Approfondimenti

Gabon nel caos, proteste dell’opposizione

La capitale del Gabon, Libreville, è nel caos, ci sarebbero almeno due morti e una ventina di feriti. Motivo: è andato in scena il solito copione africano dei presidenti che perdono le elezioni e non se ne vogliono andare.

Le cose sono andate così. Alla notizia della vittoria elettorale di Ali Bongo sono cominciate le proteste. Una folla di persone ha attaccato e incendiato un’ala del parlamento. Soldati con berretti verdi, cioè un reparto scelto che supporta la guardia presidenziale, hanno immediatamente aperto il fuoco contro la folla con granate stordenti, candelotti lacrimogeni e probabilmente anche proiettili veri.

Poco dopo la guardia presidenziale con l’ausilio di elicotteri ha attaccato il quartier generale dell’opposizione. Le due vittime sono rimaste uccise in questo attacco notturno.

In Gabon sì è votato domenica per le presidenziali e i risultati – vista l’esigua popolazione del Paese,  poco più di un milione e mezzo di abitanti – erano attesi per martedì. La commissione elettorale li ha resi noti ieri e ha assegnato la vittoria ad Ali Bongo con un vantaggio esiguo, circa l’1,5 per cento, sul rivale Jean Ping.

Chi sono questi due personaggi. Ali Bongo è figlio di Omar Bongo, l’uomo che ha governato il Paese per ben 42 anni, dal lontano 1967. Quella dei Bongo è praticamente una dinastia che si è impossessata del Paese che è ricchissimo di petrolio e ha una foresta preziosa di alberi pregiati che forniscono un legno ambito da molte imprese straniere. Il rivale di questo rampollo ereditario non è un personaggio qualunque. Si chiama Jean Ping, nero ma con lontane origini cinesi che fino a qualche anno fa era una delle teste pensanti dell’entourage presidenziale, tanto che era stato nominato segretario generale dell’Unione Africana.

Un personaggio che, nel vuoto politico e nell’esasperazione della popolazione, ha catalizzato, evidentemente in modo inaspettato per il regime, molti voti. Il ritardo nella proclamazione ufficiale della commissione elettorale è dovuto probabilmente al fatto che ci si è trovati di fronte a una vittoria di Jean Ping e si è dovuto decidere come procedere.

In quelle ore convulse la commissione elettorale ha probabilmente dovuto inventarsi un sistema per assegnare la vittoria ad Ali Bongo. Lo ha trovato sfruttando una regione, quella di Haut Ogooué, dove l’affluenza è stata del 99 per cento mentre quella nell’intero Paese ha solo sfiorato il 59 per cento. In quelle ore poi la pagina Wikipedia di Haut Ogoouè è stata cambiata almeno una decina di volte modificando il numero di abitanti che sono passati da 54mila a 250mila. Inutile dire che il voto in questa regione è stato praticamente un plebiscito per Bongo, il 95 per cento dei consensi.

La rivolta, scoppiata spontanea (anche se sotto l’ala dell’opposizione) ha fatto pensare – o sperare – a una replica di ciò che è avvenuto in Burkina Faso con l’eterno Blaise Compaoré che è stato costretto alla fuga.

In Gabon è però tutto più complicato. Bongo e il suo entourage sono protetti da una guardia presidenziale che è formata essenzialmente da contractors marocchini (il presidente, evidentemente, non si fida dei suoi militari) e questi sono già stati impiegati anche in operazioni di intelligence e repressione. Poi la popolazione esigua e il Paese che è praticamente limitato alla capitale, Libreville, rendono tutto più controllabile. Una constatazione finale però è d’obbligo. E’ ormai evidente che la società civile africana è sempre più motivata a liberarsi di dittatori ferrei che non distribuiscono ricchezza e tengono interi paesi in ostaggio dei loro entourage.

  • Autore articolo
    Raffaele Masto
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mer 27/05

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 27/05/2020

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mer 27/05 delle 07:15

    Metroregione di mer 27/05 delle 07:15

    Rassegna Stampa - 27/05/2020

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Radio Session di mer 27/05 (seconda parte)

    Radio Session di mer 27/05 (seconda parte)

    Radio Session (Stay Human) - 27/05/2020

  • PlayStop

    Radio Session di mer 27/05 (prima parte)

    Radio Session di mer 27/05 (prima parte)

    Radio Session (Stay Human) - 27/05/2020

  • PlayStop

    Memos di mer 27/05

    La città in-attesa. E’ la città che spera di uscire dall’emergenza Covid-19. E’ una città che sta aspettando qualcosa di…

    Memos - 27/05/2020

  • PlayStop

    Note dell'autore - 27/05/20

    LUCA NANNIPIERI - RAFFAELLO. IL TRIONFO DELLA RAGIONE - presentato da TIZIANA RICCI

    Note dell’autore - 27/05/2020

  • PlayStop

    Cult di mer 27/05

    ira rubini, cult, Risonanze, ANAP, istanza Lavoratori dello Spettacolo Urbano, Riapertura musei civici milanesi, Casa Museo Boschi Di Stefano. Tiziana…

    Cult - 27/05/2020

  • PlayStop

    Barrilete Cosmico di mer 27/05

    Con Alessadro Nocera, Direttore tecnico dell’Atletica Riccardi di Milano, parliamo di atletica, allenamenti e gare; intervista a Marco Cattaneo, autore…

    Barrilete Cosmico - 27/05/2020

  • PlayStop

    Prisma di mer 27/05 (terza parte)

    Ancora su Italia Viva, che con la consigliera regionale Patrizia Baffi si prende la presidenza della commissione d'inchiesta regionale sugli…

    Prisma - 27/05/2020

  • PlayStop

    Prisma di mer 27/05 (seconda parte)

    Claudio Jampaglia in diretta da Bresso, importante focolaio del virus nel milanese. Intervista con la Ministra Teresa Bellanova che spiega…

    Prisma - 27/05/2020

  • PlayStop

    Prisma di mer 27/05 (prima parte)

    Lo pneumologo Sergio Harari spiega i problemi cronici sui polmoni che resteranno a una percentuale di pazienti ce hanno avuto…

    Prisma - 27/05/2020

  • PlayStop

    L'anellino d'argento

    Scritta da Grazia Deledda e narrata da Ira Rubini

    Favole al microfono - 27/05/2020

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di mer 27/05

    Rassegna stampa internazionale di mer 27/05

    Rassegna stampa internazionale - 27/05/2020

  • PlayStop

    Il demone del tardi - copertina di mer 27/05

    Il demone del tardi - copertina di mer 27/05

    Il demone del tardi - 27/05/2020

  • PlayStop

    Fino alle otto di mer 27/05 (terza parte)

    Fino alle otto di mer 27/05 (terza parte)

    Fino alle otto - 27/05/2020

  • PlayStop

    Fino alle otto di mer 27/05 (seconda parte)

    Fino alle otto di mer 27/05 (seconda parte)

    Fino alle otto - 27/05/2020

  • PlayStop

    Fino alle otto di mer 27/05 (prima parte)

    Fino alle otto di mer 27/05 (prima parte)

    Fino alle otto - 27/05/2020

  • PlayStop

    Stile Libero: Culture in Movimento 26-05-20

    Woods, Badly Drawn Boy, Blake Mills, Archie Shepp, Raw Poetic, Damu the Fudgemunk, Anna Prohaska, Julius Drake

    Stile Libero - 27/05/2020

  • PlayStop

    Cambiavento di mar 26/05

    Cambiavento di mar 26/05

    Cambia vento! - 27/05/2020

Adesso in diretta