Approfondimenti

Gli interrogativi sulla strage jihadista

Amman come Parigi e Bruxelles. Un commando di terroristi ha fatto irruzione di prima mattina, nel primo giorno di Ramadan, ha sparato e lanciato bombe a mano contro l’ufficio dei servizi di sicurezza, al secondo piano di un edificio alle porte del campo profughi palestinesi di El Baqa’a, alla periferia settentrionale della capitale giordana. Cinque persone sono state uccise, tutti dipendenti dai Servizi: due impiegati e tre ufficiali. Si è evitata una strage ben più pesante, soltanto perché non era ancora iniziato il turno mattutino. Il personale presente in ufficio era quello del turno della notte, ridotto rispetto al lavoro diurno.

Per il momento nessuna rivendicazione, probabilmente perché due dei terroristi sono stati arrestati. Tutti gli analisti, però, puntano il dito contro Daiesh. Il ministro dell’informazione, Mohammed Al-Moamany, ha accusato implicitamente gli islamisti: “Gli autori sono elementi criminali, che non rappresentano la nostra fede moderata e che hanno versato sangue innocente nel primo giorno del Ramadan, il mese del digiuno e del perdono”. Queste parole possono essere interpretate come accusa ai jihaidsti siriani e iracheni oppure anche agli islamisti giordani.

L’altra ipotesi che viene avanzata, infatti, è la militarizzazione dell’estremismo islamista giordano, in seguito alle misure restrittive del governo contre la Fratellanza Musulmana, con la chiusura delle sedi e il ritiro delle licenze per le attività dei loro circoli.

Il campo profughi El Baqa’a è il più grande campo palestinese in Giordania ed è esistente dal 1967, ed è abitato di circa 100 mila persone, ai quali si sono aggiunti negli anni recenti i rifugiati siriani, in seguito al’accuirsi del conflitto nel paese arabo confinante.

Il sedicente Califfato non ha mai nascosto le sue minacce alla Giordania, considerata un perno importante della Coalizione, organizzata da Washington, per combattere il jihadismo in Iraq e Siria. La crudeltà con la quale era stato ucciso, arso vivo, il pilota giorndano, Muaz Qasassbeh, catturato nel nord della Siria nel dicembre 2014, dimostra il livore che i capi del jihadismo nero tengono nei confronti dell’azione della Giordania.

Uno dei perni sui quali Daesh potrebbe fare leva è la divisione nella società giordana tra la popolazione indigena e quella palestinese. Ma il governo, nella sua comunicazione, sembra voler scongiurare che queste diverse sensibilità possano diventare una frattura ulteriore nella quale l’azione terroristica tenti di incunearsi. Anche le autorità palestinesi sono sensbili al tema e non è tardata infatti la condanna da parte dell’ANP, per bocca dello stesso presidente, Mahmoud Abbas. Anche il movimento islamista Hamas ed altre organizzazioni palestinesi, che hanno uffici di rappresentanza in Giordania, hanno espresso cordoglio al governo ed alle famiglie delle vittime del dovere.

Lo stesso ufficio dei servizi di sicurezza di El Baqa’a è stato obiettivo di un fallito attacco simile, nel 2009, e allora il governo aveva accusato Al Qaeda di essere dietro l’operazione terroristica.

Se è terrorismo esterno oppure interno lo diranno le indagini e gli interrogatori dei due terroristi arrestati. Gli inquirenti stanno visionando tutte le registrazioni video delle camere di sorveglianza nella zona, per raccogliere ulteriori elementi. La stampa giordana sostiene che le forze di sicurezza sono alla ricerca di un’auto bianca che ha portato gli assalitori nel luogo dell’attentato.

Tre mesi fa, nella città settenterionale di Irbid, vicina al confine con la Siria, le forze speciali giordane hanno intercettato una cellula armata di jihadisti di Daesh, ingaggiando con loro una battaglia durata diverse ore, finita con sette miliziani e un agente uccisi. Dalle carte sequestrate nelle abitazioni dei membri della cellula, sono venute fuori piani terroristici per organizzare attacchi ad Amman e altre città giordane, sul modello attuato a Parigi prima e poi a Bruxelles.

