Approfondimenti

Fase 3 tra mare, acqua e spiagge. Intervista a Luca Lucentini dell’ISS

Regione Sardegna

La fase 3 è iniziata, le spiagge e gli stabilimenti hanno riaperto i battenti e la libera circolazione tra le Regioni sta permettendo la ripresa del turismo nazionale. Come ci si deve comportare al mare e quali sono i rischi di trasmissione del virus in spiaggia? Ne abbiamo parlato con Luca Lucentini, direttore del Reparto Igiene Acque Interne dell’Istituto Superiore di Sanità.

L’intervista di Serena Tarabini a Fino Alle Otto.

Quali sono le regole di base che avete divulgato nel vostro rapporto per la frequentazione delle spiagge?

Sono regole con cui siamo ormai abituati a convivere; il distanziamento interpersonale per evitare il contagio attraverso il droplets è la regola che muove un po’ tutte le altre: la riorganizzazione degli spazi, quindi ad esempio la distanza fra ombrelloni e lettini, il nostro comportamento, quindi il rispetto degli accorgimenti nella respirazione, e le raccomandazioni ormai note per i gestori dello stabilimento e per i bagnanti. Ci sono poi le raccomandazioni per prevenire il rischio, fortunatamente di per sé basso, di diffusione del virus attraverso le matrici ambientali, ovvero acqua e sabbia.

Nel suo rapporto l’ISS specifica il ruolo dell’acqua nella diffusione del virus

Il virus potrebbe essere teoricamente presente in acqua in quanto viene veicolato attraverso i reflui urbani. Se queste acque non vengono trattate attraverso la depurazione, e questo in Italia purtroppo non avviene, una piccola quota di queste acque viene immessa illegalmente nell’ambiente. Potrebbe quindi sopravvivere una quota ridotta di particelle virali, anche se il virus risulta molto suscettibile ai fattori ambientali, in particolare all’irraggiamento. Sono sufficienti 7 minuti di esposizione al sole per inattivarlo. Nelle acque poi ci sono fenomeni di diluizione importanti, poi è necessario l’aereosol, insomma la catena di fenomeni che dovrebbe portare a un contagio rende il rischio insignificante.
I controlli ambientali che riguardano anche tutti gli altri patogeni sono stati rinforzati. E poi tutto il controllo sulle acque di balneazione, andremo alla ricerca di indicatori che segnalano la presenza di acque reflue. Insomma c’è un sistema di controllo in atto molto articolato.

Ha senso la regola della distanza di 1 metro anche in acqua?

Ha senso ed è raccomandata per evitare la trasmissione da droplets. Ci possono essere starnuti e tosse anche in acqua, anche se il virus che finisce in acqua si diluisce. Dopodiché con il controllo della temperatura all’ingresso dovremmo ridurre al minimo il rischio di presenza di contagiati nelle spiagge.

Un’altra precisazione importante in termini ambientali che avete fatto e quella relativa all’eccesso di disinfezione.

La miglior forma è il lavaggio delle nostre mani. Noi raccomandiamo di sanificare le strutture, ma ciò significa una pulizia con normali saponi, possibilmente bio-compatibili. Bisogna cercare di evitare l’uso promiscuo di attrezzature e stare un po’ più attenti, fermo restando che la migliore disinfezione fortunatamente la fa il sole. In nessun caso bisogna farsi prendere da questa fobia di disinfezione che sta dilagando. Bisogna tenere conto che sì, il contagio per contatto può avvenire, ma in particolare in quegli ambienti dove ci può essere un’alta carica virale a causa della presenza di infetti, come gli ospedali. Questo lo è molto meno negli ambienti aperti.

Un altro tipo di problema è quello segnalato dai sindaci per quanto riguarda il controllo delle spiagge libere, che è impossibile e grava tutto sulle loro spalle, anche dal punto di vista economico.

