Approfondimenti

Chinamen, la graphic novel sulla Chinatown di Milano sbarca in Cina

  • Play
  • Tratto dal podcast
    Cultura |
La graphic novel Chinamen

Chinamen, la graphic novel sulla Chinatown di Milano firmata da Ciaj Rocchi e Matteo Damonte, si prepara a sbarcare in Cina con un’edizione localizzata dall’editore cinese DangDang a tre anni dalla sua uscita in Italia.

In questi tre anni Chinamen è diventato un progetto molto più ampio rispetto all’operazione di partenza. E per parlarci di cosa è accaduto dal lancio di Chinamen in Italia abbiamo chiamato direttamente la co-autrice Ciaj Rocchi.

L’intervista di Ira Rubini a Cult.

Nel 2017 Chinamen non è stato soltanto un fumetto, ma anche una mostra e un documentario a disegni animati. Il Comune di Milano e il Mudec, che ogni anno dedicano una retrospettiva ad una delle sue comunità immigrate, nel 2017 scelse proprio la Cina. A distanza di tre anni sono molte le realtà che hanno contribuito al successo e alla diffusione di questa vicenda e, in occasione della pubblicazione in lingua cinese, abbiamo deciso di trovarci tutti insieme al Mudec il 30 gennaio per festeggiare questo grande successo in occasione del Capodanno Cinese.
Insieme a noi ci saranno l’assessore Filippo Del Corno, che aprirà l’evento, ma anche realtà come l’Istituto Confucio o la Fondazione Italia Cina che in questi anni ci hanno molto sostenuto anche invitandoci a numerosi eventi da loro organizzati. L’intero evento sarà tradotto in lingua cinese da parte di un gruppo di ragazzi dell’associazione studentesca della Cattolica e avrà una doppia conduzione: metà italiana e metà cinese.

L’evento è molto importante anche alla luce del virus che si sta diffondendo in Cina. È importante vedersi e stare insieme.

Sì, tra l’altro la comunità cinese di Milano ha deciso di non fare la tradizionale parata per il capodanno cinese e devolvere i fondi all’emergenza di Wuhan. Ed è vero che diventa ancora più importante incontrarsi e stare insieme in un momento come questo.
Bisogna stare molto attenti a non far partire quel comportamento razzista per cui siccome si tratta di un virus cinese ce la prendiamo con i cinesi. Mi viene in mente la coppia di cinese a cui hanno sputato addosso a Venezia. In questi momenti diventa importante rendersi conto che la Cina è in Cina e che i cinesi che sono in Italia sono italiani come noi. Siamo tutti uguali e tutti sulla stessa barca.

Che cosa racconta Chinamen?

Io e Matteo negli ultimi cinque anni ci siamo dedicati alla storia della migrazione cinese in Italia perché Matteo, come molti sanno, è erede diretto di questo retaggio storico.
La storia dei cinesi nella nostra città inizia nel 1926, quando un piccolo gruppo di cinesi provenienti dal Jijiang, nel sud della Cina, arriva in Italia e, nonostante le numerose difficoltà legate anche al fatto che ci trovavamo in pieno fascismo, decide di fermarsi qui. Sono venditori ambulanti di collane di perle false che si trovano già in Europa da qualche tempo. Arrivano tutti dalla stessa parte della Cina, una piccola area di 50 chilometri quadrati che si sviluppa lungo le valli che costeggiando le sponde del fiume nella zona che oggi identifichiamo come il distretto di Guangdong.
Il tratto caratteristico di questi cinesi è che sono tutti uomini. Già all’inizio degli anni ’30 cominciano a sposare donne italiane e dare vita alle prime famiglie miste. L’apporto delle donne italiane è fondamentale nella vicenda di questi migranti, perché le donne portano in dote non solo una rete di relazioni che permette a questi cinesi di inserirsi perfettamente nel tessuto sociale, ma anche tutta una serie di competenze tecniche, soprattutto per quanto riguarda il taglio e il cucito, che permette a questi cinesi di trasformarsi da venditori ambulanti a proprietari veri e propri di laboratori di cravatte e pelletteria. Da lì il libro racconta come si evolve la nostra Chinatown e la nostra città. Il nostro obiettivo era far capire che la storia dei cinesi in Italia in realtà è la storia di noi italiani, è la storia di tutte le nostre città.

