Approfondimenti

Che cosa è successo oggi? – Venerdì 31 luglio 2020

coronavirus aeroporto mascherina

Il racconto della giornata di venerdì 31 luglio 2020 attraverso le notizie principali del giornale radio delle 19.30, dai dati dell’epidemia in Italia alla conferma che Sergio Mattarella inaugurerà la riapertura delle scuole il 14 settembre a Vò Euganeo e Codogno, mentre nella Lega si iniziano a notare i primi scricchiolii. L’Istat ha certificato l’impatto della pandemia sul Pil italiano. Gli esperti negli Stati Uniti sostengono che ormai il virus sia fuori controllo e la governatrice di Hong Kong ha annunciato il rinvio delle elezioni legislative al 5 settembre 2021. Infine, i grafici del contagio nelle elaborazioni di Luca Gattuso.

I dati dell’epidemia diffusi oggi

Oggi in Italia sono stati comunicati 379 casi di coronavirus, un numero di poco inferiore a quello di ieri, quando era stato toccato il massimo dal 30 maggio. Anche oggi la Regione con più nuovi positivi – 117 – è il Veneto, dove l’andamento è legato a un focolaio scoppiato in un centro per migranti. Subito dietro c’è la Lombardia con 77 casi. A livello nazionale nelle ultime 24 ore sono state registrate 9 morti, mentre tornano a diminuire i posti occupati in terapia intensiva: ora sono 41, sei in meno di ieri. “Il numero di nuovi casi resta contenuto ma mostra una tendenza all’aumento”, dice il rapporto settimanale pubblicato oggi da ministero e istituto superiore di sanità. Negli ultimi 14 giorni l’indice di contagio sarebbe salito da 0,95 a 0,98, appena sotto la soglia di 1, quella sotto cui andrebbe mantenuta la diffusione del virus.

Mattarella inaugurerà l’apertura delle scuole a Vò Euganeo

(di Anna Bredice)

All’apertura delle scuole a settembre, il 14, Mattarella sarà a Vò Euganeo, città che insieme a Codogno, dove ha celebrato il 2 giugno, è stata la prima ad essere stata colpita dalla pandemia. Una presenza che chiaramente è anche un messaggio di partecipazione del capo dello Stato a cui non è passata inosservata questa fase di pericoloso negazionismo, a cui partecipa per primo Salvini, senza mascherina ad esempio al Senato. Ma ci sono anche tanti altri episodi, come un test di medicina a Roma dove si sono presentate migliaia di persone. “La libertà non è il diritto di far ammalare gli altri“, dice, chiedendo ancora cautela in questa fase. Ricorda i mesi del lockdown, la chiusura delle scuole la cui riapertura dice è l’obiettivo principale, ma ricorda soprattutto i morti, tanti di questi mesi, “esattamente 4 mesi fa, il 31 marzo, ce ne sono stati 800“, ricorda, ed è per questo che è pericoloso dimenticare. “Sapevo che sarebbe successo, ma non così presto“. Nei saluti prima della pausa estiva, Mattarella non entra nelle dibattito politico, ad esempio non affronta il tema dell’immigrazione, parla dell’Europa invece. È soddisfatto del risultato degli accordi, “la qualità delle risorse in campo hanno una portata straordinaria“, ma Mattarella chiede ora al governo un piano tempestivo per affrontare le conseguenze economiche e sociali della pandemia

Istat, il Pil italiano è crollato del 12,4%

Oggi l’Istat ha certificato l’impatto della pandemia sul pil italiano. Tra aprile e giugno c’è stato un crollo del 12,4% rispetto ai primi tre mesi dell’anno. Il dato è in linea con la media europea: nello stesso periodo l’economia dell’intera Unione ha perso l’11,9%. In Francia la diminuzione sfiora il 14, in Spagna supera addirittura il 18. In Italia il ministro dell’economia Gualtieri ha commentato i numeri dell’istituto di statistica parlando di “una flessione meno grave di quanto atteso”. La dimensione del calo resta comunque epocale, come quella delle conseguenze sul lavoro e sulla povertà testimoniate dai dati diffusi ieri dalla stessa Istat e dal Censis. Il governo ha risposto con misure come il cosiddetto reddito d’emergenza, per cui si potrà fare domanda ancora per poche ore, a meno che il termine non sia prorogato. Cristiano Gori insegna politiche del welfare sociale all’università di Trento e fa parte del Forum diseguaglianze:


 

Malumori all’interno della Lega

(di Fabio Fimiani)

