Approfondimenti

Gli strappi interni al Partito Democratico, le rivelazioni sul caso Dugin e le altre notizie della giornata

enrico letta

Il racconto della giornata di giovedì 6 ottobre 2022 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30
Il Partito Democratico tra confusione e strappi interni e la sua ripartenza mancata. Le rivelazioni sul caso di Daria Dugina. Il naufragio di migranti al largo dell’isola di Lesbo. Annie Ernaux vince il premio Nobel per la letteratura 2022.

Strappi e confusione all’interno del Partito Democratico

(di Anna Bredice)

Sciogliere le correnti, anzi il correntismo, chiede Verini, Provenzano denuncia un dossieraggio interno per togliere dalla lista un ragazzo di 28 anni. La direzione del Partito democratico, una lunghissima riunione in streaming durata dieci ore, ha tirato fuori tutto il malcontento, la frustrazione, le critiche di un partito che dopo anni di governo, ora passa all’opposizione. Una specie di choc collettivo che si nota anche nei nervi tesi delle persone in sala. I sospetti che gli interventi risentano del bilancino delle correnti, la corsa a intervenire nelle ore clou perché in streaming: la prima occasione per parlare delle elezioni mostra un partito come direbbe Almodovar sull’orlo di una crisi di nervi. Letta in mattinata ha indicato i tempi del congresso e abbozzato qualche autocritica, quella più evidente è stato l’errore riconosciuto di aver sostenuto troppi governi di unità nazionale, ora è tempo invece, dice, di andare all’opposizione, dura e intransigente ed essere pronti per andare al voto, perché il governo della destra potrebbe non durare a lungo. Un’autocritica che Anna Ascani traduce con una immagine molto chiara, “quando si rompe un tubo chiami l’idraulico, noi siamo stati l’idraulico del paese”. Orlando fa sua questa riflessione, “siamo diventati l’agenda Monti e l’agenda Draghi”. Ma Orlando, che forse aspira a diventare il candidato di un’area di sinistra, affronta un altro punto, che Letta non ha completamente scoperchiato. “Dobbiamo decidere da che parte stare nel conflitto sociale, perché quando diciamo che il reddito di cittadinanza deve essere modificato chi ce l’ha non ti vota perché pensa che lo vuoi togliere, chi lo vuole togliere non ti vota perché pensa che lo vuoi tenere, ammette Orlando. Nelle decine di interventi sono stati toccati tanti punti deboli del partito, per alcuni anche personali, come nel caso di Cirinnà e di Morani che hanno pagato lo scotto di stare in collegi perdenti. Critiche al modo con cui si sono fatte le alleanze elettorali considerate come un fine e non come un mezzo per vincere e poi i tempi del congresso e su questi si intravede la guerra tra le correnti del partito, perché chi sostiene Bonaccini vuole fare in fretta, altri chiedono tempi più lunghi. Letta indica marzo come chiusura del tutto, cinque mesi, un periodo importante perché saranno i primi di un governo di destra e perché ci saranno le regionali, gestite ancora dall’attuale segretario, che non si candida ma deve gestire una transizione difficile.

La ripartenza mancata del Partito Democratico

(di Michele Migone)

Se la riunione della Direzione Nazionale del PD doveva essere l’inizio di un processo di rifondazione del partito, la partenza è stata fatta con il piede sbagliato. La relazione di Enrico Letta non è stata quella di un momento spartiacque nella storia dei democratici: il segretario è pronto a passare il testimone, non a ricostruire la casa dalle fondamenta. Per merito degli interventi di alcune donne, il dibattito è stato esplicito sulla questione di genere dentro il partito, ma è risultato invece piuttosto anestetizzato sul resto, sugli errori politici fatti in questi anni. Tra qualche frecciata polemica contro gli avversari interni, diverse auto assoluzioni, alcune rare riflessioni sugli effetti immobilizzanti sul partito delle correnti e dei loro capi, la direzione nazionale non è stato il momento catartico che alcuni si aspettavano. Un dibattito incline a concentrarsi più su a come arrivare al Congresso, alle candidature che emergeranno, piuttosto che a porre le basi per una discussione profonda sull’identità politica che dovrebbe assumere il PD. L’impressione è quella di un percorso già scelto, ma non esplicitato: un nuovo segretario che possa mantenere gli equilibri interni – Stefano Bonaccini rimane il più quotato -, capace di allargare la base del consenso, non solo perché darà vigore alla questione dei diritti sociali oltre a quelli civili, ma soprattutto perché sarà in grado di approfittare delle possibili fratture della Destra al governo; forse il pensiero è che Giorgia Meloni non riesca a stare 5 anni a Palazzo Chigi. Se questa fosse la scommessa del Pd, si tratterebbe di una scommessa giocata più sui possibili errori altrui che sulla conquista di una nuova identità politica. Un scommessa che, se persa, renderebbe la traversata nel deserto dell’intera sinistra italiana ancora più lunga.

