Approfondimenti

Giorgio fa il Re: “comanda il Quirinale”

Se fosse per Napolitano, si farebbe un governo di tutti’.

Da destra a sinistra, su una cosa, questa, sono d’accordo.

Il giudizio su Renzi è impietoso.

Il voto ha bocciato l’auto esaltazione dei governi” ha scandito il presidente emerito mentre Renzi, in silenzio, lo ascoltava seduto sul suo nuovo scranno da senatore.

Io ti ho creato, io ti distruggo, si potrebbe interpretare, visto che fu Napolitano al Quirinale a favorire l’ascesa di Renzi a Palazzo Chigi e il suo consolidamento al potere.

Una stroncatura per Renzi il quale, uscendo dall’aula dopo la sospensione dei lavori, sorrideva ma non riusciva a nascondere la rabbia: “sto zitto per due anni” diceva ai cronisti, dando poi appuntamento al pomeriggio.

“Glielo perdoniamo perché è lui” commenta un renziano. In realtà, le orecchie fumano.

L’analisi del voto del 4 marzo non è solo una bocciatura di Renzi ma è una stroncatura del vecchio sistema. Di cui lui, il redivivo Re Giorgio, è stato protagonista.

“Sulla scena politica nazionale il voto del 4 marzo ha determinato un netto spartiacque -ha detto Napolitano- a inequivocabile vantaggio dei movimenti e delle coalizioni che hanno compiuto un balzo in avanti clamoroso nel consenso degli elettori e che quindi di fatto sono oggi candidati a governare il Paese. Ha contato molto nelle scelte degli elettori il fatto che i cittadini abbiano sentito i partiti tradizionali lontani e chiusi rispetto alle sofferte vicende personali di tanti e a diffusi sentimenti di insicurezza e di allarme”

L’invito a 5 Stelle e centrodestra ad assumersi le proprie responsabilità suona più come un monito, quasi una minaccia alle forze che non stanno riuscendo a trovare un accordo per eleggere i presidenti di Camera e Senato, figuriamoci il Governo.

Le randellate sono per tutti. Ma il passaggio chiave è il riferimento al Capo dello Stato, Sergio Mattarella: ” Per aprire, nell’attuale scenario, nuove prospettive al Paese sono insieme essenziali il rispetto della volontà popolare e il rispetto delle prerogative del Presidente della Repubblica, al quale rivolgo a nome di voi tutti l’espressione calorosa della nostra stima e fiducia”

 

Napolitano lancia una sfida: chi ha vinto deve governare, ma senza uscire dai binari che sono dati dalle cornici politiche consolidate, in Italia e in Europa. E deve prepararsi a condividere le responsabilità, se necessario. Come sostiene il presidente della Repubblica. Quello in carica.

  • Autore articolo
    Luigi Ambrosio
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di ven 07/05/21 delle 07:15

    Metroregione di ven 07/05/21 delle 07:15

    Rassegna Stampa - 05/07/2021

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Ora di punta di gio 06/05/21

    Ora di punta di gio 06/05/21

    Ora di punta – I fatti del giorno - 05/06/2021

  • PlayStop

    Esteri di gio 06/05/21

    1. Effetto Brexit: navi da guerra nel canale della Manica, non si vedeva dalla seconda guerra mondiale. Il contenzioso sulla…

    Esteri - 05/06/2021

  • PlayStop

    Sunday Blues di gio 06/05/21

    Sunday Blues di gio 06/05/21

    Sunday Blues - 05/06/2021

  • PlayStop

    Lezioni di antimafia: Daniela Marcone, Lorenzo Sanua e Rosy Tallarita

    Nono incontro del quinto ciclo di “Lezioni di antimafia” ideato dalla Scuola di Formazione “Antonino Caponnetto” e coordinato da Raffaele…

    Lezioni di antimafia - 05/06/2021

  • PlayStop

    Uno di Due di gio 06/05/21

    Uno di Due di gio 06/05/21

    1D2 - 05/06/2021

  • PlayStop

    Considera l'armadillo gio 06/05/21

    Considera l'armadillo gio 06/05/21

    Considera l’armadillo - 05/06/2021

  • PlayStop

    Jack di gio 06/05/21

    Jack di gio 06/05/21

    Jack - 05/06/2021

  • PlayStop

    Stay Human di gio 06/05/21

    Stay Human di gio 06/05/21

    Stay human - 05/06/2021

  • PlayStop

    Memos di gio 06/05/21

    Governare la società del dopo Covid. E’ il titolo di un documento politico scritto da un gruppo di studiosi (economisti,…

    Memos - 05/06/2021

  • PlayStop

    Cult di gio 06/05/21

    ira rubini, cult, biumor, biennale umorismo 21, tolentino, invidia, hermas ercoli, roberto porroni, san maurizio in musica 21, sorelle, pascal…

    Cult - 05/06/2021

  • PlayStop

    Jennifer Guerra, Il capitale amoroso

    JENNIFER GUERRA - IL CAPITALE AMOROSO - presentato da FLORENCIA DI STEFANO ABICHAIN

    Note dell’autore - 05/06/2021

  • PlayStop

    37 e 2 di gio 06/05/21

    Sono uscite le linee guida del ministero della salute sulle cure a domicilio, ma non pochi medici hanno pareri differenti:…

    37 e 2 - 05/06/2021

  • PlayStop

    Prisma di gio 06/05/21

    Parliamo della piaga degli incidenti sul lavoro con l'ex segretario Cgil Sergio Cofferati. Il DDL Zan e la contrarietà di…

    Prisma - 05/06/2021

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di gio 06/05/21

    Rassegna stampa internazionale di gio 06/05/21

    Rassegna stampa internazionale - 05/06/2021

  • PlayStop

    Il demone del tardi - copertina di gio 06/05/21

    Il demone del tardi - copertina di gio 06/05/21

    Il demone del tardi - 05/06/2021

  • PlayStop

    Fino alle otto di gio 06/05/21

    Il risveglio di Popolare Network, l'edicola. La rubrica accadde oggi a cura di Elena Mordiglia: 6 maggio 1940, John Steinbeck…

    Fino alle otto - 05/06/2021

Adesso in diretta