Ci sono scricchiolii nella Lega, alle prese con il calo nei sondaggi nazionali, in particolare nella Lombardia del segretario Matteo Salvini.
I problemi della gestione della pandemia della Regione simbolo del Carroccio, le inchieste giudiziarie che coinvolgono la Lombardia, comprese quelle dell’emergenza Covid, e la nuova autorizzazione a procedere nei confronti dello stesso numero uno, stanno facendo emergere il dissenso, prima soffocato.
In particolare sono i varesini con l’ex sottosegretario alla presidenza del consiglio Giancarlo Giorgetti a muoversi per riprendere il filo della linea del partito e magari delle autonomie locali.
Si legge anche così il rientro di Roberto Maroni nell’attività del Carroccio, magari con l’obiettivo di essere il candidato sindaco di Varese nella primavera del 2021, oggi la città è governata dal centrosinistra con Davide Galimberti.
Proprio l’azione amministrativa e politica della Regione Lombardia è tra quelle da puntellare per i leghisti, le inchieste giudiziarie hanno rafforzato lo stanco Fontana. Qualcuno nelle ipotesi di un rimpasto evocato varie volte si spinge a ipotizzare l’ingresso di Giorgetti in giunta, che appare più un modo per evidenziare un problema, che una via
di uscita. Sarebbe infatti un presidente ombra, quindi tutt’altro che una soluzione indolore.
Rimane l’insoddisfazione dei leghisti che vedono coinvolti nelle inchieste giudiziarie sempre uomini del segretario Matteo Salvini. Spesso sono imposti negli incarichi territoriali magari dalla stessa Regione, dove a capo della segreteria del presidente Fontana c’è l’avvocato Giulia Martinelli, madre di uno dei figli del numero del Carroccio, e vice presidente di Fiera Milano.

USA, gli esperti: “Il virus è ormai fuori controllo”

(di Roberto Festa)

L’audizione alla Camera si è svolta poche ore dopo l’arrivo della notizia della morte, per Covid, di Herman Cain, il repubblicano ex candidato alla presidenza, che aveva presenziato al comizio di Tulsa di Donald Trump. Il tono dell’audizione è stato molto cupo. Il virus è ormai fuori controllo, ha detto il chairman della Commissione, il democratico James Clyburn. Anthony Fauci, che guida il team americano di risposta al Covid, non ha quindi nascosto la gravità della situazione, con oltre 152mila morti negli Stati Uniti, e ha spiegato che la diffusione così travolgente del virus si deve a errori di gestione. Molti Stati americani hanno riaperto troppo presto, e le quarantene sono state ridotte, hanno interessato solo il 50 per cento circa delle attività. Fauci ha comunque riassicurato gli americani. Entro la fine dell’anno un vaccino sarà con ogni probabilità pronto, e reso disponibile al pubblico a partire da gennaio. Il governo di Washington ha sinora impegnato 8 miliardi di dollari in accordi con aziende farmaceutiche. L’ultimo finanziamento, di oltre 2 miliardi di dollari, è andato alla francese Sanofi, che si è impegnata per fornire agli Stati Uniti 100 milioni di dosi.

Hong Kong, elezioni legislative rinviate al settembre 2021

(di Gabriele Battaglia)

Dal 6 settembre di quest’anno al 5 settembre dell’anno prossimo. Le elezioni legislative di Hong Kong sono state rinviate oggi di un anno a causa del coronavirus che ha avuto una recrudescenza in città nell’ultimo mese, con oltre tremila nuovi casi. Carrie Lam – la governatrice – ha dichiarato che questa è stata la decisione più difficile che lei abbia preso negli ultimi 7 mesi.
Ha invocato le leggi eccezionali che, paradosso della storia, erano state utilizzate l’ultima volta dai britannici, che allora controllavano Hong Kong, nel 1967, per reprimere i movimenti pro-Pechino.
Al di là dei tecnicismi, la scelta è chiaramente politica.
Il consiglio legislativo di Hong Kong ha 35 membri eletti a suffragio universale e 35 eletti da gruppi d’interesse. I partiti pro-Pechino hanno sempre avuto la maggioranza perché controllano questi gruppi d’interesse, ma dopo la vittoria netta nelle elezioni distrettuali dello scorso novembre, l’opposizione pan-democratica sperava per la prima volta di conquistare la maggioranza. In tal caso, avrebbe potuto riproporre nel parlamentino locale le famose 5 richieste che faceva il movimento dello scorso anno, soprattutto il suffragio universale per l’elezione sia del consiglio legislativo sia del chief-executive, il governatore.
Ora nascono diatribe legali. Le opposizioni avevano già premesso che Singapore, Francia, Irlanda e Corea del Sud hanno tenuto elezioni durante l’epidemia e che quindi il rinvio è pretestuoso. Dicono che questa decisione pone un problema costituzionale fondamentale, perché la basic law – la mini costituzione di Hong Kong – stabilisce che per ragioni eccezionali le elezioni possano essere posticipate solo di due settimane. Il governo locale ha delegato a Pechino la risoluzione di queste controversie.