Le rivelazioni del New York Times sulla responsabilità della morte di Daria Dugina

Mentre in Europa si discute delle conseguenze della guerra in campo economico ed energetico, in Ucraina la controffensiva di Kiev continua: dall’inizio di ottobre nella provincia di Kherson sono stati riconquistati circa 400 chilometri quadrati di territorio. E questo nonostante i pesanti bombardamenti che Mosca ha ripreso a condurre di notte su molte città lungo la linea di contatto.

Sul piano delle sanzioni, oggi l’unione europea ha aggiunto l’ideologo ultranazionalista Alexandre Dugin alla lista dei soggetti vicini al regime di Putin sottoposti a sanzioni. L’annuncio arriva all’indomani delle rivelazioni, riportate dal New York Times, secondo cui l’intelligence statunitense attribuisce a Kiev, e ad ambienti vicini al presidente Zelensky, l’organizzazione dell’attentato in cui è morta la figlia dell’ideologo di Putin. Perchè Washington, in questo momento della guerra, lascia trapelare un’accusa così pesante nei confronti del governo di Kiev? lo abbiamo chiesto all’americanista Mario Del Pero.

Naufragio al largo dell’isola di Lesbo: 22 vittime accertate

Nel mar Egeo il vento forte sta ostacolando le ricerche dei dispersi, dopo i due naufragi di migranti avvenuti nel giro di poche ore tra Grecia e Turchia. Sono 22 le vittime finora accertate, ma potrebbero essere di più: all’appello mancano ancora decine di persone. “Le operazioni sono complesse, è difficile entrare in azione con le barche a causa dei venti, le speranze di recuperare qualcuno in vita sono molto poche”, ha dichiarato la guardia costiera greca.
Sul gommone, affondato questa mattina al largo dell’isola di Lesbo, c’erano quasi solo donne. Sedici di loro sono morte nel naufragio. Provenivano dall’Africa, soprattutto dalla Somalia. Negli ultimi tempi una delle rotte più battute dai migranti è quella che ha come destinazione l’Arabia Saudita.
Ce lo ha spiegato Miriam Bressaglia, capo progetto di InterSos a Lesbo.

Il premio Nobel per la letteratura va a Annie Ernaux

Il premio Nobel per la letteratura 2022 è stato assegnato alla scrittrice francese Annie Ernaux. Nella motivazione del premio, l’Accademia svedese ha lodato “il coraggio e l’acutezza clinica con cui Ernaux scopre le radici, gli allontanamenti e i vincoli collettivi della memoria personale”. La scrittrice ha saputo del premio dalla Tv, nella sua casa nei sobborghi parigini. Raggiunta la sede dell’editore Gallimard, Ernaux ha usato il riconoscimento per parlare dei diritti delle donne. “Lotterò fino al mio ultimo respiro affinché le donne possano scegliere se essere madri o meno – ha detto. E ha continuato: “la contraccezione e il diritto all’aborto sono un diritto fondamentale, la matrice della libertà delle donna”. Citando la situazione politica italiana, Ernaux ha spiegato che l’estrema destra “nella storia non è stata mai favorevole alle donne”. Nata 82 anni in una famiglia di piccoli commercianti della Normandia, Annie Ernaux è stata insegnante e negli anni Settanta militante del movimento femminista. Il suo primo romanzo, del 1974, è “Gli armadi vuoti”. Da allora – in opere come “Il posto”, “Gli anni”, “L’altra figlia”, “Memoria di ragazza”, “L’evento” – Ernaux ha sviluppato una forma-romanzo che intreccia prosa narrativa, diaristica, biografia, sociologia. Con uno stile scabro, intimo, diretto, Annie Ernaux è riuscita a raccontare episodi della sua vita – l’aborto, gli amori exta-coniugali, la vergogna dell’ascesa sociale, la malattia – facendone specchio di un’esperienza più vasta e universale.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR domenica 25/02 8:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 25-02-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di venerdì 23/02/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 23-02-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 23/02/2024 delle 19:48

