Approfondimenti

Gli strappi interni al Partito Democratico, le rivelazioni sul caso Dugin e le altre notizie della giornata

enrico letta

Il racconto della giornata di giovedì 6 ottobre 2022 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30
Il Partito Democratico tra confusione e strappi interni e la sua ripartenza mancata. Le rivelazioni sul caso di Daria Dugina. Il naufragio di migranti al largo dell’isola di Lesbo. Annie Ernaux vince il premio Nobel per la letteratura 2022.

Strappi e confusione all’interno del Partito Democratico

(di Anna Bredice)

Sciogliere le correnti, anzi il correntismo, chiede Verini, Provenzano denuncia un dossieraggio interno per togliere dalla lista un ragazzo di 28 anni. La direzione del Partito democratico, una lunghissima riunione in streaming durata dieci ore, ha tirato fuori tutto il malcontento, la frustrazione, le critiche di un partito che dopo anni di governo, ora passa all’opposizione. Una specie di choc collettivo che si nota anche nei nervi tesi delle persone in sala. I sospetti che gli interventi risentano del bilancino delle correnti, la corsa a intervenire nelle ore clou perché in streaming: la prima occasione per parlare delle elezioni mostra un partito come direbbe Almodovar sull’orlo di una crisi di nervi. Letta in mattinata ha indicato i tempi del congresso e abbozzato qualche autocritica, quella più evidente è stato l’errore riconosciuto di aver sostenuto troppi governi di unità nazionale, ora è tempo invece, dice, di andare all’opposizione, dura e intransigente ed essere pronti per andare al voto, perché il governo della destra potrebbe non durare a lungo. Un’autocritica che Anna Ascani traduce con una immagine molto chiara, “quando si rompe un tubo chiami l’idraulico, noi siamo stati l’idraulico del paese”. Orlando fa sua questa riflessione, “siamo diventati l’agenda Monti e l’agenda Draghi”. Ma Orlando, che forse aspira a diventare il candidato di un’area di sinistra, affronta un altro punto, che Letta non ha completamente scoperchiato. “Dobbiamo decidere da che parte stare nel conflitto sociale, perché quando diciamo che il reddito di cittadinanza deve essere modificato chi ce l’ha non ti vota perché pensa che lo vuoi togliere, chi lo vuole togliere non ti vota perché pensa che lo vuoi tenere, ammette Orlando. Nelle decine di interventi sono stati toccati tanti punti deboli del partito, per alcuni anche personali, come nel caso di Cirinnà e di Morani che hanno pagato lo scotto di stare in collegi perdenti. Critiche al modo con cui si sono fatte le alleanze elettorali considerate come un fine e non come un mezzo per vincere e poi i tempi del congresso e su questi si intravede la guerra tra le correnti del partito, perché chi sostiene Bonaccini vuole fare in fretta, altri chiedono tempi più lunghi. Letta indica marzo come chiusura del tutto, cinque mesi, un periodo importante perché saranno i primi di un governo di destra e perché ci saranno le regionali, gestite ancora dall’attuale segretario, che non si candida ma deve gestire una transizione difficile.

La ripartenza mancata del Partito Democratico

(di Michele Migone)

Se la riunione della Direzione Nazionale del PD doveva essere l’inizio di un processo di rifondazione del partito, la partenza è stata fatta con il piede sbagliato. La relazione di Enrico Letta non è stata quella di un momento spartiacque nella storia dei democratici: il segretario è pronto a passare il testimone, non a ricostruire la casa dalle fondamenta. Per merito degli interventi di alcune donne, il dibattito è stato esplicito sulla questione di genere dentro il partito, ma è risultato invece piuttosto anestetizzato sul resto, sugli errori politici fatti in questi anni. Tra qualche frecciata polemica contro gli avversari interni, diverse auto assoluzioni, alcune rare riflessioni sugli effetti immobilizzanti sul partito delle correnti e dei loro capi, la direzione nazionale non è stato il momento catartico che alcuni si aspettavano. Un dibattito incline a concentrarsi più su a come arrivare al Congresso, alle candidature che emergeranno, piuttosto che a porre le basi per una discussione profonda sull’identità politica che dovrebbe assumere il PD. L’impressione è quella di un percorso già scelto, ma non esplicitato: un nuovo segretario che possa mantenere gli equilibri interni – Stefano Bonaccini rimane il più quotato -, capace di allargare la base del consenso, non solo perché darà vigore alla questione dei diritti sociali oltre a quelli civili, ma soprattutto perché sarà in grado di approfittare delle possibili fratture della Destra al governo; forse il pensiero è che Giorgia Meloni non riesca a stare 5 anni a Palazzo Chigi. Se questa fosse la scommessa del Pd, si tratterebbe di una scommessa giocata più sui possibili errori altrui che sulla conquista di una nuova identità politica. Un scommessa che, se persa, renderebbe la traversata nel deserto dell’intera sinistra italiana ancora più lunga.

