Approfondimenti

Francia, la battaglia per chiedere al governo di fare del femminicidio un reato a tutti gli effetti

Nous Toutes Francia femminicidio ANSA

Negli ultimi anni in Francia riemerge regolarmente il dibattito sulla possibilità di fare del femminicidio un reato a tutti gli effetti iscritto nel codice penale. Tra i promotori di questa proposta c’è l’organizzazione femminista Nous Toutes. Maëlle Noir è membra del loro comitato nazionale e dottoressa di ricerca in Diritto proprio su questi temi:

Per noi è importantissimo inserire nel codice penale il reato di femminicidio perché il termine aggiungerebbe un valore simbolico all’omicidio di una donna in quanto donna. I magistrati e chi lavora nel mondo del Diritto dice spesso che l’arsenale giuridico è sufficiente, al giorno d’oggi, per condannare penalmente i femminicidi. Ed è vero che oggi i femminicidi sono perseguiti in quanto omicidi od omicidi aggravati in ambito coniugale. Ma è una definizione che non prende in conto l’origine patriarcale, legata al genere, del femminicidio. Codificarlo permetterebbe non solo di mandare alla vittima il segnale che la legge la protegge, ma direbbe anche al potenziale aggressore che le violenze femminicide sono punite in quanto tali.

Chi si oppone a questa possibilità, compresa la Commissione Nazionale di Consulenza sui Diritti Umani nel 2016 e un rapporto parlamentare del 2020, avanza tra le altre obiezioni che creare il reato di femminicidio vuol dire intaccare il principio di neutralità e universalità della giustizia. Negli ultimi anni, con l’abolizione dei termini di parricidio e di infanticidio si è andati più in questa direzione. È il principio per cui siamo tutti uguali davanti alla legge.

Il principio di universalità della giustizia e dell’applicazione egalitaria della giustizia e delle pene è un principio generale del diritto. Noi, in quanto associazioni femministe, consideriamo che in realtà sia un principio applicabile solo in una società realmente egalitaria e paritaria. Cioè dove non si discrimini in base al genere, alla razza, alla classe sociale o ad altre caratteristiche identitarie. E, per l’appunto, denunciamo questa pretesa di obiettività e di neutralità della giustizia che non tiene conto della realtà in cui viviamo. Una realtà che paritaria ed egalitaria non è, per lo meno non in Francia.

Un’altra importante obiezione porta sul merito. La legge ha bisogno di definire chiaramente un reato per poterlo provare e quindi punire ma la definizione stessa di cosa sia un femminicidio è problematica e non univoca. Voi cosa proponete?

Abbiamo lavorato e riflettuto a lungo con Nous Toutes e le organizzazioni dell’Inter Orga Féminicides, con cui tra l’altro contabilizziamo i femminicidi in Francia, proprio per poter arrivare a una definizione precisa. Dopo un anno di lavoro abbiamo proposto di definire femminicidio ‘l’assassinio o il suicidio indotto di una donna in base al suo sesso e indipendentemente dall’età e dalle circostanze.’ Aggiungiamo che i femminicidi si iscrivono in un contesto di violenza patriarcale sistemica e/o all’intersezione di altri sistemi d’oppressione. È chiaramente una definizione militante e forse complicata da tradurre in termini giuridici perché in materia penale è a esempio difficile stabilire e provare il nesso causale tra violenze di genere, suicidio indotto e quindi femminicidio. Ma per noi è una base di partenza su cui potrebbe lavorare il legislatore e che include anche i femminicidi avvenuti al di fuori dell’ambito della coppia.

Se il dibattito è aperto sull’idea di creare il reato di femminicidio c’è invece un certo consenso sull’introduzione del reato di controllo coercitivo. Di che si tratta e per voi è sufficiente?

Il controllo coercitivo è una forma di violenza di genere che si traduce per esempio con la violenza psicologica e dei meccanismi di controllo e potere che possono comprendere il fatto di impedire a qualcuno di dormire o di usare la macchina, ma anche gli insulti. Sono tutti elementi che potrebbero essere inclusi nel reato di controllo coercitivo, che al momento non esiste in Francia ma è previsto da altre giurisdizioni. Quella spagnola, ad esempio, ma anche irlandese o del Regno Unito. Se ne parla anche nella convenzione di Istanbul e per noi è cruciale che si inizi a prendere in conto questo tipo di violenze coercitive. Perché fanno parte di quella catena piramidale di violenze che vanno per gradi, a partire dagli atti e insulti sessisti, e che possono culminare nel femminicidio. Quindi è importante codificare il controllo coercitivo per interrompere questa catena di violenze e prevenire i femminicidi agendo su tutta la linea. Penso però che oggi in Francia i poteri pubblici non abbiano preso veramente coscienza di quello che andrebbe fatto per contrastare i femminicidi. Ce ne sono stati oltre 860 dall’inizio del primo quinquennio di Macron e le misure di prevenzione e di risposta sono chiaramente insufficienti. La Francia spende circa 150 milioni all’anno per lottare contro la violenza sulle donne. Le organizzazioni femministe chiedono un budget di 3 miliardi, cioè circa lo 0,1% del PIL e sono loro che stanno facendo un vero lavoro di sensibilizzazione su questi temi. Le loro istanze iniziano a pervadere l’ambiente mediatico e in parte quello politico ma c’è ancora poca volontà politica di varare delle misure concrete e ambiziose per far fronte al problema delle violenze femminicide.

