Approfondimenti

Hanno ammazzato il Che, il Che e’ vivo

Quando il 9 ottobre del 1967 viene ucciso in Bolivia, Che Guevara sta combattendo dalla parte degli ultimi, sta cercando di aprire per l’imperialismo un fronte in più – “dieci, cento, mille Vietnam” – e sta tentando di spezzare con una nuova rivoluzione in America latina l’isolamento di Cuba. Ma la sua guerriglia – una scelta suggerita da condizioni storiche determinate e confortata dal precedente di Cuba (la realtà della Bolivia si sarebbe però rivelata tragicamente ben diversa da quella della Sierra) – sta dentro un progetto più generale, condiviso da milioni e milioni di uomini: mettere fine ad un sistema di funzionamento del mondo basato sullo sfruttamento e il capitalismo.

Negli ultimi decenni del secolo passato l’idea di rivoluzione, una delle forze trainanti del Novecento, e la stessa idea di trasformazione dei criteri di fondo su cui si basa la nostra vita, hanno conosciuto una crisi epocale: tanto che qualcuno ha parlato di fine della storia. A questa crisi, aiutato da un’immagine di eroismo romantico, il mito di Guevara è sopravvissuto, e il Che ha continuato ad essere un simbolo di ribellione all’ingiustizia e all’oppressione, e di azione risoluta, conseguente alle idee.

Poi il Chiapas, Seattle, nuove guerre, contraddizioni e tragedie ci hanno detto che la storia non era affatto finita. Scottati dalle sconfitte e dagli esiti infausti di quasi tutte le esperienze rivoluzionarie, i nuovi movimenti, in cui il mito di Guevara ha continuato largamente a vivere, sono stati però in generale timidi, reticenti, e spesso estranei, rispetto all’affermazione esplicita della necessità di un’uscita complessiva dal paradigma attuale.

Ma, ricordandolo a cinquant’anni dalla morte, sarebbe fare torto al Che esaltarlo come paladino della giustizia ma trascurando l’orizzonte che si era dato, e dimenticare che per il medico Ernesto Guevara il vero modo di curare il mondo non era quello di intervenire sui sintomi ma di andare alle cause della malattia, cioè di cambiarlo radicalmente: cosa oggi forse ancora più urgente che ai tempi del suo sacrificio.

 

  • Autore articolo
    Marcello Lorrai
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di gio 03/12/20 delle 19:47

    Metroregione di gio 03/12/20 delle 19:47

    Rassegna Stampa - 12/03/2020

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Rotoclassica di gio 03/12/20

    Rotoclassica di gio 03/12/20

    Rotoclassica - 12/04/2020

  • PlayStop

    A casa con voi di gio 03/12/20

    A casa con voi di gio 03/12/20

    A casa con voi - 12/03/2020

  • PlayStop

    Esteri di gio 03/12/20

    Esteri di gio 03/12/20

    Esteri - 12/03/2020

  • PlayStop

    Ora di punta di gio 03/12/20

    Ora di punta di gio 03/12/20

    Ora di punta – I fatti del giorno - 12/03/2020

  • PlayStop

    Sunday Blues di gio 03/12/20

    Sunday Blues di gio 03/12/20

    Sunday Blues - 12/03/2020

  • PlayStop

    Uno di Due di gio 03/12/20

    Uno di Due di gio 03/12/20

    1D2 - 12/03/2020

  • PlayStop

    Jack di gio 03/12/20

    Jack di gio 03/12/20

    Jack - 12/03/2020

  • PlayStop

    Considera l'armadillo gio 03/12/20

    Considera l'armadillo gio 03/12/20

    Considera l’armadillo - 12/03/2020

  • PlayStop

    Stay Human di gio 03/12/20

    Stay Human di gio 03/12/20

    Stay human - 12/03/2020

  • PlayStop

    Memos di gio 03/12/20

    Recovery Fund e transizione ecologica. Il governo procede lentamente. I progetti che dovrà discutere con la Commissione europea, per ottenere…

    Memos - 12/03/2020

  • PlayStop

    Enrico De Angelis, Coltivo una rosa bianca

    ENRICO DE ANGELIS - COLTIVO UNA ROSA BIANCA - presentato da CLAUDIO AGOSTONI

    Note dell’autore - 12/03/2020

  • PlayStop

    Cult di gio 03/12/20

    ira rubini, cult, francesco micciché, io una giudice al maxi processo, barbara sorrentini, monica passoni, sigmund freud museum vienna, stefano…

    Cult - 12/03/2020

  • PlayStop

    Prospettive Musicali di dom 29/11/20

    A cura di Gigi Longo. Brani di Fairuz, Miles Davis and Marcus Miller. Jim Hall, Cecil Taylor and Tony Oxley,…

    Prospettive Musicali - 12/03/2020

  • PlayStop

    37 e 2 di gio 03/12/20

    Diamo le risposte alle vostre domande; la scorsa settimana abbiamo ascoltato la testimonianza di come alcuni medici che si erano…

    37 e 2 - 12/03/2020

  • PlayStop

    Prisma di gio 03/12/20

    La maggioranza litiga sulle nuove restrizioni del Dpcm che entrerà in vigore dal 4 dicembre, intervista alla senatrice di leu…

    Prisma - 12/03/2020

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di gio 03/12/20

    Rassegna stampa internazionale di gio 03/12/20

    Rassegna stampa internazionale - 12/03/2020

  • PlayStop

    Il demone del tardi - copertina di gio 03/12/20

    Il demone del tardi - copertina di gio 03/12/20

    Il demone del tardi - 12/03/2020

  • PlayStop

    Fino alle otto di gio 03/12/20

    Fino alle otto di gio 03/12/20

    Fino alle otto - 12/03/2020

Adesso in diretta