Le rivelazioni del New York Times sulla responsabilità della morte di Daria Dugina

Mentre in Europa si discute delle conseguenze della guerra in campo economico ed energetico, in Ucraina la controffensiva di Kiev continua: dall’inizio di ottobre nella provincia di Kherson sono stati riconquistati circa 400 chilometri quadrati di territorio. E questo nonostante i pesanti bombardamenti che Mosca ha ripreso a condurre di notte su molte città lungo la linea di contatto.

Sul piano delle sanzioni, oggi l’unione europea ha aggiunto l’ideologo ultranazionalista Alexandre Dugin alla lista dei soggetti vicini al regime di Putin sottoposti a sanzioni. L’annuncio arriva all’indomani delle rivelazioni, riportate dal New York Times, secondo cui l’intelligence statunitense attribuisce a Kiev, e ad ambienti vicini al presidente Zelensky, l’organizzazione dell’attentato in cui è morta la figlia dell’ideologo di Putin. Perchè Washington, in questo momento della guerra, lascia trapelare un’accusa così pesante nei confronti del governo di Kiev? lo abbiamo chiesto all’americanista Mario Del Pero.

Naufragio al largo dell’isola di Lesbo: 22 vittime accertate

Nel mar Egeo il vento forte sta ostacolando le ricerche dei dispersi, dopo i due naufragi di migranti avvenuti nel giro di poche ore tra Grecia e Turchia. Sono 22 le vittime finora accertate, ma potrebbero essere di più: all’appello mancano ancora decine di persone. “Le operazioni sono complesse, è difficile entrare in azione con le barche a causa dei venti, le speranze di recuperare qualcuno in vita sono molto poche”, ha dichiarato la guardia costiera greca.
Sul gommone, affondato questa mattina al largo dell’isola di Lesbo, c’erano quasi solo donne. Sedici di loro sono morte nel naufragio. Provenivano dall’Africa, soprattutto dalla Somalia. Negli ultimi tempi una delle rotte più battute dai migranti è quella che ha come destinazione l’Arabia Saudita.
Ce lo ha spiegato Miriam Bressaglia, capo progetto di InterSos a Lesbo.

Il premio Nobel per la letteratura va a Annie Ernaux

Il premio Nobel per la letteratura 2022 è stato assegnato alla scrittrice francese Annie Ernaux. Nella motivazione del premio, l’Accademia svedese ha lodato “il coraggio e l’acutezza clinica con cui Ernaux scopre le radici, gli allontanamenti e i vincoli collettivi della memoria personale”. La scrittrice ha saputo del premio dalla Tv, nella sua casa nei sobborghi parigini. Raggiunta la sede dell’editore Gallimard, Ernaux ha usato il riconoscimento per parlare dei diritti delle donne. “Lotterò fino al mio ultimo respiro affinché le donne possano scegliere se essere madri o meno – ha detto. E ha continuato: “la contraccezione e il diritto all’aborto sono un diritto fondamentale, la matrice della libertà delle donna”. Citando la situazione politica italiana, Ernaux ha spiegato che l’estrema destra “nella storia non è stata mai favorevole alle donne”. Nata 82 anni in una famiglia di piccoli commercianti della Normandia, Annie Ernaux è stata insegnante e negli anni Settanta militante del movimento femminista. Il suo primo romanzo, del 1974, è “Gli armadi vuoti”. Da allora – in opere come “Il posto”, “Gli anni”, “L’altra figlia”, “Memoria di ragazza”, “L’evento” – Ernaux ha sviluppato una forma-romanzo che intreccia prosa narrativa, diaristica, biografia, sociologia. Con uno stile scabro, intimo, diretto, Annie Ernaux è riuscita a raccontare episodi della sua vita – l’aborto, gli amori exta-coniugali, la vergogna dell’ascesa sociale, la malattia – facendone specchio di un’esperienza più vasta e universale.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di sabato 26/11/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 26/11/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 25/11/2022 delle 19:51