  • Autore articolo
    Luisa Nannipieri
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR domenica 25/02 10:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 25-02-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di domenica 25/02/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 25-02-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 23/02/2024 delle 19:48

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 23-02-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    La domenica dei libri di domenica 25/02/2024

    La domenica dei libri è la trasmissione di libri e cultura di Radio Popolare. Ogni settimana, interviste agli autori, approfondimenti, le novità del dibattito culturale, soprattutto la passione della lettura e delle idee. Condotta da Roberto Festa

    La domenica dei libri - 25-02-2024

  • PlayStop

    Va pensiero di domenica 25/02/2024

    Viaggio a bocce ferme nel tema politico della settimana.

    Va Pensiero - 25-02-2024

  • PlayStop

    Apertura musicale classica di domenica 25/02/2024

    La musica classica e le sue riverberazioni con Carlo Lanfossi per augurare un buon risveglio a “tutte le mattine del mondo”. Novità discografiche, segnalazioni di concerti, rassegna stampa musicale e qualunque altra scusa pur di condividere con voi le musiche che ascolto, ho ascoltato e ascolterò per tutta la settimana.

    Apertura musicale classica - 25-02-2024

  • PlayStop

    Emergenza di sabato 24/02/2024

    La trasmissione sulle novità musicali della scena emergente italiana. Per chi crede nel talento dei giovani artisti o ha solo voglia di scoprire nuova musica. Le canzoni in primo piano, ma anche tanti ospiti che ci raccontano la loro storia. Conduce La Melchi. - @lamelchi_

    Emergenza - 24-02-2024

  • PlayStop

    Snippet di sabato 24/02/2024

    Un viaggio musicale, a cura di missinred, attraverso remix, campioni, sample, cover, edit, mash up. Sabato dalle 22:45 alle 23.45 (tranne il primo sabato di ogni mese)

    Snippet - 24-02-2024

  • PlayStop

    News della notte di sabato 24/02/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 24-02-2024

  • PlayStop

    Warm-up di sabato 24/02/2024

    musica by Davide Facchini

    Warm-up - 24-02-2024

  • PlayStop

    Il sabato del villaggio di sabato 24/02/2024

    Il sabato del villaggio... una trasmissione totalmente improvvisata ed emozionale. Musica a 360°, viva, legata e slegata dagli accadimenti. Come recita la famosa canzone del fu Giacomo: Questo di sette è il più grandioso giorno, pien di speme e di gioia: di man tristezza e noia recheran l'ore, ed il travaglio usato ciascuno in suo pensier farà ritorno.

    Il sabato del villaggio - 24-02-2024

  • PlayStop

    Senti un po’ di sabato 24/02/2024

    Senti un po’ è un programma della redazione musicale di Radio Popolare, curata e condotta da Niccolò Vecchia, che da vent’anni si occupa di novità musicali su queste frequenze. Ospiti, interviste, minilive, ma anche tanta tanta musica nuova. 50 minuti (circa…) con cui orientarsi tra le ultime uscite italiane e internazionali. Da ascoltare anche in Podcast (e su Spotify con le playlist della settimana). Senti un po’. Una trasmissione di Niccolò Vecchia In onda il sabato dalle 18.30 alle 19.30.

    Senti un po’ - 24-02-2024

  • PlayStop

    Stay human di sabato 24/02/2024

    Ogni sabato dalle 17.35 alle 18.30, musica e parole che ci tirano su il morale in compagnia di Claudio Agostoni e il fedele Fela.

    Stay human - 24-02-2024

  • PlayStop

    Jailhouse Rock di sabato 24/02/2024

    Suoni, suonatori e suonati dal mondo delle prigioni Jailhouse Rock è una trasmissione radiofonica in onda su Radio Popolare e altre radio di Popolare Network, Radio Sonica, Radio Beckwith, Radio Zainet e Radio Onda d’Urto e altre ancora. In Jailhouse Rock storie di musica e di carcere si attraversano le une con le altre. Alla trasmissione collaborano detenuti del carcere romano di Rebibbia Nuovo Complesso e del carcere milanese di Bollate. Dando vita alla prima esperienza del genere, ogni settimana realizzano un Giornale radio dal carcere (Grc) in onda all’interno di Jailhouse Rock, nonché delle cover degli artisti ascoltati nella puntata. Ogni sabato dalle 16.30 alle 17.30, a cura di Patrizio Gonnella e Susanna Marietti. http://www.jailhouserock.it/ https://www.facebook.com/Jailhouse-Rock-451755678297925/

    Jailhouse Rock - 24-02-2024

  • PlayStop

    10 Pezzi di sabato 24/02/2024

    Una colonna sonora per il sabato pomeriggio, 45 minuti di musica con cui attraversare il repertorio di grandi artisti che hanno fatto la storia.

    10 Pezzi - 24-02-2024

  • PlayStop

    DOC – Tratti da una storia vera di sabato 24/02/2024

    I documentari e le docu-serie sono diventati argomento di discussione online e offline: sesso, yoga, guru, crimine, storie di ordinaria follia o di pura umanità. In ogni puntata DOC ne sceglierà uno per indagare e approfondire, anche dopo i titoli di coda, tematiche sempre più attuali, spesso inesplorate ma di grande rilevanza socio-culturale. E, tranquilli, no spoiler! A cura di Roberta Lippi e Francesca Scherini In onda sabato dalle 15 alle 15.30

    DOC – Tratti da una storia vera - 24-02-2024

  • PlayStop

    Chassis di sabato 24/02/2024

    con Margherita Buy su "Volare"; Vito Zagarrio parla di "Le seduzioni"; Giovanni Piperno e la storia di "16mm alla rivoluzione"; Velania A. Mesay presenta il documentario "Agape". Tra le uscite: "La zona d'interesse" di Jonathan Glazer; "Emma e il giaguaro nero" di Gilles de Maistre; "Night Swim" di Bryce Mc Guire.

    Chassis - 24-02-2024

Adesso in diretta