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 23-02-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Apertura musicale classica di domenica 25/02/2024

    La musica classica e le sue riverberazioni con Carlo Lanfossi per augurare un buon risveglio a “tutte le mattine del mondo”. Novità discografiche, segnalazioni di concerti, rassegna stampa musicale e qualunque altra scusa pur di condividere con voi le musiche che ascolto, ho ascoltato e ascolterò per tutta la settimana.

    Apertura musicale classica - 25-02-2024

  • PlayStop

    Emergenza di sabato 24/02/2024

    La trasmissione sulle novità musicali della scena emergente italiana. Per chi crede nel talento dei giovani artisti o ha solo voglia di scoprire nuova musica. Le canzoni in primo piano, ma anche tanti ospiti che ci raccontano la loro storia. Conduce La Melchi. - @lamelchi_

    Emergenza - 24-02-2024

  • PlayStop

    Snippet di sabato 24/02/2024

    Un viaggio musicale, a cura di missinred, attraverso remix, campioni, sample, cover, edit, mash up. Sabato dalle 22:45 alle 23.45 (tranne il primo sabato di ogni mese)

    Snippet - 24-02-2024

  • PlayStop

    News della notte di sabato 24/02/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 24-02-2024

  • PlayStop

    Warm-up di sabato 24/02/2024

    musica by Davide Facchini

    Warm-up - 24-02-2024

  • PlayStop

    Il sabato del villaggio di sabato 24/02/2024

    Il sabato del villaggio... una trasmissione totalmente improvvisata ed emozionale. Musica a 360°, viva, legata e slegata dagli accadimenti. Come recita la famosa canzone del fu Giacomo: Questo di sette è il più grandioso giorno, pien di speme e di gioia: di man tristezza e noia recheran l'ore, ed il travaglio usato ciascuno in suo pensier farà ritorno.

    Il sabato del villaggio - 24-02-2024

  • PlayStop

    Senti un po’ di sabato 24/02/2024

    Senti un po’ è un programma della redazione musicale di Radio Popolare, curata e condotta da Niccolò Vecchia, che da vent’anni si occupa di novità musicali su queste frequenze. Ospiti, interviste, minilive, ma anche tanta tanta musica nuova. 50 minuti (circa…) con cui orientarsi tra le ultime uscite italiane e internazionali. Da ascoltare anche in Podcast (e su Spotify con le playlist della settimana). Senti un po’. Una trasmissione di Niccolò Vecchia In onda il sabato dalle 18.30 alle 19.30.

    Senti un po’ - 24-02-2024

  • PlayStop

    Stay human di sabato 24/02/2024

    Ogni sabato dalle 17.35 alle 18.30, musica e parole che ci tirano su il morale in compagnia di Claudio Agostoni e il fedele Fela.

    Stay human - 24-02-2024

  • PlayStop

    Jailhouse Rock di sabato 24/02/2024

    Suoni, suonatori e suonati dal mondo delle prigioni Jailhouse Rock è una trasmissione radiofonica in onda su Radio Popolare e altre radio di Popolare Network, Radio Sonica, Radio Beckwith, Radio Zainet e Radio Onda d’Urto e altre ancora. In Jailhouse Rock storie di musica e di carcere si attraversano le une con le altre. Alla trasmissione collaborano detenuti del carcere romano di Rebibbia Nuovo Complesso e del carcere milanese di Bollate. Dando vita alla prima esperienza del genere, ogni settimana realizzano un Giornale radio dal carcere (Grc) in onda all’interno di Jailhouse Rock, nonché delle cover degli artisti ascoltati nella puntata. Ogni sabato dalle 16.30 alle 17.30, a cura di Patrizio Gonnella e Susanna Marietti. http://www.jailhouserock.it/ https://www.facebook.com/Jailhouse-Rock-451755678297925/