L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di domenica 03/07/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 07/03/2022

Ultimo Metroregione

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    News della notte di domenica 03/07/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 07/03/2022

  • PlayStop

    La sacca del diavolo di domenica 03/07/2022

    “La sacca del diavolo. Settimanale radiodiffuso di musica, musica acustica, musica etnica, musica tradizionale popolare, di cultura popolare, dai paesi…

    La sacca del diavolo - 07/03/2022

  • PlayStop

    L'artista della settimana di domenica 03/07/2022

    Ogni settimana Radio Popolare sceglierà un o una musicista, un gruppo, un progetto musicale, a cui dare particolare spazio nelle…

    L’Artista della settimana - 07/03/2022

  • PlayStop

    Mixtape di domenica 03/07/2022

    A compilation of favorite pieces of music, typically by different artists, recorded onto a cassette tape or other medium by…

    Mixtape - 07/03/2022

  • PlayStop

    Sui Generis di domenica 03/07/2022

    Una trasmissione che parla di donne e altre stranezze. Attualità, cultura, approfondimenti. Tutte le domeniche dalle 15.35 alle 16.30. A…

    Sui Generis - 07/03/2022

  • PlayStop

    Giocare col fuoco di domenica 03/07/2022

    Giocare col fuoco: storie, canzoni, poesie di e con Fabrizio Coppola Un contenitore di musica e letteratura senza alcuna preclusione…

    Giocare col fuoco - 07/03/2022

  • PlayStop

    Rap Criminale di domenica 03/07/2022

    - Chi ha sparato a Tupac Shakur? - Chi ha ucciso Notorious B.I.G.? Perché si sono sciolti i NWA? -…

    Rap Criminale - 07/03/2022

  • PlayStop

    Onde Road di domenica 03/07/2022

    Autostrade e mulattiere. Autostoppisti e trakker. Dogane e confini in via di dissoluzione. Ponti e cimiteri. Periferie urbane e downtown…

    Onde Road - 07/03/2022

  • PlayStop

    La domenica dei libri di domenica 03/07/2022

    La domenica dei libri è la trasmissione di libri e cultura di Radio Popolare. Ogni settimana, interviste agli autori, approfondimenti,…

    La domenica dei libri - 07/03/2022

  • PlayStop

    Va pensiero di domenica 03/07/2022

    Viaggio a bocce ferme nel tema politico della settimana.

    Va Pensiero - 07/03/2022

  • PlayStop

    Slide Pistons – Jam Session di sabato 02/07/2022

    La nuova frizzante trasmissione di Luciano Macchia e Raffaele Kohler. Tutti i sabati su Radio Popolare dalle 23.45. In onda…

    Slide Pistons – Jam Session - 07/02/2022

  • PlayStop

    News della notte di sabato 02/07/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 07/02/2022

  • PlayStop

    Stay human di sabato 02/07/2022

    Enzo Gentile ci racconta di Naturalmente Pianoforte, un festival toscano che prenderà il via il 20 luglio. Iasko e Kit…

    Stay human - 07/02/2022

  • PlayStop

    Senti un po’ di sabato 02/07/2022

    Senti un po’ è un programma della redazione musicale di Radio Popolare, curata e condotta da Niccolò Vecchia, che da…

    Senti un po’ - 07/02/2022

  • PlayStop

    Ollearo.con di sabato 02/07/2022

    Un faro nel weekend per orientare la community di RP. Il collante a tenuta super che tiene insieme gli elementi…

    Ollearo.con - 07/02/2022

  • PlayStop

    Good Times di sabato 02/07/2022

    25° “Voci per la libertà - Una canzone per Amnesty”; Biennale Teatro; Tiziana Ricci e l’arte; ; i consigli di…

    Good Times - 07/02/2022

  • PlayStop

    Piovono radio di sabato 02/07/2022

    Il direttore di Radio Popolare Sandro Gilioli a confronto con ascoltatori e ascoltatrici.

    Piovono radio - 07/02/2022

  • PlayStop

    Itaca di sabato 02/07/2022

    Itaca, viaggio nel presente. I giornali, l’attualità, il colloquio con chi ci ascolta. Ogni sabato dalle 8.45 alle 10.30.

    Itaca - 07/02/2022

Adesso in diretta