Approfondimenti

Giuseppe Sala e questa foto

Il sindaco uscente di Milano, Giuliano Pisapia, è andato in televisione poche ore prima di incontrare Renzi per un colloquio che si presume decisivo per sciogliere i nodi delle primarie milanesi ma, di decisivo, non ha detto nulla.

Sembra che il segretario del Pd abbia un argomento formidabile per convincere Pisapia ad accettare che l’ex commissario di Expo 2015 diventi il suo successore: un documento a favore di Sala firmato dalla dirigenza milanese del Pd e da rappresentanti della cosiddetta “società civile” che nel 2011 appoggiarono lo stesso Pisapia.

Che il gruppo dirigente milanese del Pd sia favorevole alla candidatura di Giuseppe Sala non è una novità.

Ieri Pisapia ha usato parole che lasciano spazio all’interpretazione: “a me non risulta che Renzi abbia già scelto Sala”, ha affermato. In realtà Renzi pare molto deciso sul nome del successore.

Quello che Pisapia cercherà di fare, oggi, sarà convincere Renzi ad accettare uno schema che il presidente del Consiglio considera superato: quello del centrosinistra che lo stesso Pisapia definisce “largo, aperto”. Quel centrosinistra non esiste più. In parte per i travagli a sinistra con i tentativi di creare soggetti politici nuovi da parte di Civati e Fassina, con l’addio di Rifondazione e con le divisioni dentro Sel; e in parte per la scelta del Pd renziano di puntare tutto sullo schema del partito a vocazione maggioritaria.

Pisapia, che parla di “decisione da lasciare ai cittadini milanesi di centrosinistra” evoca in maniera indiretta una immagine: la manifestazione del 3 maggio, quando il sindaco guidò un corteo di migliaia di persone che, una domenica pomeriggio, andarono a ripulire le scritte lasciate dai manifetanti anti Expo. Lì assunsero consistenza l’idea e forse la retorica della “Milano civica” di cui parla Pisapia. Già in quel corteo, però, si notava come la partecipazione fosse più ampia rispetto al perimetro del centrosinistra. In prima fila, accanto al sindaco, c’era ad esempio Raffaele Cattaneo, presidente del Consiglio della Regione Lombardia, ciellino, esponente di Ncd.

E, ironia del destino, a guidare Expo c’era Giuseppe Sala.

  • Autore articolo
    Luigi Ambrosio
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di venerdì 30/09/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 30/09/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 30/09/2022 delle 7:15

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 30/09/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    37e2 di venerdì 30/09/2022

    Se non è febbre, quasi. 37 e 2 è la trasmissione dedicata ai temi dell’invalidità e della non autosufficienza. Dalle…

    37 e 2 - 30/09/2022

  • PlayStop

    Alessandro Baricco, La via della narrazione

    ALESSANDRO BARICCO – LA VIA DELLA NARRAZIONE – presentato da IRA RUBINI

    Note dell’autore - 30/09/2022

  • PlayStop

    Il giorno delle locuste di venerdì 30/09/2022

    Le locuste arrivano come orde, mangiano tutto quello che trovano sul loro cammino e lasciano solo desertificazione e povertà. Gianmarco…

    Il giorno delle locuste - 30/09/2022

  • PlayStop

    Il giorno delle locuste di venerdì 30/09/2022

    Le locuste arrivano come orde, mangiano tutto quello che trovano sul loro cammino e lasciano solo desertificazione e povertà. Gianmarco…

    Il giorno delle locuste - 30/09/2022

  • PlayStop

    Il demone del tardi di venerdì 30/09/2022

    a cura di Gianmarco Bachi

    Il demone del tardi - 30/09/2022

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di venerdì 30/09/2022

    Notizie, opinioni, punti di vista tratti da un'ampia gamma di fonti - stampa cartacea, social media, Rete, radio e televisioni…

    Esteri – La rassegna stampa internazionale - 30/09/2022

  • PlayStop

    Caffè nero bollente di venerdì 30/09/2022

    Ogni mattina dalle 6 alle 7 insieme a Florencia Di Stefano-Abichain sfogliamo i giornali, ascoltiamo bella musica e ci beviamo…

    Caffè Nero Bollente - 30/09/2022

  • PlayStop

    Serve & Volley di giovedì 29/09/2022

    Musica e parole per chiudere in bellezza il palinsesto dei giovedì! Con Marco Sambinello e Niccolò Guffanti.

    Serve&Volley - 30/09/2022

  • PlayStop

    News della notte di giovedì 29/09/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 30/09/2022

  • PlayStop

    Live Pop di giovedì 29/09/2022

    Dal 15 settembre, ogni giovedì alle 21, l’auditorium Demetrio Stratos di Radio Popolare torna ad ospitare concerti, presentazioni di libri,…

    Live Pop - 30/09/2022

  • PlayStop

    Camere Oscure di giovedì 29/09/2022

    Camere Oscure è la trasmissione che Radio Popolare dedica alla campagna elettorale. Da lunedì 12 a venerdi' 24 settembre, tutti…

    Camere Oscure - 30/09/2022

  • PlayStop

    Esteri di giovedì 29/09/2022

    1-Domani Putin certificherà l’annessione del Donbass. L’ Onu ribadisce che non ha valore legale e merita di essere condannata. 2-Francia.…

    Esteri - 30/09/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di giovedì 29/09/2022

    (13 - 204) Dove si commenta con Luca Paladini, dei Sentinelli, la sentenza del Tribunale di Trieste che ha condannato…

    Muoviti muoviti - 30/09/2022

  • PlayStop

    Di tutto un boh di giovedì 29/09/2022

    l’Italia è una repubblica fondata sul sentito dire. Tra cliché e cose spiegate male, è un attimo perdersi un pezzo…

    Di tutto un boh - 30/09/2022

  • PlayStop

    Madeleines di giovedì 29/09/2022

    Un ricordo può arrivare inaspettato, portandosi dietro la nostalgia di un mondo. Basta un accordo, una canzone, un suono. In…

    Madeleines - 30/09/2022

Adesso in diretta