Approfondimenti

Guarda che Lula! Dalla gestualità con le mani al mettere a disposizione la propria storia umana e politica

Guarda che Lula! Dalla gestualità con le mani (la L fatta con pollice e indice) al mettere a disposizione la propria storia umana e politica.

La campagna di Lula si chiama “speranza” e si rivolge alla parte povera del paese che parla di fame e dignità. La comunicazione qui altro non è che il potenziamento di una verità contrapposta a uno schieramento completamente speculare per valori e radicamento, quello del bellicoso Jair Bolsonaro, che vanta l’appoggio di calciatori ricchi e famosi, da Neymar a Kakà, alla corposa partecipazione della consorte Michelle, detta la Grace Kelly dei Tropici, che si è intestata l’elettorato femminile e e il voto evangelico (“il Brasile è di nostro signore Gesù”).

Anche la moglie di Lula, sociologa e militante, lo affianca. Una campagna elettorale insomma di forte polarizzazione politica, incentrata su una nettezza di opzioni programmatiche e visioni del mondo che, almeno da questo punto di vista e comunque la si pensi, possiamo forse invidiare. Un grazie al Festival di Internazionale e al pubblico intervenuto che dimostra come si sta costruendo uno sguardo nuovo sulla comunicazione come discorso pubblico, politica in senso alto, democratico. Sarà sempre più così, sempre più per tutti e sempre meno per i soli intenditori e operatori professionali.

Oggi vi leggiamo alcuni spunti di analisi sulla debacle elettorale del Pd che ci dicono che una parte dell’intellighenzia di “sinistra” non crede nel pubblico che ha davanti (questo è solo uno degli esempi). Di più, lo degrada, definendolo “popolo bambino”, capriccioso, illuso, umorale, incoerente, vuoto, ignorante. Sono categorie elitarie: la manipolazione, che riguarda sempre gli altri, e la superiorità culturale.

Se la democrazia sta diventando uno spettacolo senza pubblico per l’astensionismo, con queste analisi la platea non tornerà facilmente a riempirsi. Nella comunicazione delle imprese inquinanti si usa sempre più la parola “consapevole”, lo fa Esso, lo fa Eni, per dire che tocca a voi consumatori, la responsabilità ora è sulle vostre spalle (non sulle loro). Un altro grande della pubblicità è morto: Dan Wieden, il creatore del claim anzi dello slogan più influente degli ultimi decenni “Just do it”, soprattutto Dan Wieden è stato uno dei principali protagonisti di un passaggio generazionale che alla fine degli anni settanta ha trasferito la controcultura con il suo carico utopico e politicamente creativo, le sue necessità morali nel mondo della comunicazione.

Si può ovviamente avere un punto di vista anche negativo su quella stagione e quella transumanza diciamo così dalla contestazione al sistema ma è difficile non riconoscere la quantità di umanità, di irritualità, di interna rivolta e direi anche di disadattamento, di insofferenza per le logiche del business che questi personaggi hanno stabilito nel mondo della comunicazione. E se volete una prova, guardate questo progetto residenziale in Oregon di impronta antirazzista e inclusiva fondato da Wieden 25 anni fa e ancora attivo.

  • Autore articolo
    Claudio Jampaglia
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di sabato 26/11/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 27/11/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 25/11/2022 delle 19:51

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 27/11/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Snippet di sabato 26/11/2022

    Un viaggio musicale, a cura di missinred, attraverso remix, campioni, sample, cover, edit, mash up. Sabato dalle 22:45 alle 23.45…

    Snippet - 27/11/2022

  • PlayStop

    News della notte di sabato 26/11/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 27/11/2022

  • PlayStop

    Il sabato del villaggio di sabato 26/11/2022

    Il sabato del villaggio... una trasmissione totalmente improvvisata ed emozionale. Musica a 360°, viva, legata e slegata dagli accadimenti. Come…

