Approfondimenti

Hanno ammazzato il Che, il Che e’ vivo

Quando il 9 ottobre del 1967 viene ucciso in Bolivia, Che Guevara sta combattendo dalla parte degli ultimi, sta cercando di aprire per l’imperialismo un fronte in più – “dieci, cento, mille Vietnam” – e sta tentando di spezzare con una nuova rivoluzione in America latina l’isolamento di Cuba. Ma la sua guerriglia – una scelta suggerita da condizioni storiche determinate e confortata dal precedente di Cuba (la realtà della Bolivia si sarebbe però rivelata tragicamente ben diversa da quella della Sierra) – sta dentro un progetto più generale, condiviso da milioni e milioni di uomini: mettere fine ad un sistema di funzionamento del mondo basato sullo sfruttamento e il capitalismo.

Negli ultimi decenni del secolo passato l’idea di rivoluzione, una delle forze trainanti del Novecento, e la stessa idea di trasformazione dei criteri di fondo su cui si basa la nostra vita, hanno conosciuto una crisi epocale: tanto che qualcuno ha parlato di fine della storia. A questa crisi, aiutato da un’immagine di eroismo romantico, il mito di Guevara è sopravvissuto, e il Che ha continuato ad essere un simbolo di ribellione all’ingiustizia e all’oppressione, e di azione risoluta, conseguente alle idee.

Poi il Chiapas, Seattle, nuove guerre, contraddizioni e tragedie ci hanno detto che la storia non era affatto finita. Scottati dalle sconfitte e dagli esiti infausti di quasi tutte le esperienze rivoluzionarie, i nuovi movimenti, in cui il mito di Guevara ha continuato largamente a vivere, sono stati però in generale timidi, reticenti, e spesso estranei, rispetto all’affermazione esplicita della necessità di un’uscita complessiva dal paradigma attuale.

Ma, ricordandolo a cinquant’anni dalla morte, sarebbe fare torto al Che esaltarlo come paladino della giustizia ma trascurando l’orizzonte che si era dato, e dimenticare che per il medico Ernesto Guevara il vero modo di curare il mondo non era quello di intervenire sui sintomi ma di andare alle cause della malattia, cioè di cambiarlo radicalmente: cosa oggi forse ancora più urgente che ai tempi del suo sacrificio.

 

  • Autore articolo
    Marcello Lorrai
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mercoledì 18/05/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 18/05/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mercoledì 18/05/2022 delle 7:15

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 18/05/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Esteri di mercoledì 18/05/2022

    Il giro del mondo in 24 ore. Ideato da Chawki Senouci Data di nascita: 6 ottobre 2003 (magazine domenicale di…

    Esteri - 18/05/2022

  • PlayStop

    Esteri di mercoledì 18/05/2022

    Il giro del mondo in 24 ore. Ideato da Chawki Senouci Data di nascita: 6 ottobre 2003 (magazine domenicale di…

    Esteri - 18/05/2022

  • PlayStop

    The Game di mercoledì 18/05/2022

    1) Indipendenti da Mosca, ma non ancora dal nucleare e dal carbone. Il piano europeo Re-PowerEu punta a ridurre la…

    The Game - 18/05/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di mercoledì 18/05/2022

    Quando le prime luci della sera… no, non è l’incipit di un romanzo. E’ l’orario in cui va in onda…

    Muoviti muoviti - 18/05/2022

  • PlayStop

    Di tutto un boh di mercoledì 18/05/2022

    l’Italia è una repubblica fondata sul sentito dire. Tra cliché e cose spiegate male, è un attimo perdersi un pezzo…

    Di tutto un boh - 18/05/2022

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di mercoledì 18/05/2022

    Noi e altri animali È la trasmissione che da settembre del 2014 si interroga su i mille intrecci di una…

    Considera l’armadillo - 18/05/2022

  • PlayStop

    Jack di mercoledì 18/05/2022

    Live di Bandabardò e Cisco, Live di Galeffi

    Jack - 18/05/2022

  • PlayStop

    Gianumberto Accinelli, Dagli animali si impara. Le invenzioni tecnologiche che abbiamo copiato dal regno animale

    GIANUMBERTO ACCINELLI - DAGLI ANIMALI SI IMPARA. LE INVENZIONI TECNOLOGICHE CHE ABBIAMO COPIATO DAL REGNO ANIMALE - presentato da CECILIA…

    Note dell’autore - 18/05/2022

  • PlayStop

    Puntata di mercoledì 18/05/2022

    Un percorso attraverso la stratificazione sociale italiana, un viaggio nell’ascensore sociale del Belpaese, spesso rotto da anni e in attesa…

    Poveri ma belli - 18/05/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di mercoledì 18/05/2022 delle 12:49

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 18/05/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di mercoledì 18/05/2022 delle 12:49

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 18/05/2022

  • PlayStop

    Cult di mercoledì 18/05/2022

    il Festival di Cannes, l'intervista ad Arianna Bacheroni protagonista della serie “Bang Bang Baby“, il libro “Il custode del bosco”…

    Cult - 18/05/2022

  • PlayStop

    Tutto scorre di mercoledì 18/05/2022

    Sguardi, opinioni, vite, dialoghi ai microfoni di Radio Popolare.

    Tutto scorre - 18/05/2022

  • PlayStop

    Prisma di mercoledì 18/05/2022

    GUERRA IN UCRAINA, AGGIORNAMENTI E ANALISI Con Nico Piro, inviato speciale Rai, in Afghanistan, ora di ritorno dalla Russia, che…

    Prisma - 18/05/2022

  • PlayStop

    Il demone del tardi di mercoledì 18/05/2022

    a cura di Gianmarco Bachi

    Il demone del tardi - 18/05/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di mercoledì 18/05/2022 delle 7:48

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 18/05/2022

Adesso in diretta