L’appuntamento con l’evento per festeggiare l’uscita di Chinamen in Cina è per il 30 gennaio 2020 alle 18.00 presso l’auditorium Mudec in via Tortona 56.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di sabato 02/07/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 07/02/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 01/07/2022 delle 19:51

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 07/01/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    News della notte di sabato 02/07/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 07/02/2022

  • PlayStop

    Ollearo.con di sabato 02/07/2022

    Un faro nel weekend per orientare la community di RP. Il collante a tenuta super che tiene insieme gli elementi…

    Ollearo.con - 07/02/2022

  • PlayStop

    Good Times di sabato 02/07/2022

    25° “Voci per la libertà - Una canzone per Amnesty”; Biennale Teatro; Tiziana Ricci e l’arte; ; i consigli di…

    Good Times - 07/02/2022

  • PlayStop

    Piovono radio di sabato 02/07/2022

    Il direttore di Radio Popolare Sandro Gilioli a confronto con ascoltatori e ascoltatrici.

    Piovono radio - 07/02/2022

  • PlayStop

    News della notte di venerdì 01/07/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 07/01/2022

  • PlayStop

    Esteri di venerdì 01/07/2022

    1-La lezione di Odessa. L’Ucraina è diventata il teatro della nuova guerra fredda e alla fine muoiono i civili. L’attacco…

    Esteri - 07/01/2022

  • PlayStop

    Lezioni antimafia: Alberto Guariso e Gianfranco Schiavone

    Nono e ultimo incontro di “Lezioni di antimafia”. Gli ospiti sono Alberto Guariso, avvocato ASGI (Associazione Studi Giuridici Immigrazione) e…

    Lezioni di antimafia - 01/07/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di venerdì 01/07/2022

    Dove non si saluta solo l'ultima puntata di "Muoviti, muoviti" ma anche un po' tutte le ultime puntate di oggi…

    Muoviti muoviti - 07/01/2022

  • PlayStop

    Di tutto un boh di venerdì 01/07/2022

    l’Italia è una repubblica fondata sul sentito dire. Tra cliché e cose spiegate male, è un attimo perdersi un pezzo…

    Di tutto un boh - 07/01/2022

  • PlayStop

    L'Europa in casa nostra di venerdì 01/07/2022

    Una delle principali sfide che l’Unione europea sta affrontando oggi è legata a questa domanda: come portare lo spirito e…

    L’Europa in casa nostra - 07/01/2022

  • PlayStop

    Jack di venerdì 01/07/2022

    Lo spinotto musicale di Radio Popolare si prende cura del vostro primo pomeriggio e della vostra passione per la musica,…

    Jack - 07/01/2022

  • PlayStop

    Gianluca Alzati, Volevo fare la corridora. La vita, la passione, le battaglie della campionessa di ciclismo Morena Tartagni

    GIANLUCA ALZATI – VOLEVO FARE LA CORRIDORA. LA VITA, LA PASSIONE, LE BATTAGLIE DELLA CAMPIONESSA DI CICLISMO MORENA TARTAGLI –…

    Note dell’autore - 07/01/2022

  • PlayStop

    I risparmi de Maria Cazzetta

    quando chiediamo agli ascoltatori dei loro vani tentativi di risparmiare piccole cifre per poi finire a spenderne di maggiori, tra…

    Poveri ma belli - 07/01/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di venerdì 01/07/2022 delle 12:46

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 07/01/2022

  • PlayStop

    Cult di venerdì 01/07/2022

    a Welcome to Socotra i Cantieri Teatrali Koreja propongono „Alessandro „, La mostra „Luna Park dell‘anima, Coney Island“ di Maurizio…

    Cult - 07/01/2022

Adesso in diretta