Sono rimostranze giuste, ma dobbiamo dire che le nostre sono raccomandazioni che poi le Regioni hanno demandato ai sindaci. Non si vuole gravare su strutture che devono avere la possibilità di farlo, ma le nostre raccomandazioni sarebbero inutili senza elementi di buon senso da mettere in pratica: in spiagge libere che sono molto frequentate se non viene definito un indice di sovraffollamento, ovvero un numero massimo di persone per superficie, diventa difficile rispettare la regola del distanziamento, che per noi in questa fase è essenziale per prevenire il contagio ed evitare provvedimenti più gravi come la chiusura delle spiagge. Voglio sottolineare che il sindaco è l’autorità sanitaria del distretto urbano, ed è evidente che l’amministrazione comunale è la prima sentinella che può vigilare ed intervenire.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR martedì 23/07 19:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 23-07-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di martedì 23/07/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 23-07-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di martedì 23/07/2024 delle 19:50

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 23-07-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Poveri ma in ferie di martedì 23/07/2024

    Quando sotto la finestra di una donzella, con lo stereo sulla spalla, si riproducono a palla delle lunghe e per nulla struggenti power ballads. Tornano gli amati fondi di coesione Eu che ci portano all'isola d'Elba e l'incredibile rivista "Cazz'è" presentata da Lara Melchionda. Concludiamo con lo Schiaffo di Schiaffino che ci illumina sul "litigio" tra Unione Europea e Microsoft, ma anche col grande bisogno di vacanze di Al1.

    Poveri ma belli - 23-07-2024

  • PlayStop

    Parla con lei di martedì 23/07/2024

    Nella puntata di oggi sono ospiti le "Cicliste per caso", Linda Ronzoni e Silvia Gottardi. Si parla di bicicletta e di tutto il suo potenziale di empowerment, di viaggi e di donne che hanno fatto la storia sulle due ruote.

    Parla con lei - 23-07-2024

  • PlayStop

    Conduzione musicale di martedì 23/07/2024 delle 14:30

    Un viaggio musicale sempre diverso insieme ai nostri tanti bravissimi deejay: nei giorni festivi, qua e là, ogni volta che serve!

    Conduzione musicale - 23-07-2024

  • PlayStop

    La riforma dell'università che parte dai tagli

    La riforma universitaria proposta dal governo potrebbe aggravare significativamente il precariato nel settore accademico. Con oltre 500 milioni di euro di tagli al Fondo di finanziamento degli atenei e l’introduzione di nuove forme contrattuali precarie, il futuro dei ricercatori e dei lavoratori universitari appare sempre più incerto. Mattia Guastafierro ha discusso di questi temi con Davide Clementi, vice segretario dell'Unione Dottorandi Italiani, e Lorenzo Zamponi, ricercatore in Sociologia e Scienze Politiche alla Scuola Normale Superiore di Firenze.

    Clip - 23-07-2024

  • PlayStop

    Il Filo della Storia - Power Woman

    Mai sottovalutare una spilla, se a metterla è una donna di potere. Storia dei colletti di Ruth Bader Ginsburg, delle spille di Madeleine Albright e molto altro. A cura di Alba Solaro

    Il Filo della Storia - 23-07-2024

  • PlayStop

    Cult di martedì 23/07/2024

    Oggi a Cult Estate: il regista Corrado Ceron per il film "L'invenzione di noi due", dai libri di Matteo Bussola; in tutta Italia, si moltiplicano le Pastasciutte Antifasciste e Resistenti, sul modello di quella di Gattatico, al Museo dedicato ai Fratelli Cervi; a Kilowatt Festival il coreografo e danzatore Giorgio Rossi e il musicista jazz Livio Minafra presentano "Agata"; a Capo Peloro (Messina) prosegue il festival pluridisciplinare Horcynus Orta...

    Cult - 23-07-2024

  • PlayStop

    Giorni migliori di martedì 23/07/2024

    La corsa di Kamala Harris alla Casa Bianca con Federico Romero, professore emerito di Storia all’Istituto universitario europeo di Firenze. Il parere della Corte Internazionale di Giustizia contro Israele per l'occupazione dei territori palestinesi con Luigi Daniele, docente di Diritto dei conflitti armati alla Nottingham Trent University. La riforma dell'università che porterà tagli e precariato con Davide Clementi, vice segretario dell'Unione dottorandi italiani, e Lorenzo Zamponi, ricercatore in Sociologia e Scienze alla Scuola Normale Superiore a Firenze. Il crollo di un ballatoio nella Vela di Scampia con Ciro Pellegrino, giornalista di Fanpage. Le Olimpiadi di Parigi con Stefano Montefiori, corrispondente del Corriere della Sera da Parigi.

    Giorni Migliori – Intro - 23-07-2024

Adesso in diretta