    Il sabato del villaggio - 27/11/2022

  • PlayStop

    Senti un po’ di sabato 26/11/2022

    Senti un po’ è un programma della redazione musicale di Radio Popolare, curata e condotta da Niccolò Vecchia, che da…

    Senti un po’ - 27/11/2022

  • PlayStop

    Jailhouse Rock di sabato 26/11/2022

    Suoni, suonatori e suonati dal mondo delle prigioni Jailhouse Rock è una trasmissione radiofonica in onda su Radio Popolare e…

    Jailhouse Rock - 27/11/2022

  • PlayStop

    Ollearo.con di sabato 26/11/2022

    Un faro nel weekend per orientare la community di RP. Il collante a tenuta super che tiene insieme gli elementi…

    Ollearo.con - 27/11/2022

  • PlayStop

    DOC – Tratti da una storia vera di sabato 26/11/2022

    I documentari e le docu-serie sono diventati argomento di discussione online e offline: sesso, yoga, guru, crimine, storie di ordinaria…

    DOC – Tratti da una storia vera - 27/11/2022

  • PlayStop

    Chassis di sabato 26/11/2022

    Dal 2002 va in onda Chassis-Il contenitore di pellicole di Radio Popolare. Un programma pensato per informare ed evocare con…

    Chassis - 27/11/2022

  • PlayStop

    I girasoli di sabato 26/11/2022

    La trasmissione è un appuntamento con l’arte e la fotografia e con le ascoltatrici e gli ascoltatori che vogliono avere…

    I girasoli - 27/11/2022

  • PlayStop

    Good Times di sabato 26/11/2022

    Good Times è il trampolino per tuffarsi in bello stile nel weekend. Visioni, letture, palchi, percorsi, incontri, esperienze, attività. Gli…

    Good Times - 27/11/2022

  • PlayStop

    Piovono radio di sabato 26/11/2022

    Il direttore di Radio Popolare Sandro Gilioli a confronto con ascoltatori e ascoltatrici.

    Piovono radio - 27/11/2022

  • PlayStop

    Itaca di sabato 26/11/2022

    Itaca, viaggio nel presente. I giornali, l’attualità, il colloquio con chi ci ascolta. Ogni sabato dalle 8.45 alle 10.30.

    Itaca - 27/11/2022

  • PlayStop

    Let's spend the night together di sabato 26/11/2022

    Let's Spend The Night Together è il salottino rock'n'roll di Radio Popolare. Si parla di attualità, si passano le novità…

    Let’s spend the night together - 27/11/2022

  • PlayStop

    Doppia Acca di venerdì 25/11/2022

    Dal 2011 è la trasmissione dedicata all’hip-hop di Radio Popolare.

    Doppia_Acca - 27/11/2022

  • PlayStop

    News della notte di venerdì 25/11/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 27/11/2022

  • PlayStop

    Psicoradio di venerdì 25/11/2022

    Psicoradio, la radio della mente Nasce nel 2006, frutto della collaborazione tra il Dipartimento di Salute Mentale dell’Azienda Usl di…

    Psicoradio - 27/11/2022

  • PlayStop

    Sui Generis di venerdì 25/11/2022

    Una trasmissione che parla di donne e altre stranezze. Attualità, cultura, approfondimenti. Tutte le domeniche dalle 15.35 alle 16.30. A…

    Sui Generis - 27/11/2022

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di venerdì 25/11/2022

    I fatti più importanti della giornata sottoposti al dibattito degli ascoltatori e delle ascoltatrici.

    Quel che resta del giorno - 27/11/2022

  • PlayStop

    Esteri di venerdì 25/11/2022

    Il giro del mondo in 24 ore. Ideato da Chawki Senouci Data di nascita: 6 ottobre 2003 (magazine domenicale di…

    Esteri - 27/11/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di venerdì 25/11/2022

    (47 - 238) Dove si scopre che per fare il Vice Ministro degli Esteri non è così importante conoscere, almeno…

    Muoviti muoviti - 27/11/2022

Adesso in diretta