Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR di mer 19/02 delle ore 19:31

    GR di mer 19/02 delle ore 19:31

    Giornale Radio - 19/02/2020

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mer 19/02

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 19/02/2020

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mer 19/02 delle 19:47

    Metroregione di mer 19/02 delle 19:47

    Rassegna Stampa - 19/02/2020

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Ora di punta di mer 19/02 (seconda parte)

    Ora di punta di mer 19/02 (seconda parte)

    Ora di punta – I fatti del giorno - 19/02/2020

  • PlayStop

    Esteri di mer 19/02

    1-Intelligenza artificiale. Nel suo libro bianco l’unione europea chiede norme obbligatorie. Il riconoscimento facciale è tra i sistemi ad alto…

    Esteri - 19/02/2020

  • PlayStop

    Ora di punta di mer 19/02 (prima parte)

    Ora di punta di mer 19/02 (prima parte)

    Ora di punta – I fatti del giorno - 19/02/2020

  • PlayStop

    Malos di mer 19/02 (seconda parte)

    Malos di mer 19/02 (seconda parte)

    MALOS - 19/02/2020

  • PlayStop

    Malos di mer 19/02 (prima parte)

    Malos di mer 19/02 (prima parte)

    MALOS - 19/02/2020

  • PlayStop

    Due di due di mer 19/02 (seconda parte)

    Due di due di mer 19/02 (seconda parte)

    Due di Due - 19/02/2020

  • PlayStop

    Due di due di mer 19/02 (prima parte)

    Due di due di mer 19/02 (prima parte)

    Due di Due - 19/02/2020

  • PlayStop

    Jack di mer 19/02 (seconda parte)

    Jack di mer 19/02 (seconda parte)

    Jack - 19/02/2020

  • PlayStop

    Jack di mer 19/02 (prima parte)

    Jack di mer 19/02 (prima parte)

    Jack - 19/02/2020

  • PlayStop

    Considera l'armadillo mer 19/02

    Considera l'armadillo mer 19/02

    Considera l’armadillo - 19/02/2020

  • PlayStop

    Radio Session 19-02-20

    a cura di Giordano Casiraghi, con Barbara Volpi.

    Radio Session - 19/02/2020

  • PlayStop

    Tazebao di mer 19/02

    Tazebao di mer 19/02

    Tazebao - 19/02/2020

  • PlayStop

    Memos di mer 19/02

    Quante “Italie” ci sono in Italia? E quali sono le differenze tra loro? E se quelle differenze sono dei veri…

    Memos - 19/02/2020

  • PlayStop

    Note dell'autore 19/02/20

    MARCO PASTONESI - IL MIO CALCIO LIBERO - presentato da MATTEO SERRA

    Note dell’autore - 19/02/2020

  • PlayStop

    Cult di mer 19/02 (seconda parte)

    ira rubini, cult, maurizio principato risonanze, cimitero monumentale, carla de bernardi, passeggiata con quiz, tiziana ricci, indifesa, contro la violenza…

    Cult - 19/02/2020

  • PlayStop

    Cult di mer 19/02 (prima parte)

    ira rubini, cult, maurizio principato risonanze, cimitero monumentale, carla de bernardi, passeggiata con quiz, tiziana ricci, indifesa, contro la violenza…

    Cult - 19/02/2020

  • PlayStop

    Barrilete Cosmico di mer 19/02

    Il profilo di Socrates e la Democrazia Corintiana, la squalifica del Manchester City dalla Champions League, rubrici libri e sport…

    Barrilete Cosmico - 19/02/2020

  • PlayStop

    Prisma di mer 19/02 (terza parte)

    Prisma di mer 19/02 (terza parte)

    Prisma - 19/02/2020

  • PlayStop

    Prisma di mer 19/02 (seconda parte)

    Prisma di mer 19/02 (seconda parte)

    Prisma - 19/02/2020

  • PlayStop

    Prisma di mer 19/02 (prima parte)

    Prisma di mer 19/02 (prima parte)

    Prisma - 19/02/2020

Adesso in diretta

Approfondimenti

Decine di migliaia in festa al Pride Milano

È finita con migliaia di persone che hanno levato le mani in alto e spezzato delle strisce di carta, simboliche, su cui erano scritte parole come “violenza“, “omofobia“, “razzismo“. Migliaia di persone – gli organizzatori dicono 200 mila, erano comunque tantissime – hanno sfilato dalla stazione Centrale a porta Venezia per il Gay Pride milanese. Alla fine della marcia, che si è snodata sotto un sole a picco, gli organizzatori hanno rilanciato le future sfide per il movimento LGBTQ: i matrimoni egualitari, le adozioni, una legge contro l’omofobia e la trans fobia. Dal podio, per il comune di Milano che ha dato il patrocinio, ha parlato l’assessore alle Politiche Sociali Pierfrancesco Majorino, che ha annunciato che due beni confiscati alla mafia andranno a ospitare giovani omosessuali rifiutati dalle famiglie. E dal podio ha parlato il sindaco Giuseppe Sala, che ha assicurato l’appoggio del Comune alla lotta per i diritti e che ha anche, velatamente, alluso all’indagine giudiziaria che lo interessa. “Oggi avevo bisogno del vostro calore – ha detto Sala – sono felice di essere il vostro sindaco”. È stato, per concludere, un Pride pieno di ragazzi, anche giovanissimi. Un Pride che si lega simbolicamente alla manifestazione per i migranti dello scorso 20 maggio – e infatti in molti dal podio hanno richiamato la legge sullo ius soli. Un Pride che ha confinato le rivendicazioni politiche alla fine, ai discorsi dal podio, e che per il resto è stato pura festa, divertimento, rivendicazione orgogliosa di presenza. In questo, quindi, il Pride di una comunità omosessuale, quella italiana, che dopo l’approvazione delle unioni civili è più vicina all’Europa e può, con più tranquillità e “normalità”, preparare le sfide future.

 

Le nostre foto del Pride Milano

[slideshow_deploy id=’117272′]

  • Autore articolo
    Roberto Festa
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni