Approfondimenti

“A me gli occhi, please”. Gigi Proietti muore il giorno del suo ottantesimo compleanno

Gigi Proietti

Era un artista totale, nato per fare il suo mestiere. Questa è la definizione che forse riassume meglio la straordinaria carriera di Gigi Proietti. Più ancora di quella etichetta da “mattatore”, coniata per altri e spesso affibbiata anche a lui. Era di origini semplici e suo nonno, che faceva il guardiano di pecore, gli aveva lasciato un taccuino di sonetti in romanesco, dando così forse origine alla sua autentica passione per la parola dialettale.

In teatro, Gigi Proietti aveva mosso i primi passi nelle “cantine” romane, con Antonio Calenda e Piera Degli Esposti. Per mantenersi, faceva il cantante nei night e al Foro Italico, dove aveva incontrato il grande amore della sua vita, una ragazza svedese di nome Sagitta. Il successo arriva con Garinei e Giovannini: Gigi Proietti sostituisce Domenico Modugno in “Alleluija brava gente” ed è un trionfo.

Con “A me gli occhi, please!”, Gigi Proietti compie un piccolo miracolo: portare in TV il teatro colto, l’affabulazione petroliniana. Lunghissima è la lista delle sue interpretazioni teatrali, cinematografiche e televisive, di cui ricordiamo la più recente “Edmund Kean”, spettacolo dedicato al celebre istrione britannico, oppure la fortunata serie “Il maresciallo Rocca” e le 15 serate all’Auditorium Parco della Musica, con un one-man show che ha richiamato 60.000 spettatori.

Anche produttore, regista, autore e impresario, fra le sue sfide c’è anche la creazione e la direzione del Globe Theatre, spazio di ispirazione shakespeariana a Villa Borghese. Morire il giorno del suo ottantesimo compleanno è un fatto su cui forse lo stesso Gigi Proietti avrebbe amabilmente sorriso: un grande attore, si sa, si distingue per come esce di scena.

Foto | Rai

  • Autore articolo
    Ira Rubini
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di gio 03/12/20

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 12/03/2020

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di gio 03/12/20 delle 07:16

    Metroregione di gio 03/12/20 delle 07:16

    Rassegna Stampa - 12/03/2020

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di gio 03/12/20

    Rassegna stampa internazionale di gio 03/12/20

    Rassegna stampa internazionale - 12/03/2020

  • PlayStop

    Il demone del tardi - copertina di gio 03/12/20

    Il demone del tardi - copertina di gio 03/12/20

    Il demone del tardi - 12/03/2020

  • PlayStop

    Fino alle otto di gio 03/12/20

    Fino alle otto di gio 03/12/20

    Fino alle otto - 12/03/2020

  • PlayStop

    Funk shui di gio 03/12/20

    Funk shui di gio 03/12/20

    Funk shui - 12/03/2020

  • PlayStop

    Jazz Ahead di mer 02/12/20

    Jazz Ahead di mer 02/12/20

    Jazz Ahead - 12/03/2020

  • PlayStop

    A casa con voi di mer 02/12/20

    A casa con voi di mer 02/12/20

    A casa con voi - 12/02/2020

  • PlayStop

    Esteri di mer 02/12/20

    Esteri di mer 02/12/20

    Esteri - 12/02/2020

  • PlayStop

    Ora di punta di mer 02/12/20

    Ora di punta di mer 02/12/20

    Ora di punta – I fatti del giorno - 12/02/2020

  • PlayStop

    Sunday Blues di mer 02/12/20

    Sunday Blues di mer 02/12/20

    Sunday Blues - 12/02/2020

  • PlayStop

    Stile Libero di mer 02/12/20

    Stile Libero di mer 02/12/20

    Stile Libero - 12/02/2020

Adesso in diretta