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 26/11/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    News della notte di sabato 26/11/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 26/11/2022

  • PlayStop

    Il sabato del villaggio di sabato 26/11/2022

    Il sabato del villaggio... una trasmissione totalmente improvvisata ed emozionale. Musica a 360°, viva, legata e slegata dagli accadimenti. Come…

    Il sabato del villaggio - 26/11/2022

  • PlayStop

    Senti un po’ di sabato 26/11/2022

    Senti un po’ è un programma della redazione musicale di Radio Popolare, curata e condotta da Niccolò Vecchia, che da…

    Senti un po’ - 26/11/2022

  • PlayStop

    Jailhouse Rock di sabato 26/11/2022

    Suoni, suonatori e suonati dal mondo delle prigioni Jailhouse Rock è una trasmissione radiofonica in onda su Radio Popolare e…

    Jailhouse Rock - 26/11/2022

  • PlayStop

    Ollearo.con di sabato 26/11/2022

    Un faro nel weekend per orientare la community di RP. Il collante a tenuta super che tiene insieme gli elementi…

    Ollearo.con - 26/11/2022

  • PlayStop

    DOC – Tratti da una storia vera di sabato 26/11/2022

    I documentari e le docu-serie sono diventati argomento di discussione online e offline: sesso, yoga, guru, crimine, storie di ordinaria…

    DOC – Tratti da una storia vera - 26/11/2022

  • PlayStop

    Chassis di sabato 26/11/2022

    Dal 2002 va in onda Chassis-Il contenitore di pellicole di Radio Popolare. Un programma pensato per informare ed evocare con…

    Chassis - 26/11/2022

  • PlayStop

    I girasoli di sabato 26/11/2022

    La trasmissione è un appuntamento con l’arte e la fotografia e con le ascoltatrici e gli ascoltatori che vogliono avere…

    I girasoli - 26/11/2022

  • PlayStop

    Good Times di sabato 26/11/2022

    Good Times è il trampolino per tuffarsi in bello stile nel weekend. Visioni, letture, palchi, percorsi, incontri, esperienze, attività. Gli…

    Good Times - 26/11/2022

  • PlayStop

    Piovono radio di sabato 26/11/2022

    Il direttore di Radio Popolare Sandro Gilioli a confronto con ascoltatori e ascoltatrici.

    Piovono radio - 26/11/2022

  • PlayStop

    Itaca di sabato 26/11/2022

    Itaca, viaggio nel presente. I giornali, l’attualità, il colloquio con chi ci ascolta. Ogni sabato dalle 8.45 alle 10.30.

    Itaca - 26/11/2022

  • PlayStop

    Let's spend the night together di sabato 26/11/2022

    Let's Spend The Night Together è il salottino rock'n'roll di Radio Popolare. Si parla di attualità, si passano le novità…

    Let’s spend the night together - 26/11/2022

  • PlayStop

    Doppia Acca di venerdì 25/11/2022

    Dal 2011 è la trasmissione dedicata all’hip-hop di Radio Popolare.

    Doppia_Acca - 26/11/2022

  • PlayStop

    News della notte di venerdì 25/11/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 26/11/2022

  • PlayStop

    Psicoradio di venerdì 25/11/2022

    Psicoradio, la radio della mente Nasce nel 2006, frutto della collaborazione tra il Dipartimento di Salute Mentale dell’Azienda Usl di…

    Psicoradio - 26/11/2022

  • PlayStop

    Sui Generis di venerdì 25/11/2022

    Una trasmissione che parla di donne e altre stranezze. Attualità, cultura, approfondimenti. Tutte le domeniche dalle 15.35 alle 16.30. A…

    Sui Generis - 26/11/2022

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di venerdì 25/11/2022

    I fatti più importanti della giornata sottoposti al dibattito degli ascoltatori e delle ascoltatrici.

    Quel che resta del giorno - 26/11/2022

  • PlayStop

    Esteri di venerdì 25/11/2022

    Il giro del mondo in 24 ore. Ideato da Chawki Senouci Data di nascita: 6 ottobre 2003 (magazine domenicale di…

    Esteri - 26/11/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di venerdì 25/11/2022

    (47 - 238) Dove si scopre che per fare il Vice Ministro degli Esteri non è così importante conoscere, almeno…

    Muoviti muoviti - 26/11/2022

Adesso in diretta