    Jailhouse Rock - 24-02-2024

  • PlayStop

    10 Pezzi di sabato 24/02/2024

    Una colonna sonora per il sabato pomeriggio, 45 minuti di musica con cui attraversare il repertorio di grandi artisti che hanno fatto la storia.

    10 Pezzi - 24-02-2024

  • PlayStop

    DOC – Tratti da una storia vera di sabato 24/02/2024

    I documentari e le docu-serie sono diventati argomento di discussione online e offline: sesso, yoga, guru, crimine, storie di ordinaria follia o di pura umanità. In ogni puntata DOC ne sceglierà uno per indagare e approfondire, anche dopo i titoli di coda, tematiche sempre più attuali, spesso inesplorate ma di grande rilevanza socio-culturale. E, tranquilli, no spoiler! A cura di Roberta Lippi e Francesca Scherini In onda sabato dalle 15 alle 15.30

    DOC – Tratti da una storia vera - 24-02-2024

  • PlayStop

    Chassis di sabato 24/02/2024

    con Margherita Buy su "Volare"; Vito Zagarrio parla di "Le seduzioni"; Giovanni Piperno e la storia di "16mm alla rivoluzione"; Velania A. Mesay presenta il documentario "Agape". Tra le uscite: "La zona d'interesse" di Jonathan Glazer; "Emma e il giaguaro nero" di Gilles de Maistre; "Night Swim" di Bryce Mc Guire.

    Chassis - 24-02-2024

  • PlayStop

    Climitologie S1 - E4

    La rubrica settimanale che smaschera le bufale sul cambiamento climatico a cura di Sara Milanese

    Clip - 24-02-2024

  • PlayStop

    I girasoli di sabato 24/02/2024

    La trasmissione è un appuntamento con l’arte e la fotografia e con le ascoltatrici e gli ascoltatori che vogliono avere più notizie ed approfondimenti in quell’ambito della cultura che cerchiamo di racchiudere nella definizione “Arti Visive”. A cura di Tiziana Ricci va in onda il sabato alle 13.15 e vuole essere un viaggio fra alcuni degli eventi più importanti della settimana, ma non solo. Interviste ai protagonisti per scoprire le idee che stanno dietro la loro ricerca creativa e rendere cosi’ accessibile a tutti il significato delle loro opere. Vi proporremo anche le opinioni dei critici che stimiamo di piu’ per la loro onesta’ intellettuale e cercheremo di avere un’attenzione particolare per giovani talenti che come ben sappiamo hanno difficolta’ a far conoscere il loro lavoro.Infine ci auguriamo che ” I GIRASOLI ” possa essere uno strumento utile per capire se gli eventi che ci vengono proposti sono operazioni culturali serie oppure frutto di furbizie che hanno come obiettivo solo business o intenti propagandistici.Ci sembra che questa attenzione sia piu’ che mai necessaria oggi dato che assistiamo a un grande aumento degli eventi , molti dei quali di pessima qualità. Contiamo anche di dare spazio a notizie ed eventuali polemiche che riguardano i progetti di politica culturale.

    I girasoli - 24-02-2024

  • PlayStop

    Good Times di sabato 24/02/2024

    Good Times è il trampolino per tuffarsi in bello stile nel weekend. Visioni, letture, palchi, percorsi, incontri, esperienze, attività. Gli appuntamenti fissati dal calendario, ma anche le occasioni offerte dall’ozio. Un dispenser di proposte e suggestioni per vivere al meglio il proprio tempo libero. Tutti i sabati, dalle 11.30 alle 13, Good Times è il nostro viaggio nelle proposte del fine settimana. E insieme il nostro augurio per trascorrere giorni belli e momenti felici. Conduce Elena Mordiglia.

    Good Times - 24-02-2024

Adesso in diretta