  • Autore articolo
    Farid Adly
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di sabato 02/07/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 07/02/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 01/07/2022 delle 19:51

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 07/01/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Slide Pistons – Jam Session di sabato 02/07/2022

    La nuova frizzante trasmissione di Luciano Macchia e Raffaele Kohler. Tutti i sabati su Radio Popolare dalle 23.45. In onda…

    Slide Pistons – Jam Session - 07/02/2022

  • PlayStop

    News della notte di sabato 02/07/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 07/02/2022

  • PlayStop

    Stay human di sabato 02/07/2022

    Enzo Gentile ci racconta di Naturalmente Pianoforte, un festival toscano che prenderà il via il 20 luglio. Iasko e Kit…

    Stay human - 07/02/2022

  • PlayStop

    Senti un po’ di sabato 02/07/2022

    Senti un po’ è un programma della redazione musicale di Radio Popolare, curata e condotta da Niccolò Vecchia, che da…

    Senti un po’ - 07/02/2022

  • PlayStop

    Ollearo.con di sabato 02/07/2022

    Un faro nel weekend per orientare la community di RP. Il collante a tenuta super che tiene insieme gli elementi…

    Ollearo.con - 07/02/2022

  • PlayStop

    Good Times di sabato 02/07/2022

    25° “Voci per la libertà - Una canzone per Amnesty”; Biennale Teatro; Tiziana Ricci e l’arte; ; i consigli di…

    Good Times - 07/02/2022

  • PlayStop

    Piovono radio di sabato 02/07/2022

    Il direttore di Radio Popolare Sandro Gilioli a confronto con ascoltatori e ascoltatrici.

    Piovono radio - 07/02/2022

  • PlayStop

    Itaca di sabato 02/07/2022

    Itaca, viaggio nel presente. I giornali, l’attualità, il colloquio con chi ci ascolta. Ogni sabato dalle 8.45 alle 10.30.

    Itaca - 07/02/2022

  • PlayStop

    News della notte di venerdì 01/07/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 07/01/2022

  • PlayStop

    Esteri di venerdì 01/07/2022

    1-La lezione di Odessa. L’Ucraina è diventata il teatro della nuova guerra fredda e alla fine muoiono i civili. L’attacco…

    Esteri - 07/01/2022

  • PlayStop

    Lezioni antimafia: Alberto Guariso e Gianfranco Schiavone

    Nono e ultimo incontro di “Lezioni di antimafia”. Gli ospiti sono Alberto Guariso, avvocato ASGI (Associazione Studi Giuridici Immigrazione) e…

    Lezioni di antimafia - 01/07/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di venerdì 01/07/2022

    Dove non si saluta solo l'ultima puntata di "Muoviti, muoviti" ma anche un po' tutte le ultime puntate di oggi…

    Muoviti muoviti - 07/01/2022

  • PlayStop

    Di tutto un boh di venerdì 01/07/2022

    l’Italia è una repubblica fondata sul sentito dire. Tra cliché e cose spiegate male, è un attimo perdersi un pezzo…

    Di tutto un boh - 07/01/2022

  • PlayStop

    L'Europa in casa nostra di venerdì 01/07/2022

    Una delle principali sfide che l’Unione europea sta affrontando oggi è legata a questa domanda: come portare lo spirito e…

    L’Europa in casa nostra - 07/01/2022

  • PlayStop

    Jack di venerdì 01/07/2022

    Lo spinotto musicale di Radio Popolare si prende cura del vostro primo pomeriggio e della vostra passione per la musica,…

    Jack - 07/01/2022

  • PlayStop

    Gianluca Alzati, Volevo fare la corridora. La vita, la passione, le battaglie della campionessa di ciclismo Morena Tartagni

    GIANLUCA ALZATI – VOLEVO FARE LA CORRIDORA. LA VITA, LA PASSIONE, LE BATTAGLIE DELLA CAMPIONESSA DI CICLISMO MORENA TARTAGLI –…

    Note dell’autore - 07/01/2022

  • PlayStop

    I risparmi de Maria Cazzetta

    quando chiediamo agli ascoltatori dei loro vani tentativi di risparmiare piccole cifre per poi finire a spenderne di maggiori, tra…

    Poveri ma belli - 07/01/2022

Adesso in diretta