Approfondimenti

Hong Kong: ultimo giorno di Apple Daily

Apple Daily Hong Kong ANSA

Questa notte è stata stampata l’ultima copia di Apple Daily, l’ultimo giornale pro democrazie che era rimasto ad Hong Kong e che è stato chiuso dopo un raid della polizia che ha arrestato 5 alti dirigenti e congelato i beni del quotidiano. Fin dalla prime luci dell’alba centinaia di persone si sono messe in coda per comprare l’edizione finale. Sotto la pioggia, Hong Kong ha dato il suo doloroso addio al giornale, formando code per centinaia di metri.

Le vendite del giornale di oggi, che solitamente si aggiravano intorno alle 80mila copie al giorno, sono arrivate fino a un milione. Il quotidiano è andato a ruba ovunque, al punto che online girava un documento con un elenco delle edicole che ancora avevano a disposizione delle copie. E mentre gli Honkongers si radunavano per comprare la loro copia, la presenza di Apple Daily online scompariva pian piano con la chiusura prima degli account social e poi del sito web.

Per capire che cosa ha spinto tutte queste persone a svegliarsi all’alba per andare a comprare un giornale, bisogna capire cosa è stato Apple Daily durante i suoi 26 anni di vita. Nato come un tabloid locale, noto per i suoi titoli sensazionalistici e le fotografie dei paparazzi, nel tempo è diventato qualcosa di molto più importante: un giornale senza paura. Jimmy Lai lo fondò nel 1995.

Il nome, Apple Daily, si riferiva a frutto proibito della bibbia perché – come aveva raccontato lo stesso Lai – “se Eva non avesse mangiato la mela, non ci sarebbero state le notizie”. All’inizio si occupava di cronaca nera e spettacolo, ma dai primi anni 2000 iniziò a seguire le proteste che nascevano per contrastare il ritorno della presenza cinese nella città e a scrivere sempre più di politica.

Apple Daily non smise mai i suoi panni da tabloid, ma la sua voce pro democrazia si fece sempre più salda e forte, diventando prima una spina nel fianco della Cina e poi un vero e proprio pericolo. L’arresto di Jimmy Lai l’anno scorso ha segnato l’inizio della fine. Una fine che i giornalisti rimasti nella redazione fino a questa mattina hanno definito “scioccante ma non sorprendente”. L’operazione “una sola Cina” di Xi Jinping si sta affermando con sempre più concretezza, e la chiusura di Apple Daily rappresenta un ulteriore passo verso la trasformazione di Hong Kong in Pechino. Perdendo il quotidiano di Jimmy Lay, Hong Kong ha perso un altro pezzo della sua libertà.

  • Autore articolo
    Martina Stefanoni
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di giovedì 30/06/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 01/07/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di giovedì 30/06/2022 delle 19:47

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 01/07/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Chassis di giovedì 30/06/2022

    Dal 2002 va in onda Chassis-Il contenitore di pellicole di Radio Popolare. Un programma pensato per informare ed evocare con…

    Chassis - 01/07/2022

  • PlayStop

    Esteri di giovedì 30/06/2022

    Il giro del mondo in 24 ore. Ideato da Chawki Senouci Data di nascita: 6 ottobre 2003 (magazine domenicale di…

    Esteri - 01/07/2022

  • PlayStop

    The Game di giovedì 30/06/2022

    Soldi, lavoro, avidità, disoccupazioni: il grande gioco dell’economia smontato ogni giorno da Raffaele Liguori.

    The Game - 01/07/2022

  • PlayStop

    Avenida Brasil di sabato 25/06/2022

    Speciale AGENDA BRASIL - Festival Internazionale di Cinema Brasiliano 2022 alla sua nona edizione milanese dal 6 all'8 luglio. Ospiti…

    Avenida Brasil - 25/06/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di giovedì 30/06/2022

    Quando le prime luci della sera… no, non è l’incipit di un romanzo. E’ l’orario in cui va in onda…

    Muoviti muoviti - 01/07/2022

  • PlayStop

    Di tutto un boh di giovedì 30/06/2022

    l’Italia è una repubblica fondata sul sentito dire. Tra cliché e cose spiegate male, è un attimo perdersi un pezzo…

    Di tutto un boh - 01/07/2022

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di giovedì 30/06/2022

    Noi e altri animali È la trasmissione che da settembre del 2014 si interroga su i mille intrecci di una…

    Considera l’armadillo - 01/07/2022

  • PlayStop

    Snippet di sabato 25/06/2022

    Un viaggio musicale, a cura di missinred, attraverso remix, campioni, sample, cover, edit, mash up. Sabato dalle 22:45 alle 23.45…

    Snippet - 25/06/2022

  • PlayStop

    Jack di giovedì 30/06/2022

    Lo spinotto musicale di Radio Popolare si prende cura del vostro primo pomeriggio e della vostra passione per la musica,…

    Jack - 01/07/2022

  • PlayStop

    Jazz Ahead di mercoledì 29/06/2022

    Jazz Ahead 179 - Playlist: 1. Earthlings, Anteloper, Pink Dolphins, International Anthem, 2022 2. Delfin Rosado, Anteloper, Pink Dolphins, International…

    Jazz Ahead - 29/06/2022

  • PlayStop

    Raul Montanari, Il Cristo zen

    RAUL MONTANARI – IL CRISTO ZEN – presentato da SANDRO GILIOLI

    Note dell’autore - 01/07/2022

  • PlayStop

    Frigoriferi in bolla

    quando gli ascoltatori danno prova di grande sapienza domestica, salutiamo Gilberto Dindini della Cedola e continuiamo a tenere una sciarpa…

    Poveri ma belli - 01/07/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di giovedì 30/06/2022 delle 12:50

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 01/07/2022

  • PlayStop

    Cult di giovedì 30/06/2022

    A Bari “Lungomare di libri” in collaborazione col Salone del Libro di Torino, “Timpani”il laboratorio di ascolto musicale di “Welcome…

    Cult - 01/07/2022

  • PlayStop

    Tutto scorre di giovedì 30/06/2022

    Sguardi, opinioni, vite, dialoghi ai microfoni di Radio Popolare.

    Tutto scorre - 01/07/2022

  • PlayStop

    Prisma di giovedì 30/06/2022

    IL VERTICE NATO SACRIFICA I CURDI. Orietta Moscatelli analista della rivista di geopolitica Limes, Eddi Marcucci attivista e combattente con…

    Prisma - 30/06/2022

  • PlayStop

    La NATO abbandona gli alleati curdi nelle mani di Erdogan

    La data del 29 giugno 2022 ha come filo conduttore l’ISIS, perché a Parigi è arrivata la sentenza del processo…

    Clip - 30/06/2022

  • PlayStop

    Il demone del tardi di giovedì 30/06/2022

    a cura di Gianmarco Bachi

    Il demone del tardi - 01/07/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di giovedì 30/06/2022 delle 7:47

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 01/07/2022

Adesso in diretta