgi sono tutti informati e condividono. Può darsi che sia la federazione, a Bruxelles, a essere consapevole della storia del Belgio, protagonista con l’Olanda di un colonialismo particolarmente feroce. Sarebbe troppo chiedere ai vertici della Fgci di conoscere la vicenda degli etiopi gasati dal maresciallo Graziani? Certo che sì, hanno pure detto che non condividono la campagna Black Lives Matter. E allora perché inginocchiarsi coi belgi?
Tant’è, questo Europeo lo giochiamo nel girone degli ignavi, per evitare i prevedibili schiamazzi dei vari Salvini e Meloni. D’altronde non è una novità che la Federazione sia sensibile alla peggiore politica.

L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

Si conferma in calo la curva del contagio in Italia. Oggi solo 389 nuovi casi e 28 morti. Da questa mattina tutto il paese è in zona bianca e non è più obbligatorio indossare la mascherina all’aperto. La campagna vaccinale prosegue a buon ritmo. Oggi è stata superata quota 50 milioni di somministrazioni, di cui quasi 18 milioni con due dosi. All’estero, invece, la variante Delta si è già ampiamente diffusa. Nel Regno Unito ha fatto impennare il numero dei contagi. Oltre 22mila i casi accertati oggi, anche se al momento i vaccini sembrano frenare l’impatto su morti e ricoveri. Intanto, secondo uno studio dell’università di Washington, le dosi di Pfizer e Moderna garantirebbero per anni una protezione persistente contro il Covid.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di venerdì 30/09/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 30/09/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 30/09/2022 delle 7:15

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 30/09/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    37e2 di venerdì 30/09/2022

    Se non è febbre, quasi. 37 e 2 è la trasmissione dedicata ai temi dell’invalidità e della non autosufficienza. Dalle…

    37 e 2 - 30/09/2022

  • PlayStop

    Alessandro Baricco, La via della narrazione

    ALESSANDRO BARICCO – LA VIA DELLA NARRAZIONE – presentato da IRA RUBINI

    Note dell’autore - 30/09/2022

  • PlayStop

    Il giorno delle locuste di venerdì 30/09/2022

    Le locuste arrivano come orde, mangiano tutto quello che trovano sul loro cammino e lasciano solo desertificazione e povertà. Gianmarco…

    Il giorno delle locuste - 30/09/2022

  • PlayStop

    Il giorno delle locuste di venerdì 30/09/2022

    Le locuste arrivano come orde, mangiano tutto quello che trovano sul loro cammino e lasciano solo desertificazione e povertà. Gianmarco…

    Il giorno delle locuste - 30/09/2022

  • PlayStop

    Il demone del tardi di venerdì 30/09/2022

    a cura di Gianmarco Bachi

    Il demone del tardi - 30/09/2022

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di venerdì 30/09/2022

    Notizie, opinioni, punti di vista tratti da un'ampia gamma di fonti - stampa cartacea, social media, Rete, radio e televisioni…

    Esteri – La rassegna stampa internazionale - 30/09/2022

  • PlayStop

    Caffè nero bollente di venerdì 30/09/2022

    Ogni mattina dalle 6 alle 7 insieme a Florencia Di Stefano-Abichain sfogliamo i giornali, ascoltiamo bella musica e ci beviamo…

    Caffè Nero Bollente - 30/09/2022

  • PlayStop

    Serve & Volley di giovedì 29/09/2022

    Musica e parole per chiudere in bellezza il palinsesto dei giovedì! Con Marco Sambinello e Niccolò Guffanti.

    Serve&Volley - 30/09/2022

  • PlayStop

    News della notte di giovedì 29/09/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 30/09/2022

  • PlayStop

    Live Pop di giovedì 29/09/2022

    Dal 15 settembre, ogni giovedì alle 21, l’auditorium Demetrio Stratos di Radio Popolare torna ad ospitare concerti, presentazioni di libri,…

    Live Pop - 30/09/2022

  • PlayStop

    Camere Oscure di giovedì 29/09/2022

    Camere Oscure è la trasmissione che Radio Popolare dedica alla campagna elettorale. Da lunedì 12 a venerdi' 24 settembre, tutti…

    Camere Oscure - 30/09/2022

  • PlayStop

    Esteri di giovedì 29/09/2022

    1-Domani Putin certificherà l’annessione del Donbass. L’ Onu ribadisce che non ha valore legale e merita di essere condannata. 2-Francia.…

    Esteri - 30/09/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di giovedì 29/09/2022

    (13 - 204) Dove si commenta con Luca Paladini, dei Sentinelli, la sentenza del Tribunale di Trieste che ha condannato…

    Muoviti muoviti - 30/09/2022

  • PlayStop

    Di tutto un boh di giovedì 29/09/2022

    l’Italia è una repubblica fondata sul sentito dire. Tra cliché e cose spiegate male, è un attimo perdersi un pezzo…

    Di tutto un boh - 30/09/2022

  • PlayStop

    Madeleines di giovedì 29/09/2022

    Un ricordo può arrivare inaspettato, portandosi dietro la nostalgia di un mondo. Basta un accordo, una canzone, un suono. In…

    Madeleines - 30/09/2022

Adesso in diretta